Utente 506XXX
Buongiorno,
assumo la pillola anticoncezionale Zoely da febbraio per perdite abbondanti mestruali che mi anemizzavano e per regolarizzare il ciclo. La ginecologa mi ha fatto fare alcuni accertamenti per la coagulazione prima di prescrivermela, poi ha detto che potevo prenderla senza problemi, anche perché non ho alcun fattore di rischio: nessuna familiarità né per trombosi né per ictus o problemi al cuore (solo un bisnonno con patologie cardiache ma non credo che valga!), non bevo, non fumo, non sono sovrappeso, colesterolo nella norma e svolgo attività fisica.
Da qualche giorno però mi vengono dei leggeri mal di testa (non tutti i giorni, oggi ce l'ho ma non l'avevo da una settimana) su un sito online ho letto che la pillola anticoncezionale può far venire ictus ed emorragia cerebrale. Mi spaventa moltissimo quest'ultima. Ma una cosa non mi è chiara: la pillola non dovrebbe fungere da coagulante? E allora perché si rischia l'emorragia? In più la ginecologa mi aveva detto che dopo 3 mesi la possibilità di avere effetti collaterali scema, mentre ho letto altrove che il rischio è proprio nella terapia continuativa che sto facendo.
Il mio rischio di ictus o emorragia cerebrale è così alto? I mal di testa possono c'entrare qualcosa con la pillola?
Insomma, sono leggermente in apprensione.
Grazie a chi mi risponderà. Posto in Cardiologia perché credo che i disturbi della coagulazione abbiano a che fare con questa "branca". Grazie e a presto!
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Semmai la pillola anticoncezionale puo' favorire l'ictus ischemico, che purtroppo non provoca dolore, oppure le trombosi venose profonde
Sono evenienze molto rare, specie in donne giovani senza familiarita' per cardiopatia ischemica o vasculopatie, non fumatrici e magre come lei.

Si tranquillizzi

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza