Fibrillazione artriale come affrontarla

Salve ho 48 anni e sono affetto da fibrillazione artriale e volevo fare alcune domande. Intanto, per mia colpa, credo di averla da parecchio tempo e non avevo fatto caso ad un ECG del 2016 in cui veniva citata ma che io erroneamente non avevo letto bene quindi si parla di periodo antecedente al 2016. L'ho finalmente riscontrata a settembre 2018 e sono andato in cardiologia in ospedale dove mi hanno somministrato per 1 mese Xarelto 20mg dopodiche' ho effettuato una cardioversione con successo e ho continuato a prendere xarelto per 1 mese. 7 mesi di battito cardiaco perfetto e a giugno 2019 e' ritornata, ho rifatto 1 mese di xarelto, un'altra cardioversione eseguita con successo venerdi scorso e da venerdi oltre a prendere ancora per 1 mese Xarelto ho iniziato a prendere dei farmaci antiaritmici, per la precisione Almarytm 100mg ogni 12 ore, per ora mi hanno detto di andare avanti cosi, che un'ablazione alla mia eta' non garantirebbe una sicurezza della riuscita al primo tentativo e che 2/3 operazioni sarebbero necessarie per garantirne una riuscita quasi sicura con la controindicazione pero' che ci sarebbe il minimo rischio di dover applicare un pacemaker.
1) Le procedure seguite fino a questo punto sono corrette? Io abito a Lavagna (GE) dove abbiano un centro cardiologico, non paragonabile con centri all'avanguardia come il San Raffaele a Milano o il Monzino per citarne 2 dei tanti eccellenti presenti.. ma potrei chiedere di fare delle visite specialistiche in questi centri oppure per la mia patologia le soluzioni sarebbero le stesse?
2) Quali potrebbero essere state le cause della fibrillazione? ho escluso ereditarieta' visto che in famiglia nessuno ha mai avuto problemi, ho quindi dato colpa a 2 cose: lo stress e il nervosismo che a volte a causa del mio carattere mi affligge oppure all'uso prolungato di 30 anni di un medicinale di cui sono ancora succube (ora le spiego meglio) che e' il Vicks Sines Spray Aloe? Ho letto negli effetti collaterali problemi cardiovascolari.
Per quanto riguarda questo ultimo problema del naso, mi affligge una rinite vasomotoria fin da piccolo che a causa dell'uso prolungato del vicks sinex e' diventata cronica e quindi ho fatto una visita a marzo e mi sono messo in lista per essere operato di turbinati e setto nasale visto che ho i tessuti ispessiti, a volte mi si chiuse una narice, a volte l'altra, a volte sento proprio che respiro male dalle narici e quindi mi sarei dovuto operare il 10 luglio ma a causa del ritorno dell'artimia cardiaca ho dovuto rimandare opererazione nasale da novembre in poi. Al momento sotto consiglio dell'otorino sto prendendo 15gg si e 15gg no Eltair 100 che servirebbe come pre-operatorio quando sara' il momento.
E quindi chiedo se aritmia e problemi nasali potrebbero essere collegati (cattiva respirazione e/o medicinali dannosi prolungati)
Effettuata anche test sulla Tiroide con esito negativo, analisi sangue, urine, PSA perfette
Fumo 5/7 sigarette al giorno
Grazie, attendo risposta, Corrado Centanaro
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 77k 2,8k 2
Guardi sinceramente lei deve eseguire una ablazione, tra l'altro a Lavagna sono bravissimi.
Cosi' dopo qualceh mese sospendera' anticoagulanti ed antiaritmici

Arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test