Utente
Spett.

Dottori buongiorno, mi chiamo Stefano e volevo porvi una domanda:
Da diversi anni sono in cura per attacchi di panico con Elopram 30 mg e xanax 1 mg al di, con risultati eccellenti, visto che in passato con il seroxat, preso anche questo per qualche anno, non ho mai avuto gli stessi risultati.


La mia domanda è la seguente:
Purtroppo in questo periodo storico, ci siamo trovati a combattere contro una epidemia abbastanza preoccupante, ora so che nel caso di un possibile contagio il medico di base prescrive un antibiotico e in alcuni casi eparina per evitare possibili infezioni provocati dal COVID19.


La mia domanda è su l’antibiotico usato, cioè lo Zitromax, non compatibile con il Citalopram per QT lungo già provocato dall’antidepressivo, nel caso dovessi avere febbre e seguire il protocollo farmacologico, come dovrei comportarmi?

In passato ho usato Ciproxin per infezione urinaria e i battiti cardiaci mi scesero a 48 al minuto, quindi la combinazione dei due farmaci su la mia persona a gia confermato l’incopatibilita.


Nel malaugurato caso avessi bisogno di una terapia preventiva sopra indicata, sarebbe sufficiente togliere elopram un paio di giorni prima dell’assunzione antibiotico.


Il Citalopram per quanto mi riguarda è un ottimo farmaco e con pochi effetti collaterali, ma questa sua particolarità (interferenza qt) potrebbe in futuro, parlo anche di infezioni urinarie, prostatiti ecc, essere un forte limite alla sua assunzione.


Grazie mille per una vostra risposta e buon lavoro

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei sta mettendo "il carro davanti ai buoi"


1 - perche' mai dovrebbe contrarrae il COVID in modo cosi' disastroso da dover assumere una terapia?
2-non e' detto che eventualemente Zitromax aumenti il Qtc assieme al farmaco che sta assumendo
3- in tal caso basterebbe eseguire un ECG sotto terapia per sincerarsene

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Gentile dottor Cecchini, la ringrazio anticipatamente per la sua celere risposta.
In Lombardia, i medici di base, ancora prima del risultato del tampone danno terapia sopra citata per prevenire complicazioni.
Un esempio sono mio fratello che avrà risultato del tampone domani, mia nipote e alcuni amici che hanno avvisato il medico di base per febbre e hanno già incominciato terapia antibiotica.
Inoltre penso ad un futuro, quando una banale infezione urinaria, una prostatite o altro non potrà essere curata efficacemente con altra categoria di antibiotici, come mi è già su esso anni fa per una infezione da Klebsiella oxitoca non remissiva con altri due tipi di antibiotico.
Qualora fosse necessario, volevi solo sapere se l’interruzione del farmaco Elopram nel breve periodo, era sufficiente per non interagire in sinergia con l antibiotico e mandare ancora i miei battiti a 48 al minuto, anche perché ho sette anni di più .
Grazie per una sua risposta.
Ps: fatto cardiogramma per la bradicardia sotto antibiotico e antidepressivo è confermato un leggero allungamento qt dovuto a giudizio del cardiologo , alla terapia in atto.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
No guardi ...non ci siamo.

Il somministrare ad un paziente senza alcun sintomo antibiotici e' da idioti.
La febbere non e' sinonimo di COVID .
Basta con queste cretinate.
Che lo facciano in Lombardia od in BAsilicata srebbe lo stesso

La saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
Io le ho riferito solo la procedura che ho avuto modo di verificare di persona, tramite famigliari e amici, poi se sia da idioti , io non ho le competenze mediche per poterlo stabilire, in ogni modo essendo un medico ha la possibilità di informarsi con i suoi colleghi Lombardi sulla procedura preventiva non per il COVID19, ma per le possibili complicanze.
In ogni modo, se domani avessi la febbre a 38, dovrei chiamare il mio medico di base che in attesa di fare il tampone (circa 4/5 giorni) mi prescriverebbe quel tipo di antibiotico .
Io non volevo fare alcun tipo di polemica o di sbagliata informazione, volevo solo sapere da un cardiologo, se posso prendere lantibiotico in sicurezza , Magari interrompendo momentaneamente Elopram.
A questo punto valuterò la situazione è deciderò se rischiare e prendere lantibiotico, oppure pensare che il mio medico è un idiota , come quelli di sesto, Milano e ciniselllo (i comuni con le persone presunte contagiate che conosco personalmente) e non prendere nulla a mio rischio e pericolo

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Per una febbre banale NON si usa certo l' azitromicina.
Che non e' farmaco di prima scelta.
Ma lei pensa davvero che per un mal di gola per una sinusirte, per una faringite venga impiegata l'azitromicina?

Normalmente , dal momento che queste patologie sono al 99% virali e NON COVID, non c'e' indicazione a terapia antibiotica ma solo sintomatica.

Il somministrare di prima istanza per qualsiasi febbre l'azitromicina e' folle perche' crea, tra l'altro ceppi resistenti che renderebbero vano tale antibiotico in caso di infezioni gravi.


La saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#6] dopo  
Utente
Gentilissimo Dott Cecchini, intanto la ringrazio per la sua risposta.
No Dottore, io non penso alla somministrazione della Azitromicina per un banalissimo mal di gola perché non so neppure cosa sia , io le ho solo portato esempi personali come mio fratello e mia nipote momentaneamente sotto azitromicina con 38 di febbre e senza altri disturbi.
Domani mio fratello ritirerà il tampone e speriamo sia negativo e possa anche interrompere la terapia che oltretutto gli ha causato una forte diarrea.
Non voglio essere ripetitivo, ma la mia paura sinceramente non è quella del COVID19 , a bensì oltre la rottura di scatole per fare il tampone (venerdì mio fratello 8ore in auto) anche quello di non poter prendere un farmaco che potrebbe farmi male e a questo punto dovrei andare contro il parere del medico.
Sicuramente, il medico di base nel caso fosse necessario saprà consigliarmi al meglio, ma ripeto , sarei stato più tranquillo con il parere di un cardiologo che mi dica se l’interruzione dell’elopram potrebbe abbassare i rischi di complicanze con azitromicina nell’immediato, oppure no perché il Citalopram influirebbe per diversi mesi sul QT
Grazie ancora per la sua disponibilita

[#7]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Come le ho detto

1- non e' detto che l'azitromicina crei un allungamento del QTc (mai visto in vita mia..) neppure in assopciazione da Elopram

2- la somministrazione "a priori" della azitromicina e' folle e non suffragata da nessuna evidenza.

3- viene impiegata in caso di polmoniti evidenziate con Rx o meglio con TC in corso di infezioni di Covid e non certo per un tampone eventualmente positivo

Con questo la saluto

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#8] dopo  
Utente
Grazie mille