Utente
Buongiorno, mi chiamo Mario e abito in provincia di Firenze, sono desideroso di un parere in quanto leggermente preoccupato,
Fra 10 giorni dovrò eseguire un impianto di looprecoder in quanto sono un soggetto con pattern brugada indotto da ajmalina per ecg sospetto in basale, in assenza di ulteriori fattori di rischio.

L ospedale in questione preferisce per ora monitorizzarmi con un looprecorder in assenza di criteri oggettivi maggiori per impianto defibrillatore.

Essendo farmacista mi sono posto una questione che aihme non ho ricevuto risposte dall ospedale in quanto a detta dell infermiera in tempi di Covid e difficile mettersi in contatto con un medico, la questione è: e vero che viene utilizzata una dose di anestetico locale elevata per applicare questo impianto?
chiedo cio in considerazione del fatto che nei portatori di pattern brugada l anestesia locale possa fare male, grazie in anticipo.

[#1]  
Dr. Fabio Fedi

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
L'anestesia locale praticata con lidocaina, tanto più in associazione con adrenalina quale vasocostrittore per limitare il sanguinamento, non è descritta come particolarmente pericolosa per i pazienti affetti da sindrome di Brugada. Oltretutto, l'impianto di loop-recorder non prevede approfondimento nella fascia muscolare, pertanto la quantità di anestetico non è affatto così elevata.
Vi sono altri anestetici locali descritti come potenzialmente pericolosi per questi pazienti, ma sia l'anestesista che ovviamente il cardiologo interventista conoscono perfettamente le preparazioni contenenti i principi attivi controindicati.
Cordiali saluti
Fabio Fedi, MD
Specialista Cardiologo

[#2] dopo  
Utente
la ringrazio dottore,generalmente quanti ml di anestetico vengono utilizzati per il loop recoder?

[#3]  
Dr. Fabio Fedi

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Non è assolutamente quantificabile in anticipo, dipende da troppi fattori variabili da paziente a paziente.
Cordiali saluti
Fabio Fedi, MD
Specialista Cardiologo