Pressione alta e ansia

NON PER IL DR.
CECCHINI come suo espresso volere.


Salve dottori e grazie in anticipo per l'attenzione.


Sono un ragazzo di 21 anni e premetto che da 2 anni circa ho sviluppato un ansia generalizzata scaturita da un attacco di panico avuto in seguito ad un periodo stressante.

Tuttavia adesso riesco a controllare la mia ansia nelle azioni quotidiane fatta eccezione per ciò che vi riporto di seguito.


Dopo aver fatto una visita cardiologica in seguito a delle sudorazioni notturne (ormai scomparse) il cardiologo mi ha trovato la pressione a 140/90 tuttavia ero agitatissimo con il cuore in gola.


Successivamente ossessionato dal pensiero di essere iperteso ho fatto un holter pressorio in farmacia i cui risultati delle 24h sono:

SISTOLICA= MIN 93/ MAX 161/ MEDIA 127, 86/ DIFFERENZA 68/ DEV.
STD.
17, 10/ VARIANZA 292, 54/ ERR.
STD 14, 70

DIASTOLICA= MIN 46/ MAX 98/ MEDIA 74, 31/ DIFFERENZA 52/ DEV.
STD 12, 87/ VARIANZA 165, 57/ ERR.
STD 10, 81

MEDIA= MIN 65/ MAX 119/ MEDIA 91, 81/ DIFFERENZA 54/ DEV.
STD.
13, 49/ VARIANZA 181, 90/ ERR.
STD.
11, 54.


PULSAZIONI= MIN 51/ MAX 115/ MEDIA 78, 21/ DIFFERENZA 64/ DEV.
STD.
15, 89/ VARIANZA 252, 48/ ERR.
STD.
13, 66

PULSATORIA= MIN 19/ MAX 93/ MEDIA 53, 55/ DIFFERENZA 74/ DEV.
STD.
10, 89/ VARIANZA 118, 64/ ERR.
STD.
8, 17


Porto questi risultati al mio medico curante e mi prescrive "Bisoprololo 1, 25"
Da lì mi è crollato il mondo addosso, ho trascorso la notte con bruschi risvegli e l'intera giornata come uno zombie con il pensiero fisso al farmaco.


Sospendo tutto e mi reco da un giovane cardiologo il quale dopo aver fatto una visita completa e accurata mi dice che nonostante la mia pressione sia influenzata dall'effetto camice bianco non ho assolutamente bisogno del betabloccante.

E di tenere la pressione sotto controllo a casa.


Fatto sta che ogni volta che devo misurarla ho paura di farlo e mi agito dal momento che il primo risultato e sempre 147/90 poi scende a 130/80 alla terza misurazione.
O a volte resta tale.


Ormai ho come un ossessione che mi spegne il sorriso ogni qual volta penso di essere iperteso.


Non so più cosa pensare.

Sto valutando la scelta di cambiare medico curante dal momento che la sua scelta prontamente bocciata da un cardiologo mi ha spiazzato e fatto pensare che non sono assolutamente in buone mani.


Le recenti misurazioni (domestiche) sono tutte in range tranne quelle sotto ansia palese (145/85) e oggi che tremo di freddo (147/85).


Può tutto ciò essere imputato alla mia attuale ansia o magari sono realmente iperteso.

Grazie ancora a chiunque deciderà di leggere e darmi una risposta.

Sono spaventato.
[#1]
Dr. Fabio Fedi Cardiologo 2,9k 106
Tutti i valori di pressione arteriosa da lei riportati possono essere considerati NORMALI in un soggetto così ossessionato e impaurito da tutto ciò che riguarda la pressione.
Smetta di misurarla, cioè non la misuri MAI da solo e limiti questa operazione alle occasioni normali per un ragazzo di 21 anni, cioè in caso di visite di idoneità sportiva, lavorativa, preoperatoria eccetera.
In ogni caso, non potrà trovare risposte alle sue ossessioni su questo sito, e si affidi al definitivo parere di un cardiologo in carne ed ossa.
Cordiali saluti

Fabio Fedi, MD
Specialista Cardiologo

[#2]
dopo
Utente
Utente
Il problema risulta essere proprio questo. Il cardiologo mi ha detto che chi soffre di ipertensione da camice bianco ha dei valori pressori elevati solo durante una misurazione fatta in ambito medico. Ad ogni modo ho smesso di misurare la pressione. L'importante è aver capito che il mio medico ha preso completamente un abbaglio prescrivendomi un betabloccante.
Dico bene?
[#3]
Dr. Fabio Fedi Cardiologo 2,9k 106
Non ho elementi obiettivi per definire "un abbaglio" il comportamento del suo medico, e quand'anche li avessi questa non mi sembra la sede adatta per discuterne.
In ogni caso, e con questo concludo il mio consulto, mi pare evidente che lei abbia perso ogni fiducia nel suo medico, e per questo motivo le consiglio di provvedere al più presto alla sua sostituzione, per evitare problemi analoghi nel malaugurato caso dovesse aver bisogno di consultarlo in futuro.
Cordiali saluti

Fabio Fedi, MD
Specialista Cardiologo

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa