Utente
Buongiorno dottore,
il giorno 26 dicembre, dopo una cena particolarmente saporita e del vino (che di solito non bevo) ho accusato il mattino seguente sangue misto a muco nelle feci e diarrea. Il sangue appariva rosso vivo, quasi rosa. Il mio medico ha interpretato i sintomi come emorroidi, somministrandomi per una settimana Daflon e fermenti lattici. Ad oggi non noto miglioramenti e la cosa inizia a preoccuparmi. Alterno evacuazioni quasi normali con senso di fastidio anale ad altre di muco e sangue con feci frammentate e striate. Avendo avuto in famiglia casi di cancro al colon-retto inizio ad avere qualche preoccupazione. Faccio anche presente che sono molto emotivo e ultimamente molto stressato, ho pensato anche ad una colite, anch'essa nota, purtroppo in famiglia. Quanto deve preoccuparmi questa situazione?

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
L'abbondante cena e il vino senza dubbio hanno provocato o esacerbato i sintomi da lei descritti, ma non mi fiderei fino in fondo di una diagnosi fatta senza essere visitato. Non perché non sia corretta (può pure esserlo, visto che le emorroidi sono una patologia talmente diffusa che, per utilizzare una battuta, "non si negano a nessuno"), ma perché potrebbero passare inosservate altre patologie correlate che invece con una visita magari verrebbero alla luce. E non mi riferisco per forza alle patologie tumorali per le quali lei ha un fattore di rischio familiare; o comunque non solo; mi riferisco anche per esempio a infiammazioni del colon che possono tranquillamente essere responsabili dei disturbi descritti (muco, sangue, etc.). Niente allarmismi, quindi, ma una accurata visita proctologica questo sì!
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la gentile e celere risposta.
Avevo omesso che il medico di famiglia mi aveva già preventivamente prescritto una visita proctologica che infatti ho già prenotato.
Il problema, per me, è la snervante attesa...
Quello che mi chiedo è se la mia sia già un'età sensibile per i controlli accurati (ho 30 anni) per scongiurare patologie tumorali e quanto sono diffuse, in caso di familiarità, certi tipi di malattie. E' già il caso, secondo Lei, di iniziare controlli quali colonscopia o simili? Questo disturbo, che come asserisce, può essere causato da molteplici forme di infiammazioni, ha causato in me una sorta di panico.

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
La comprendo, ma da qui non sono in grado di dirle se fare subito una colonscopia sia opportuno o meno. Certo, i presupposti ci sono, ma la risposta definitiva potrà dargliela solo lo Specialista che potrà visitarla. Si tratta solo di avere un po' di pazienza...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#4] dopo  
Utente
Bene, grazie mille e buon lavoro.

[#5]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Di nulla.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com