Utente 341XXX
Buonasera,
mi è stato diagnosticato di recente, un ipertono dello sfintere anale interno, senza ragadi o emorroidi.Il tutto è associato a sindrome da colon irritabile,che tuttavia non mi ha quasi mai dato grandi problemi.
Mi è stata prescritta una terapia con Lexil e Antrolin, che hanno smosso di poco la situazione ( nessun grande problema prima della cura e nessun problema ora durante la cura.
Vi chiederete a questo punto, il perchè del mio consulto.
Questa diagnosi, mi ha indirizzato verso, un valido aiuto che potrei avere dal campo della proctologia rivolto ad un problema ben piu grande che vivo da qualche anno: Un costante stato ansioso...
Il medico che mi ha diagnosticato l'ipertono, mi ha riferito che è spesso associato a stati di ansia e stress e infatti noto spesso, che in tali situazioni, contraggo fortemente lo sfintere involontariamente.
Ho letto e sentito, che il rilassamento dell'ano, riduca l'ansia in un individuo e aiuta il libero fluire delle emozioni, ho anche letto che lo sfintere è strettamente collegato ai polmoni e quindi alla respirazione ( che mi è spesso molto difficoltosa, nonostante io non fumi).
Per farla breve, stiamo programmando con il dottore in questione, un intervento di sfinterotomia atto a rilassare l'ano.
Il motivo principale per cui lo farei, è quello di ottenere benifici psicofisici, con riduzione dell'ansia, permettere il libero fluire delle emozioni, che spesso sento bloccarsi e stare meglio in generale.
è realistico aspettarmi questo tipo di miglioramenti, dovuti all'intervento? dovuti al rilassamento dello sfintere?

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Sono molto perplesso sulle sue considerazioni. Ne parli con un serio proctologo prima di ogni decisione chirurgica.




Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 341XXX

Vorrei solamente sapere se un rilassamento dello sfintere, anche se indotto chirurgicamente induca uno stato di rilassamento psicofisico. Alcuni studi affermano questa teoria ( vedi rilassamento di jacobson). L'ansia e' strettamente correlata all ipertono dello sfintere, quindi risolvendo l ipertono si ottiene una riduzione dell'ansia. Dalla sua risposta deduco che lei non la pensa cosi...
O devo intendere che la medicina non la pensa cosi?

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008

>> Il motivo principale per cui lo farei, è quello di ottenere benifici psicofisici, con riduzione dell'ansia, permettere il libero fluire delle emozioni, che spesso sento bloccarsi e stare meglio in generale.
è realistico aspettarmi questo tipo di miglioramenti, dovuti all'intervento? dovuti al rilassamento dello sfintere? <<

Detta così mi sembra inverosimile quando riporta e non mi sembra che la medicina convenzionale sia su questa linea. Che poi la risoluzione di uno spasmo sfinteriale possa dare qualche beneificio (locale) è un'altra cosa. A meno che lei non concentri tutto sul suo "ipertono".....



Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it