Utente 213XXX
Salve,
da una settimana avevo un infiammazione sotto al glande, non sopra,(che già altre volte mi capitò di avere per cui non mi preoccupai molto) data da desquamazione e prurito persistente. Due giorni fa, riguardando la situazione noto delle papule a livello inguinale e tre molto piccole sull'asta. Preoccupato vado dal medico e chiedo una visita MST. Oggi entro e mi diagnosticano mollusco contagioso all'inguine e balanite. Inizio prossima settimana vado a toglierli.
Ho una relazione monogama (e teoricamente anche lei!) da due anni, livelli d'igene medio/alti a seconda delle giornate, lavoro fuori come rappresentante e dunque uso spesso per defecare wc pubblici e di ospedali (metto la carta igienica sulla tazza): può essere stato un wc pubblico?
La mia morosa farà anche lei un controllo ma par non avere nulla e l'ultimo rapporto lo abbiamo avuto due settimane fa quando anche io non avevo niente. Mi controllo abbastanza spesso anche indirettamente perché mi depilo con la lametta (e forse con quella me lo sono portato un po' in giro).

Ora chiedo: come è possibile che mi venga proprio all'inguine se effettivamente la relazione è monogama? Dovrei insospettirmi? Un'amica in un periodo primo di rapporti lo ha avuto... ma sulle spalle!
Può venire anche dentro la vagina di modo che non si veda e quindi è necessaria per lei la visita ginecologica o viene solo sulla cute (al limite sui margini esterni ma si nota)?
In ultimo: il mollusco può accompagnarsi a balanite? Perchè sono venute assieme e questo episodio mi sembra più lungo degli altri. In questo caso la mera coincidenza mi sembrerebbe un po' assurda.
Comunque non mi hanno dato creme o pomate ne per l'una ne per l'altra. Solo astensione sessuale fino a rimozione e controllo di li ad un mese. Spero mi rispondiate a quelle tre domande perchè mi sono venute in mente dopo la visita e ci sto rimuginando. Sopratutto sul discorso "fedeltà"e balanite con mollusco annesso.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

balanopostite e mollusco contagioso (POX virus) possono coesistere. Si tratta solitamente di due infezioni sessualmente trasmissibili. Esistono rari casi di infezione per contaminazione indiretta.

Per il resto noi facciamo i medici e ci fermiamo qui.

cari saluti

Dr Laino
www.latuapelle.it

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 213XXX

Grazie dott. Laino,
ma non ho ben capito: quando parla di coesistenza indica la probabilità che due eventi possano coesistere sebbene uno non sia causa dell'altro oppure parla di correlazione dunque il mollusco genera balanite o la balanite genera mollusco?
Per il resto volevo sapere anche se la mia morosa deve verificare anche la vagina internamente o se basta esternamente (poiché all'interno non arriva; questo io non lo so e cambierebbe le procedure anche perchè all'mst non credo lo facciano ed anzi, sono abbastanza sbrigativi).

In ultimo, entrambi ci depiliamo con la lametta. Ho letto che questo oltre ad essere motivo di auto-inoculazione, se il virus è già presente, può anche essere motivo di contaminazione indiretta. è corretto?

Ad ogni modo l'ultimo rapporto completo con la mia morosa l'ho avuto quasi due settimane prima e lei sembra non averne. Mistero. Comunque farà un controllo MST anche lei ed io per il resto mi fido perchè è inutile questionare su simili faccende: se uno sceglie di stare con qualcuno verosimilmente o si fida o non ci sta.

Attendo,
grazie mille!

[#3] dopo  
Utente 213XXX

Ho visto che non ha risposto ma faccio un altro post alla luce di alcune news positive e una negativa. Spero vivamente che possa aiutarmi ad indirizzare le mie diagnosi (e forse ancor più a prender con serenità tal problema visto che è la prima volta che mi accade).

La mia fidanzata ha effettuato la visita MST: negativo per molluschi o altri problemi.
Io ho ritirato delle analisi del sangue di routine che ho fatto (casualmente) il medesimo giorno in cui mi accorsi del problema: perfette in ogni parametro compreso compreso ves, fegato, urine e reni.
Preoccupato ho prenotato un test HIV (mai avuto rapporti a rischio, giusto quattro donne nei miei ventisei anni di vita): negativo.

Il problema ora non è il mollusco in sè ma la postite (così mi par d'aver capito tramite i suoi articoli) e mi rivedo perfettamente in una condizione: pelle secca con prepuzio "appiccicoso" difficile da retrarre e parecchio prurito in particolare se non lo bagno con un po' d'acqua per tenerlo umido.
All'inizio era molto più rosso. Da tre giorni lo lavo due volte al di con Jalma intimo e altre tre volte per igiene o per bagnarlo ma solo con acqua (perchè prude).

In tutto ciò ho due piccoli molluschi sull'asta (a questo punto presi chissà dove e chissà come) e parecchi sull'inguine (parte dx).

Lunedi procederò con la rimozione ma sarà un infermiera dell'mst a farla non il dermatologo dunque non posso chiedere consulto in tempo breve circa questo problema e sono seriamente preoccupato circa la cronicizzazione e/o irreversibilità di ogni evento medico che "non comprendo" (visto anche che sono un tipo ansioso e non sempre i miei attuali studi di filosofia possono giocar a mio favore -anche se ammetto un ottimo miglioramento del mio DOC!). Mi dia una mano per favore... secondo lei perchè dovrei avere una "postite" con tutta questa secchezza? è il processo infiammatorio che volge al termine? C'è qualcosa che possa fare od un prodotto da banco consigliabile che possa aiutare l'epitelio a riprendersi dal trauma ?(so che non si possono dare nomi di farmaci ma più volte ho letto che i prodotti da banco vengono anche nominati, quindi chiedo per mera ignoranza).

Grazie mille