Utente 258XXX
Buongiorno,
scrivo per mio marito che ha 42 anni e, a seguito di asportazione di frammenti, l'esame istologico ha diagnosticato "un campione rappresentato da carcinoma basocellulare (frammento interamente lesioneale) + carcinoma basocellulare.Margine di resezione su lesione".
Il dermatologo lo ha mandato dal chirurgo plastico per asportare meglio il tutto (si tratta di un nevo sebaceo da quanto ho capito) dato che si tratta del viso (zona accanto all'orecchio) e lunedì 12/6 avrà la visita. Il medico di base ed il dermatologo dicono che non si tratta di un tumore periocoloso che crea danni ed è sufficiente "pulire" la zona e controllare che con il tempo non si riformi. Vorrei sapere se davvero da questo punto di vista si può stare tranquilli o se vanno eseguiti esami specifici per capire se ha intaccato altre zone. Vi ringrazio anticipatamente e auguro buon lavoro.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentilissima, la descrizione del suo caso non mi pare molto chiara: si tratta di un iniziale nevo sebaceo? In questo caso esistono particolari nevi sebacei ad esempio del cuoio capelluto come il nevo sebaceo di Jadassohn (pubblicai un interessante caso scientifico anno fa su questa disembrioplasia) il quale può trasformarsi in parte anche in carcinomi baso cellulari: confermo la scarsissima tendenza all'invasività e ancora confermo l'approccio chirurgico plastico o dermatologico plastico per eliminare definitivamente il problema. Ovviamente non posso essere vincolante da questa sede telematica non conoscendo il caso
Saluti
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it