Utente 259XXX
Salve, ho deciso di effettuare un grande tatuaggio in una zona abbastanza estesa del corpo, sul fianco. Tuttavia il problema è che trovandosi lo studio del tatuatore non nel luogo dove vivo, dovrei prendere un treno sia prima che nelle ore immediatamente successive all’esecuzione del tatuaggio. Considerando che i treni sono probabilmente tra i luoghi più sporchi possibili, ma anche che nelle prime ore dopo la seduta la pelle è ricoperta con della pellicola ed il fianco è una zona già ulteriormente coperta dai vestiti, mi chiedevo: secondo voi cambia poco o devo categoricamente evitare di recarmi in un treno nelle ore successive perché correrei l’alto rischio di infettarmi? Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

Non capisco come farebbe ad infettarsi se la lesione è chiusa e coperta..

Per quanto attiene al tatuaggio, inutile dire che da dermatologi lo sconsigliamo caldamente (rischio allergie croniche, pseudolinfomi da tatuaggio, ritardi nella diagnosi delle malattie tumorali cutanee, compreso il melanoma solo per citare "qualcosa")ma ormai è più semplice in Italia vedere una persona tatuata che una non tatuata.

Dr Laino
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 259XXX

Gentile Dott,
la ringrazio per la celere risposta. La lesione non verrebbe a contatto con gli ambienti del treno, è chiaro, ma coperta da una pellicola, che a sua volta sarebbe coperta dai vestiti (che, questi sì, verrebbero a contatto con sedili ed altre superfici piene di batteri); ma so che si deve fare attenzione massima nei momenti immediatamente successivi all'esecuzione del tatuaggio. Da qui veniva la mia preoccupazione.

Per quanto riguarda i rischi del tatuaggio, ne sono consapevole, li ho già presi in considerazione, ma ne ho già altri e mi riferirò a uno studio molto serio, il che mi consente di escludere allergie e complicazioni varie. La ringrazio comunque.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
I rischi non solo solo connessi alle procedure che immaginiamo effettuate in sterilità, ma a problemi interconnessi con i pigmenti e i metalli pesanti presenti nei coloranti stessi e che possono presentarsi a distanza di anni

Saluti ancora
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Utente 259XXX

Questo problema riguarda solo i colori o anche l'inchiostro nero?

[#5] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Quesi tutti i colori: ad esempio ho descritto alcuni pseudolinfomi da tatuaggio da colore Rosso e Verde.

Saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#6] dopo  
Utente 259XXX

Quindi un tatuaggio nero non dovrebbe comportare questi rischi o comportarli in misura minore, è corretto?

[#7] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
No purtroppo.
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it