Utente 974XXX
gentili dottori, ho 34 anni.
A seguito di intervento di Fess avvenuto 20 giorni fa, ho preso molto cortisone una volta tornata a casa dall'intervento e precisamente prendevo il Deltacortene da 25mg due volte al giorno per 5 giorni e poi una volta al giorno per altri 5 giorni. Dopo due giorni ho avuto una brutta orticaria forse dovuta ad un'allergia all antibiotico e il dermatologo mi ha dato aerius antistaminico e deltacortene da 25mg due volte al giorno per due giorni e poi una volta al giorno per due giorni, ma il terzo giorno di notte ho avuto un rigonfiamento della gola e sono dovuta andare al pronto soccorso dove mi hanno fatto trimeton antistaminico piu cortisome endovena; il dermatologo che mi ha rivista mi ha modificato la cura con: punture di trimeton e bentelan da 4mg due volte al giorno per tre giorni, poi trimeton e bentelan da 1,5mg due volte al giorno per tre giorni e poi una volta al giorno per altri due giorni.
Ora il mio dubbio è, la dose di cortisone prima era 50mg al giorno ora 8mg seppur di diverso cortisone, cosa significa?
E poi sono molto preoccupata per le dosi massicce in quanto ho un aneurisma cerebrale e ho dimenticato di dirlo al dottore che mi ha prescritto la cura. e ho paura di alzare la pressione.
Secondo voi prendo troppo cortisone?
Devo chiamarlo per ridurre le dosi?
Oggi ho terminato il secondo giorno di cura.
Grazie mille, sono in ansia.

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

le molecole in questione, sebbene entrambe corticosteroidee, hanno un'efficacia terapeutica a dosaggi diversi perché diversi sono appunto i principi attivi.
Per quanto riguarda un eventuale aumento della pressione arteriosa, è opportuno, durante il periodo di somministrazione del farmaco, monitorare costantemente i vapori pressori, mattina e sera. Se questi dovessero aumentare significativamente avverta il medico prescrittore.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro