Utente 183XXX
Gentili Dottori, vi ringrazio in antipo per le vostre risposte sono un ragazzo di 19 anni e da qualche anno soffro di sporadici episodi di bruciori di stomaco,che negli ultimi anni stanno aumentando di intensità e di durata diventando quasi continui.
I bruciori si presentano quasi sempre al pomeriggio dopo pranzo specie dopo essermi alzato dal pisolino pomeridiano;il bruciore è tale da non riuscire a farmi dormire piu' di tanto(20 minuti) e cosi' sono costretto ad alzarmi.
In famiglia,mio padre ha un disturbo da reflusso esofageo(credo abbia l'esofago di barret) per la quale è in cura.
Dico questo perchè potrebbe aiutare a fornire indizi sui miei disturbi,potrebbe essere per quel che ne so semplice gastrite o reflusso esofageo.
Ho sempre temuto di fare una gastroscopia(il solo pensiero di vedermi ficcare una sonda in gola con me coscente mi fa star male) percio' non ho mai fatto questo esame.
Specifico che il disturbo avviene prettamente di pomeriggio mentre una volta avveniva quasi esclusivamente la sera dopo cena ,iniziava con un senso di forte fame e di bruciore di stomaco.
In alcuni rari casi mi è venuto la mattina al risveglio con sensazione di forte fame accompagnata da nausea cosicchè non potevo mangiare perchè c'era il rischio che vomitassi per la forte nausea.
Ora spero di aver fornito quanti piu dettagli possibili per stabilire la causa e il tipo di disturbo che mi è insorto.
in attesa di una vostra risposta repentina vi porgo distinti saluti.

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2008
E' possibile che si tratti di reflusso, ma non e' detto che sia necessaria una gastroscopia; quanto meno non subito! Magari intanto, con la sola visita e forse qualche accertameno ematochimico, un buon Gastroenterologo sara' in grado di consigliarle la terapia del caso.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2]  
Dr. Giovanni Greco

20% attività
0% attualità
12% socialità
BRINDISI (BR)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
I sintomi sono patogmomonici della presenza di gastrite con reflusso gastroesofageo,sicuramente la familiarita' e' importante.
Con inibitori di pompa e procinetici migliorera'.


cordiali saluti
Dr. giovanni greco