Utente 824XXX
Salve, ho effettuato una gastroscopia per via di una fastidiosa sensazione di muco in gola. Il referto è il seguente:
L'esofago è normale
La giunzione esofagi-gastrica è a 38 cm dall'a.d.s.
Il cardias è incontinente
Lo stimaco presenta mucosa diffusamente iperemica e con iniziali note di atrofia a livello del fondo; si segnala abbondante lago biliare denso
Si eseguono biopsie nel corpo-fondo e nell'antro per istologia e ricerca H.P.
Il piloro è normale
Il bulbo ed il secondo duodeno sono normali.

CONCLUSIONI DIAGNOSTICHE:
Incontinenza del cardias
Gastropatia eritematosa con atrofia del fondo (istologia e ricerca H.P.)

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
si tratta di una infiammazione della mucosa dello stomaco (gastrite).
E' opportuno eliminare i fattori aggressivi (fumo, alcol...) e praticare terapia farmacologica.
E' necessario attendere la risposta istologica per verificare se è presente infezione da Helicobacter. In questo caso dovrà praticare terapia antibiotica e antisecretiva.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Utente 824XXX

Grazie per la cortese e sollecita risposta.
Per completezza vi informo che sono donna, ho 32 anni, peso 47 kg (BMI 17), non fumo e non bevo alcolici. Bevo 2 o 3 caffè al giorno a stomaco non vuoto.

Giustamente occorre attendere i risultati delle biopsie.
Per ora peró la cosa che più mi preoccupa è la presenza di bile nello stomaco.
Da cosa potrebbe dipendere?
Grazie

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile signora,
la presenza di bile può dipendere da reflusso duodeno-gastrico che è connesso ad un'alterazione della motilità del tratto digerente superiore. Non è infrequente l'associazione con l'incontinenza del cardias (giunzione gastroesofagea).
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#4] dopo  
Utente 824XXX

Ultima curiosità: l'incontinenza del cardias equivale ad avere necessariamente reflusso gastro-esofageo?
Diversamente non mi spiego il muco nella zona retro nasale.
Grazie

[#5] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile signora,
l'incontinenza del cardias rende il reflusso gastroesofageo molto probabile.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#6] dopo  
Utente 824XXX

Salve, ho prenotato una visita gastroenterologica e nel frattempo ho ricevuto anche i risultati dell'esame bioptico.
Il respondo è:
BIOPSIA CORPO-FONDO GASTRICO: negativo
BIOPSIA ANTRO GASTRICO: Gastrite cronica con focale attività microerosiva. La ricerca di Helicobacter pylori è positiva.

Poiché la visita è prevista per novembre, vorrei farmi prescrivere la cura dal medico di base. Può essere una buona soluzione?

Grazie

[#7] dopo  
Utente 824XXX

Salve, sono in cura da circa due settimane con farmaci per curare il reflusso gastroesofageo e reflusso biliare con:
- Pariet 20 mg 1 volta al giorno la mattina
- Peridon 20 mg 2 volte al giorno prima di pranzo e cena
- Gaviscon advanced minimo 2 volte al giorno

La cura pare avere effetto, il muco in gola sembre essersi ridotto e pare migliorato anche l'appetito (prima avevo difficoltà a mangiare per lo scarso appetito).

Questa cura devo farla per due mesi, ad esclusione del Pariet che devo fare per un solo mese e per il Paridon 20 che per il secondo mese sarà Paridon 10 mg. Dopo curerò l'Helicobacter.

Mi ha inoltre prescritto l'ecografia addome superiore per verificare la presenza di calcoli, eventualmente responsabili del reflusso biliare, e l'esame delle feci per la ricerca di sangue occulto, da fare su 3 campioni.

Durante la visita il medico mi ha chiesto se fossi stata sempre così magra (46 kg x 1,67) e in quel momento gli ho risposto di si.
Poi ripensandoci ho notato che in effetti da un pò di tempo ho perso qualche kg, fattore che attributivo allo stress e all'ansia.

Non mangio tantissimo ma di certo mi rendo conto che il mio peso non è corrispondente alla mia alimentazione per cui mi chiedo se il reflusso e/o l'Elicobacter possono essere la causa della mia magrezza.

Inoltre credo si soffrire di colon irritabile poiché, dopo aver fatto colazione con latte e poi caffè, devo correre in bagno per le coliche e le scariche sono di tipo simil diarroico (feci chiare e pesanti).

Per questo ho due domande:
- può, anche il fatto di avere queste scariche, influire sul mio peso?
- dovendo fare l'esame delle feci, posso far specificare che sono anche per indagare su presunto colon irritabile?

Grazie

[#8] dopo  
Utente 824XXX

nessuno può aiutarmi?

[#9] dopo  
Utente 824XXX

Gentili dottori,
ho effettuato delle analisi del sangue ed è risultata la Vitamina D molto bassa "minore di 4 NG/ML" in una scala da 7.5 a 41 NG/ML e il calcio 9.2 mg/dl in una scala da 8.5 a 10.1 mg/dl.

Ora sono in attesa dei risultati delle analisi per la celiachia (anticorpi e genetiche) e temo che la carenza di vitamina D possa essere imputabile alla celiachia.

Visto che ad agosto ho eseguito una gastroscopia con biopsie volevo chiedere se un eventuale problema ai villi poteva essere evidenziato oppure bisognava indagare solo avendo già il sospetto della presenza del morbo celiaco?

Grazie

[#10] dopo  
Utente 824XXX

Buongiorno gentili dottori,
facendo delle analisi del sangue è risultato che ho (riassumo un pò tutto il post):

- Vitamina D 4,00 ng/ml e da qualche mese sto assumento il DIBASE 25 gocce a settimana (rifacendo l'analisi dopo un paio di mesi di somministrazione risultava comuque bassa 27,70 ng/ml);

- Calcio 9,2 mg/dl

- Ferritina 10 ng/ml (esame fatto la settimana scorsa)

- Ferro 124 gamma/dl (l'analisi del ferro è stata fatta ad aprile)

Ho eseguito anche gli esami per verificare una eventuale celiachia e gli esami sono risultati negativi, tranne parzialmente la predisposizione genetica:

HLA DQ2/DQ8 per celiachia
- DQA1*0501 presente
- DQB1*02 presente
- DQB1*0302 assente
- DRB1*04 presente

Commento: Presenza dell'eterodimero DQ2

La mia alimentazione esclude carne e derivati della carne, ma mangio pesce.

Vorrei capire da cosa dipende la mia magrezza, che sta diventando per me un problema, oltre a voler capire da cosa dipende la carenza di vitamina D.
Di sicuro non sono una mangiona, ma il mio peso 46,5/47 su 167 cm mi sembra un pò troppo poco.

Inoltre il tono del mio umore è sempre estremamente basso e ho sempre un freddo esagerato. Ma svariati controlli alla tiroide sono risultati perfetti (sia ecografia che dosaggi ormonali).

Il mio medico di base non è in grado di indirizzarmi (pensate che ho dovuto fare io l'esame della Ferritina poiché lui diceva che se il valore del Ferro stava bene, non era necessario valutare la Ferritina). Ed io non so come fare a capire cosa c'è in me che non funziona.

Dalla EGDS era risultato:
Il cardias è incontinente
Lo stomaco presenta mucosa diffusamente iperemica e con iniziali note di atrofia a livello del fondo; si segnala abbondante lago biliare denso
Si eseguono biopsie nel corpo-fondo e nell'antro per istologia e ricerca H.P.
Il piloro è normale
Il bulbo ed il secondo duodeno sono normali.

Dalla biopsia era poi risultato anche l'HP, eradicato alla prima cura.

Ho letto che il reflusso di bile può causare magrezza, come faccio a capire se anche nel mio caso la causa sia quella?

Grazie

[#11] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile signora,
la presenza dell'eterodimero DQ2 indica una probabilità statistica di celiachia più elevata rispetto alla popolazione generale, ma non permette la diagnosi di celiachia.

La biopsia effettuata in corpo, fondo e antro gastrico non rilevano la malattia celiaca: occorre la biopsia duodenale.

In conclusione, il consiglio è di rivolgersi ad uno specialista gastroenterologo che possa visitarla e indirizzare gli esami appropriati.

Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#12] dopo  
Utente 824XXX

Grazie per la cortese risposta.

Lo scorso anno mi sono già rivolta ad un gastroenterologo, lo stesso che aveva eseguito l'egds, che riguardando le foto del duodeno fatte durante l'esame, mi ha tranquillizzata dicendo che alla vista la mucosa era sana.

Penso però di rifare l'esame a breve.

Oltre l'egds, che esame potrei fare per indagare ulteriormente?

Grazie

[#13] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile signora,
per evitare di eseguire esami non pertinenti, attenderei che il gastroenterologo che potrà visitarla le indichi correttamente l'iter diagnostico.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#14] dopo  
Utente 824XXX

Gentile dottore, ho prenotato la visita gastroenterologica, se ne parla a giugno!

Nel frattempo volevo chiederle se approva quanto consigliato dal mio medico curante che, per la ferritina a 10 ng/ml, mi ha consigliato Ferro Grad Folic.

Grazie

[#15] dopo  
Utente 824XXX

Correggo, il farmaco è FerroLat Plus

Grazie

[#16] dopo  
Utente 824XXX

Buonasera dottori,
per fugare i miei dubbi relativamente alla celiachia, ma anche per verificare che non ci fosse più presenza di bile nello stomaco (trovata in occasione della EGDS eseguita nel 2012, quando avevo anche l'HP) ho eseguito una nuova EGDS.
Il risultato è il seguente:

L'esofago è normale per lume e mucosa. Cardias beante.
Lo stomaco è rivestito da mucosa lievemente iperemica. Si eseguono biopsie nell’antro per istologia e ricerca HP.

Il piloro è normale. Il bulbo ed il secondo duodeno sono normali. Sulla base della storia clinica si effettuano biopsie multiple in seconda porzione duodenale per studio della morfologia villare (istologia).

A. Biopsia Duodenale: Frammenti di mucosa del tenue intestino, parzialmente orientali ed in parte disepitelizzatati, senza significative alterazioni della morfologia villare ove valutabile. Non si osserva aumento della quota linfocitaria intraepiteliale (controllato con CD3).

B. Biopsia Antro Gastrico: Gastrite cronica lieve, senza evidenza di Helicobacter pylori.

L'unica cosa che non comprendo è quella relativa alla biopsia duodenale. Cosa significa?

Grazie

[#17] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile signora,
significa che la mucosa duodenale è nei limiti della norma.
Il quadro endoscopico è, in buona sostanza, quello già noto.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#18] dopo  
Utente 824XXX

La ringrazio per la gentile risposta.
Saluti cordiali