Utente
Salve,sono un ragazzo di 28 anni
vi scrivo perchè un po di giorni mi ritrovo con l'ano umido e una sensazione strana che non mi lascia per tuttoil giorno,ho come la sensazione di perdere liquidi,ma oltre ad un po di umido non esce nulla,inoltre controllandomi l'ano ho visto come tre piccole bollicine viola,come se fossere delle vene gonfie...io soffro di stitichezza spesso mi capita di andare al bagno una sola volta a settimana..mi è capitato spesso di defecare feci dure o scure ma solo alcune volte,o altre colte a ''pallette''...cmq però senza mai avere dolore,al massimo con un po di sangue ma molto poco,solo una volta ne ho visto un po di piu...diciamo che ora ho questa umidità e sensazione di perdere liquidi ma senza dolore alcuno,anche se vado al bagno dolore non ne ho e di sangue ora non ne ho visto..
si tratta di emorroidi?io mi sono fatto dare il proctolyn in farmacia(brucia un pochino)e le bustine sempre di proctolyn...

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Si potrebbe trattarsi di una infiammazione emorroidaria che giustificherebbe la perdita di siero e muco responsabili dell'ano umido. Può essere sufficiente l'applicazione dei preparati anti emorroidari .
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente
grazie per la risposta

una curiosità,questi composti (il proctolyn)cosa fanno di preciso?le omorroidi spariscono o alleviano solo i sintomi,ci dovrò convivere?vista la stitichezza(oltre che soffro di gastrite reflusso e ernia iatale già sto cercando di evitare certi cibi)?so che ora devo aumentare acqua e fibre per averne il meno possibile ma le emorroidi vengono curate totalmente solo chirurgicamente???

inoltre una mia curiosità,ho sofferto di prostatite in passato(ma mi dava altri dolori:linguine),potrebbero essere sintomi correlati?

devo dire che il fastidio è davvero noioso,ho come la sensazione di farmela sotto,non è il massimo in effetti ;)

[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
16% attualità
16% socialità
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)
CHIERI (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Alle sue domande sarà possibile rispondere solo dopo una visita proctologica con eventuale proctorettoscopia. La cura radicale delle emorroidi è chirurgica.
Dr. Roberto Rossi

[#4] dopo  
Utente
capisco,ora vedo se cmq con tali rimedi la situazione migliora altrimenti mi vedrò costretto ad andare da un proctologo...
speriamo bene e grazie ;)

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile Amico,
dal momento che Lei stesso riferisce di soffrire di stipsi (meno di 3 evacuazioni / settimana), accanto al trattamento locale deve associare un trattamento per la stipsi.
Se così non facesse la recidiva dell'infiammazione locale sarebbe assicurata in breve tempo.
Consulti un gastroenterologo che saprà guidarLa nel modo migliore!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente
io diciamo che sono due anni che ormai sto girando per gastroenterologie varie...non ne sono venuto molto a capo devo essere sincero,ho avuto problemi di dolori al torace credendo fossero per l'ernia iatale,quindi causa reflusso e gastrite sto prendendo l'omeprazolo ormai da quasi due anni...con un po di gaviscon se sento bruciori..seguendo una dieta non dico rigida ma attenta ai vari cibi...poi dopo la seconda gastroscopia con poca differenza dalla prima una nuova gastroenterologa mi ha addirittura detto che il cibo centr poco (io ho preso un nuovo appuntamento in un altro ospedale perchè sinceramente non mi fido di tale cosa) quindi per la stipsi mi è stato detto di bere molto assumere fibre verdura e prendere tipo gli activia..devo dire che quando li prendo vado un po piu regolare..poi non so sono un po demoralizzato a non trovare mai una via certa

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Quale fu la diagnosi in corso di Gastroscopia?
Come assume l'Omeprazolo e quanto ne assume?

Per quanto riguarda la stipsi, una corretta assunzione di fibre e liquidi è alla base di un regolare transito intestinale.

Tali alimenti devono essere assunti in modo regolare prima di poter dire che "non funziona".

Non cambi continuamente medico perchè questo non gioverà alla chiarezza della sua situazione!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente

esafago normale per calibro,mucosa iuxtacardiale modicamente iperemica.Cardias in atteggiamento di completa apertura.presenza di ernia gastrica iatale.presenza di succo gastrico commisto a bile in cavità gastrica.la mucosa gastrica si presenta modicamente congesta.
Superato il piloro normoconformato si esplora il bulbo duodenale che appare esente da alterazioni;nulla alla II porzione

A)biopsia antro
B)biopsia corpo

Diagnosi

A)Gastrite cronica superficiale di entità moderata con presenza di follicoli linfatici intramucosi

B)Gastrite cronica superficiale di lieve entità con intensa iperemia del corion foveolare

Negativa la ricerca di Hp

ne assumo una pasticca 20 minuti prima della colazione

[#9] dopo  
Utente
inoltre ho fatto una ecografia per verificare le vie biliari e non è stato trovato nulla di che ne calcoli ne altro(era per capire il motivo della bile)ecografo mi ha detto che forse ogni tanto non ho un corretto movimento dell'apparato digerente(ha detto un termine specifico ma non ricordo)

[#10]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Spesso esiste un reflusso biliare dal duodeno al lume dello stomaco.
Può provare con un procinetico per l'ernia a cui aggiungerei acido ursodesossicolico per il reflusso biliare.
Consulti comunque il suo curante!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia