x

x

Diarrea e dolori addominali cronici

👉Quando prendere i fermenti lattici e perché

Gentili dottori torno qui a scrivere nella speranza che un barlume di luce possa darmi una via da seguire. Lamento da tempo alvo alternato con feci spesso diarroiche o comunque fragili. A volte però con l'uso dei fermenti lattici riuscivo a trovare una leggera forma di sollievo. Ora da tre settimane lamento dolori addominali a volte intensi a volte un po' meno e scariche di diarrea( tre quattro al giorno massimo). Questo stato e' invalidante per me in quanto non mi fa più vivere. Ho consultato vari specialisti in materia ed ho buttato via un fiume di soldi. Nessuna terapia ha risolto il mio problema anzi mi pare che la cosa ultimamente stia peggiorando. Ho fatto gastroscopia, colonscopia sino all'ultima ANSA ileale( con eliminazione di un polipo del sigma) e con due angiodisplasie. Dalle biopsie e' emerso che il quadro istomorfologico a ricca componente linfocitaria può essere compatibile con colite microscopica( mi lascia perplesso quel può essere?!). In tutti i modi le ho provate tutte. Mesalazina(inefficace assunta per quasi un anno). Fermenti lattici di tutte le specie e di tutte le marche. Spasmomen somatico( con qualche leggero risultato quanto a dolori). Ho associato anche per dieci giorni la mesalazina con il clipper( senza risultati apprezzabili). Uno dei tanti gastro che ho consultato mi ha fatto fare analisi acido idrossindolacetico cromogranina etc( suppongo per la sindrome da carcinoide tutto negativo). Ho fatto anche Asca ed gastro con biopsie con analisi dei villi( negativo). In ultima istanza ho fatto un mese fa entero risonanza magnetica con contrasto negativa con evidenza di transito accelerato (opacizzazione del colon). Ora un medico specialista mi dice di provare con l budesonide contro il pArere di altri due specialisti secondo cui il cortisone per il mio caso sarebbe eccessivo e che invece di aggiustarmi mi rovino. Non so più cosa fare per tornare quello di un tempo. Quattro anni fa quando fumano avevo un alvo assolutamente regolare (caffè sigaretta e bagno). Questa cosa nel tempo e' andata sempre peggiorando. Ho fatto analisi del sangue, VES e PCr normali, emocromo normale. Ho iniziato da tre giorni con la budesonide come ultima carta( ma sino ad oggi nessun miglioramento). Mi si consigli qualche idea qualche terapia ove possibile ma soprattutto cosa fare. Vi prego... Non ne posso più.
[#1]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 519 63
Il suo problema è stato ampiamente discusso in più consulti.
Il colon irritabile è il probabile responsabile dei suoi problemi, insieme alla sua ansia.
Vanno trattati entrambi e direttamente dagli specialisti competenti.
I suoi dolori possono essere legati a spasmi od iperdistensione gassosa,
con conseguente utilizzo di antispastici ed animeteorici,
ma la terapia va personalizzata dal medico che può direttamente visitarla.

Cordialmente

Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentilissimo dottore, la ringrazio per la celere risposta, ma io ora anche se chiamo il medico lui o loro non mi credono più nel senso che non danno importanza a ciò che dico. Questa mattina ad esempio appena svegliato ho iniziato ad avvertire un senso di gonfiore che dopo un po' mi ha portato in bagno. Defecazione come al solito con finale diarroico, schiumoso e dolore post scarica, quasi avessi una specie di costo al basso ventre. Noto anche che quando vado in bagno non ho il senso di scarica imcompleta. Devo attendere un po' e da li vien fuori un residuo liquido. Mi scusi il termine poco elegante ma non so come spiegarmi. Ho dolori di pancia anche dopo la defecazione ma il problema e' che non mi crede più nessuno.
[#3]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 519 63
In che senso <<non mi crede più nessuno>>?
Personalmente non dubito dei suoi sintomi,
essi vanno trattati con sintomatici (come è norma nel colon irritabile)
che non possono esserle prescritti online ma da un medico "sul campo".

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio