Utente
Buongiorno, 7 giorni fa al Ristorante ho ordinato pasta allo scoglio. Ho mangiato 3 cozze prima di accorgermi che avevano un odore ed un sapore sgradevole.
Non ho avuto sintomi nei giorni successivi, solo un po' di flatulenza e feci non perfettamente formate.
Ora, a distanza di una settimana sono un paio di giorni che ho flatulenza e disturbi intestinali, non ho scariche acquose ma sento l'intestino come se avessi le scariche ma poi si verifica flatulenza e feci di mista consistenza, le evacquazioni sono una o due volte al giorno mentre la flatulenza più frequente.
Ho letto che le cozze portano Epatite A, io non sono immune al toxoplasma, sono incinta di 20 settimane, nessuno mi aveva informato sui rischi delle cozze pensavo di poter mangiare gli alimenti purché cotti. Secondo lei come devo comportarmi?

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
La cottura inattiva il virus.
Probabilmente la qualità del cibo le ha creato qualche problema intestinale destinato a risolversi,
magari sarebbe utile una dieta leggera ed una terapia con fermenti e quant'altro, dopo visita, il suo curante dovesse ritenere opportuno.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio molto per la celere risposta, ho cominciato oggi prendendo dei fermenti lattici. Ho anche una leggera nausea che controllo con biochetasi. Avevo letto che la normale cottura non è spesso sufficiente per neutralizzare il virus quindi mi ero preoccupata. La ringrazio e di certo non mangerò più cozze e simili fino a fine allattamento! !

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Molto bene.

Auguroni
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Buonasera, in merito al quesito sopra riportato volevo aggiornarla sui miei sintomi. La situazione è migliorata come lei mi aveva suggerito. Solo lamento delle evacquazioni non del tutto formate, non diarroiche ma molli, regolari nella frequenza, una volta al giorno.
In gravidanza in genere ci si aspetta stitichezza invece a me capita il contrario. Inoltre sto usando della crema all ossido di zinco per il prurito anale che su è presentato da qualche settimana.
A suo parere la situazione va meglio indagata oppure non è necessario. A me era venuta in mente anche la listeorisi.

Grazie

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Con i limiti della distanza
non vedo l'utilità di un proseguio di indagini visto che,
... mi sembra, la situazione sta evolvendo verso la completa risoluzione.

Ovviamente ne parli con il curante.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore, ormai ho partorito da 3 mesi una bellissima bimba con taglio cesareo. Dopo la gravidanza sono tornati a cicli alterni i problemi intestinali. Prima a volte feci molli e poco formate magari una volta alla settimana ora invece faccio giornate con 3 episodi il primo con feci morbide e i successivi con feci liquide. Questa settimana è già successo 2 volte. Ho preso fermenti lattici per un mese anche perché a causa della mastite ho preso 10 gg agumentin e dopo pochi giorni ancora klacid per una settimana. Non so' più che fare perché non ho mai avuto problemi di intestino in vita mia, soffro un pochino di gastrite ma ho un alimentazione varia e regolare e la tengo a bada. In gravidanza avevo fatto l esame dei parassiti nelle feci ed era negativo.

Ringrazio per l attenzione e saluto.

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Sembrerebbe aver maturato la Sindrome dell'Intestino Irritabile.

Le basterà rivolgersi da un bravo gastroenterologo.


PS. : tantissimi auguri per il lieto evento.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it