Utente
Buongiorno,
sono una mamma molto preoccupata per la salute del mio bimbo di 3 anni.
il mio bimbo dal 19 dicembre 2014 fa abbondante sangue nelle feci con muco; dopo scrupolose analisi tutte negative a parte la calprotectina a 1500, abbiamo fatto fare i seguenti esami:
- eco addome completo(23.02.2015), dal quale è emerso una formazione vascolarizzata a carico della parete intestinale appartenente probabilmente al colon trasverso che occlude il lume;
- rettocolonscopia(26.02.2015) con la conclusione di un iperplasia nodulare linfoide del colon trasverso; presente micropeduncolo da sospetta autoamputazione di polipo ( non è stato trovato);
- referto istologico ( fatto sul peduncolo rimasto e non tolto): colite cronica aspecifica; massimo numero di linfociti intraepiteliali non patologiacamente incrementato; non evidenza istologica di eventuali lesioni polipoidi.
-eco addome completo(11.03.2015): non visualizzabile a livello colico la lesione vascolarizzata evidenziata al controllo del 23.02.2015.
Da ciò dopo questa l'autoamputazione del polipo, non ci sarebbero dovuto essere il sangue nelle feci, e invece ha continuato a sanguinare, e dopo allora ci hanno prescritto dal 17.03.2015 una terapia di Pentasa 500 (4/5 matt e sera) per 3 mesi.
In data 30.3.2015, ho parlato con un altro specialista, la quale mi ha consigliato di far fare una dieta alimentare priva di proteine del latte e derivati, uova e tutto ciò che è allergizzante
Le mia domande sono:
- quali possano essere le cause ( è stata esclusa quella batterica);
- non capisco il perché della terapia data in un momento successivo e non subito, solo dopo che ho comunicato la persistenza nel sangue delle feci;
- Se la terapia è corretta;
- Se sia giusto fare questa dieta per almeno sei mesi.
Vi ringrazio in anticipo

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Il sanguinamento é visibile oppure é occulto ?

Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
il sanguimamento è evidente, rosso vivo.

[#3] dopo  
Utente
le feci sono normali, mio figlio non ha mai sofferto nè di stispi nè ha mai avuto episodi di diarrea. Secondo la specialista, le feci sono maldigerire e grumose.

[#4]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Se la Colonscopia é stata completa fino al cieco la causa del sanguinamento dovrebbe essere a livello anale per cui gli sforzi dei medici dovrebbero essere concentrati su quella zona. Terapia e dieta vengono dati con criterio ex iuvantibus non trovando una causa.

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno
la colonscopia è stata fatta fino al cieco; c'è un'iperplasia nodulare linfoide del colon trasverso; secondo lei, da cosa potrebbe dipendere? secondo lei la terapia con il Pentasa e la dieta alimentare senza proteine del latte e derivati e uova sono corrette?
Adesso dopo 38 gg di terapia con Pentasa e 25 gg di dieta alimentare,il sanguinamento non si sta manifestando, dottore le chiedo, ma cosa intende a livello anale?
Non conoscendo le cause di questo sanguinamento, e fin'ora il campanellino di allarme è stato la calprotectina a 1500, un polipo nel colon trasverso, e adesso non si conosce la motivazione di questa terapia, che mi sembra anche abbastanza pesante per un bimbo di 3 anni, sinceramente non mi sento tranquilla.
La ringrazio anticipatamente per il suo prezioso consulto.

[#6]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Evidentemente la dieta e la terapia sono state date nel sospetto di una malattia infiammatoria intestinale. Non ci si può esprimere sulle indicazioni,ma quello che conta al momento è il risultato. Se dovesse riprendere il sanguinamento valuterei bene la regione anale . A volte sono delle piccole vene che si rompono.


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#7] dopo  
Utente
secondo lei:
-rettocolonscopia (26.02.2015) con la conclusione di un iperplasia nodulare linfoide del colon trasverso; presente micropeduncolo da sospetta autoamputazione di polipo ( non è stato trovato);
- referto istologico ( fatto sul peduncolo rimasto e non tolto): colite cronica aspecifica; massimo numero di linfociti intraepiteliali non patologiacamente incrementato; non evidenza istologica di eventuali lesioni polipoidi.
lei cosa pensa?
potrebbe dipendere dalla regione anale?



[#8]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
L'istologia é del tutto negativa. Solo in caso di ripresa del sanguinammeto rivaluterei la regione anale.

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it