x

x

Dolore retto e rettoscopia

👉Quando prendere i fermenti lattici e perché

Buonasera vorrei un consulto in merito alla mia problematica. Da circa 2 anni a seguito di un intervento cesareo soffro di un forte dolore rettale...nel senso, sento una fitta interna prima di evacuare, ma che non coincide necessariamente con feci dure, anzi (anche se sono stitica). Subito dopo l'intervento il dolore era acutissimo come se avessi qualcosa "infilato" dietro, successivamente si è attenuato, ma ad oggi quando trattengo le feci perchè non ho possibilità di andare in bagno sento questa fitta forte, acuta che persiste fino a quando non evacuo, lasciandomi leggermente indolenzita dopo...Ho l'utero retroverso e pensavo questo dolore dipendesse da aderenze o da l'utero che "sbatte" sulle pareti indietro dell'intestino, ma il ginecologo dice che è tutto ok, non ho fibromi, nulla e senza risonanza non può capire se i due organi si tocchino. Oggi ho fatto una visita proctologica, risultato negativo, solo una piccola emorroide interna (ma che secondo il medico non giustifica il dolore) e nessun polipo e nulla. Il medico non avendo mai sentito parlare della mia problematica, mi ha consigliato una rettoscopia e successivamente una risonanza...non o mai avuto perdite di sangue visibile.
Qualcuno può aiutarmi a capire il mio problema per escludere problemi più seri...
Durante il ciclo il dolore spesso aumenta e a volte anche quando faccio aria...
Grazie
SR
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 69,4k 2,2k 88
Non credo a problemi seri. Potrebbe trattarsi di uno "spasmo anale" ma é bene attendere gli accertamenti prescritti.


Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Innanzitutto grazie per la celere risposta. Secondo lei può bastare una rettoscopia per avere un quadro esaustivo? Le chiedo ancora se secondo lei possono essere aderenze e quale è il modo x diagnosticarle.
Grazie
[#3]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 69,4k 2,2k 88
La rettoscopia può essere utile e le aderenze non possono essere diagnosticate se non con l'intervento chirurgico.