Utente 375XXX
Spettabili dottori che avranno il piacere di rispondermi,
ho 31 anni, e non ho mai avuto una buona salute per quanto riguarda la digestione, e ho affrontato diversi problemi nel corso degli anni.
Ho risolto una colite che mi torturava con dei massaggi ai muscoli addominali, perchè pare andando in contrattura (per un'altra patologia che ho), traevano sull'intestino, e lo mandavano ko.
Ho risolto precedenti casi di cattiva digestione allo stomaco, facendo un pò di dieta adeguata, quando esageravo con periodi di cattiva alimentazione.
Non bevo alcolici, o altro all'infuori dell'acqua naturale, non fumo, e come alimentazione troppo spesso mangio dolci o carne, ma non in questo periodo di cui vi parlerò.
Ho fatto 2 anni fa colon e gastro scopie, e la prima è risultata totalmente negativa, mentre la seconda ha dato come esito una moderata ernia hiatale.
Da lì ho intuito che tutti i frequenti mal di gola al risveglio, o le infiammazioni costanti delle vie aeree erano dovute al reflusso gastrico per la posizione assunta durante la notte, e non erano nè allergie, nè problemi respiratori.
Ho agito di conseguenza, dormendo sempre sul fianco destro e con il busto un pò rialzato, e sono riuscito a tenere a bada questo maledetto reflusso senza problemi.
Questo per qualche annetto, quando da un mese a questa parte, mi è sopravvenuta una cosa che ritengo alquanto strana: non riesco più a digerire l'acqua appunto!
Mi spiego: ho preso l'abitudine di bere 3/4 bicchieri d'acqua durante ogni pasto, e da oltre un anno mi sono trovato più che bene, e continuavo a farlo anche ora, ma da inizio agosto ad oggi, mi succede che finito di mangiare, inizio a sentire ribollire tutto ciò che ho nello stomaco, emettendo eruttazioni continue, anche per ore, con una sensazione di vomito (che calmo o con il bicarbonato, o con delle caramelle naturali digestive, senza fare pubblicità).
E' insopportabile, e mi causa un reflusso forte, oltre a un dolore allo sterno.
Ho fatto una prova negli ultimi 4 giorni, non bevendo più quando ho cibo dentro lo stomaco (quindi bevo massimo 10 minuti prima di iniziare a mangiare, e poi riprendo se ho sete, e normalmente la ho e anche tanta, dopo più di un'ora che ho finito di mangiare).
La cosa pare funzioni benissimo, non erutto più, e mi sento "normale".
Ho provato solo una volta con una porzione ridottissima di cibo (20 grammi forse) a bere mangiandola, oggi pomeriggio, e ho rivisto le stelle.
Stasera non ho bevuto, e va tutto bene.
Dunque il problema è l'acqua.
E' possibile? perchè? cosa devo fare o controllare per capire che problema sia sopravvenuto? questa eccessiva sete se bevo così, può essere dovuta a diabete che inizia (e faccio gli scongiuri), o a cosa? bevendo fuori dai pasti, ormai, mi sento poco idratato purtroppo, e con la sensazione di "bocca lavata".
Indirizzatemi se vi è possibile, o fatemi capire direttamente voi.
grazie mille, per questa risposta e per il servizio che fornite.
Francesco

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Verosimilmente si è instaurato un fenomeno di aerofagia,
più accentuato con l'ingedtione di liquidi.

L'acqua è innocente!
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 375XXX

salve, grazie mille per la celere risposta.

Ipotizzando allara che sia questo, dando per scontati i rimedi contro la sintomatolia di cui si trova già di tutto su internet (o facendosi consigliare dal medico di famiglia), esistono i rimedi contro la "causa"? e soprattutto secondo lei è solo un problema psicosomatico? o può esser dovuto ad altro?

Nella mia ignoranza, l'unico motivo apparente che mi viene da pensare è che deglutisco male perchè ho la gola e le vie aeree super infiammate per il reflusso, e nel deglutire per via dell'irritazione e del fastidio, lo faccio male di conseguenza? è una sciocchezza totale o ha un senso ipotizzarlo?

In ultimo, ha senso ripetere la gastroscopia dopo meno di 2 anni come mi ha consigliato qualcuno (anche alla luce del fatto che sono figlio di un soggetto che ha un cancro gastroenterico "occulto")?

Grazie ancora

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Deglutire male, per motivi ansiogeni od occasionali, comporta spesso aerofagia,
e sarebbe utile cercare di correggere in meglio la propria deglutizione.

Dopo due anni non rilevo valide motivazioni per ripetere una gastroscopia.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 375XXX

E' che ancora non ho capito come si corregge e chi o cosa possa aiutarmi a capirlo o a farlo :-(
Il solo fatto di sapere che a 31 anni non so neanche mangiare (leggasi deglutire), di per sè fa venire l'ansia però :-)
Grazie mille ancora una volta, proverò a prendere provvedimenti seguendo le sue indicazioni già da domani.
Saluti e ancora complimenti per il servizio.