Utente 468XXX
Gentili dottori, buongiorno.
Sono un ragazzo di 23 anni molto in ansia per questa situazione.Quindi spero che abbiate un paio di minuti da dedicarmi.
Da circa 2 settimane non riesco a deglutire cibo solido,mi sto alimentando con zuppe,omogeneizzati,latte,formaggi e yogurt.
Sto diventando sempre piu' magro giustamente proprio per questa alimentazione.
I sintomi che accuso sono senso invalidante di ostruzione al esofago, deglutizione difficoltosa,continue eruttazioni anche per un semplice bicchiere d'acqua,oppressione al petto con difficolta' respiratoria,secchezza gola,muco e impossibilita' di deglutire cibo solido.
Ho prenotato gia' una gastroscopia con biopsie in un rinomato centro specialistico a Roma.Dove ho avuto pareri molto positivi, vi lascio immaginare che io sono di Bolzano,sono circa 6 ore di auto.Questo perche' negli ospedali della mia citta' ho avuti esperienze molto negative e in piu' la gastroscopia la eseguono solo con il tranquillante, io la vorrei fare con sedazione profonda propofol, dormire quei 10 minuti senza essere intubato.Visto che sono anche in cura da uno specialista per ansia e attacchi di panico.
L'unico problema e' che la lista di attesa e' molto lunga e io devo aspettare dopo natale.....
Ma chiusa questa parentesi io soffro da 3 anni di reflusso gastroesofageo molto forte, tanto da resistere a cure e sciroppi, pensate che mi ha anche distrutto tutti i denti, sto sprecando interi stipendi anche per il dentista...
Cosa ne pensate di questa situazione?
Potrebbe trattarsi di un tumore al esofago?
Reflusso molto forte?
Ho un sacco di paura dottori, devo aspettare dopo natale per eseguire questa gastroscopia e io sto dimagrendo sempre di piu', mi manca mangiare i miei cibi preferiti, mi sto alimentando come un neonato a 23 anni...Ovviamente questa situazione crea anche molto stress tra la mia famiglia..
Grazie a le vostre eventuali risposte e buon lavoro!

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Come le ho già detto in un precedente consulto si potrebbe trattare al massimo di un'esofagite eosinofila (o una patologia da reflusso) che può essere facilmente contrastata da farmaci specifici. Ad ogni modo fra Bolzano e Roma ci sono tanti altri Centri che eseguono la gastroscopia in sedazione profonda.

Ecco un nostro articolo sull'esofagite eosinofila:

https://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/1591-esofagite-eosinofila.html

Cordialmente
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 468XXX

Dottore la ringrazio ancora, ed ha ragione...mi aveva detto nel precedente consulto di questa "Esofagite eosinofila"
Solo non avendo piu' risposto da buon ipocondriaco quale sono non sono riuscito a stare tranquillo e ho riproposto tale domanda..le chiedo scusa...
Per quanto riguarda i centri dottore ho un sacco paura, se ne sentono di tutti i colori e questo non fa che procurarmi ansia....ma seguiro' il suo consiglio, nella speranza di trovare centri dalle mie parti che eseguano questa benedetta sedazione profonda.


L'articolo lo avevo gia' letto tempo fa dottore, solo ho alcuni dubbi.
Nel articolo vi e' scritto che se tale patologia non trattata causa una stenosi del esofago, possibile che nel mio caso sia avvenuta?Non riuscendo piu' a deglutire cibo solido?
E come ultima domanda , forse quella che mi mette piu' tensione.
La cura farmacologica funziona nella maggior parte dei casi?
Il solo pensiero delle ditalazioni endoscopiche caro dottore mi fa stare male..
La ringrazio..

[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Potrebbe trattarsi di un restringimento iniziale che può essere trattato anche con i farmaci.
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente 468XXX

Dottore mi scusi ma vorrei porle le ultime due domande cosi' da non disturbarla ulteriormente.
So che senza esame quale la gastroscopia non si possono fare ipotesi.
Ma tutti questi sintomi "eventualmente" sono sempre ed esclusivamente riconducibili al esofagite eosinofila?
Non puo' trattarsi di un reflusso molto forte che provoca questi disagi?
E sopratutto dottore nel momento in cui faro' la gastroscopia e ci dovesse essere questo restringimento di cui parla, come fanno i medici a vederlo senza creare danni?
Ho letto che nei peggiore dei casi si puo' perforare l'esofago, solo a pensarci gentile dottore ho i brividi.

[#5] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Anche l'aereo può cadere, ma viene ugualmente preso ( ed è il mezzo più sicuro). Di questo lei non farà alcun accertamento.
Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it