Utente 476XXX
Buonasera, sono una ragazza di 30 anni e avrei bisogno di un vostro parere. Da 3 mesi, in coincidenza con l'inizio dell'assunzione della pillola Klaira per la cura dell'endometriosi in sede ovarica, ho iniziato a soffrire di un problema di diarrea cronica che ho imputato in un primo momento all'intolleranza al lattosio che mi è già stata accertata con breath test 2 anni fa. Vedendo che il problema non accennava a migliorare ho effettuato una visita dal gastroenterologo che mi ha consigliato di fare alcuni esami del sangue. la ricerca di sangue occulto nelle feci e l'esame della calprotectina fecale. Gli esami sono tutti nella norma ad eccezione della lipasi leggermente alta ( valore normale < 48 ; risultato 52) , sono nella norma amilasi pancreatica, got, gpt, alp, gamma gt, sideremia, ferritina, vitamina b 12, acido folico, iga, antigliadina, anti endomisio, e proteina c reattiva, mentre la VES (I ora deve essere < 20; risultato 20; II ora deve essere < 40 ed è 42); indice di Katz deve essere minore di 20 ed è 20.5). L'emocromo presenta invece globuli bianchi bassi ma solo leggermente. L'esame che invece mi ha preoccupato è quello della calprotectina fecale che dovrebbe essere negativo sotto i 100 ed invece il mio risultato è >1800. Ho già prenotato su consiglio del gastroenterologo una colonscopia. Avendo come unici sintomi 2, 3 episodi di diarrea al giorno o feci non formate specialmente la mattina o dopo i pasti, nessun dolore addominale, se non raramente nausea post pasti, e meteorismo, esame per la ricerca di sangue occulto negativo, vorrei chiedere se è molto probabilmente qualcosa di grave come una malattia cronica intestinale, oppure se potrebbe essere anche qualcosa di meno grave. Con la calprotectina così alta, la cosa più probabile è che si tratti di una malattia cronica intestinale? o potrebbe essere indice anche di altre malattie?
Vi ringrazio anticipatamente

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
La calprotectina è un indice aspecifico di infiammazione.
Un valore così alto fa pensare ad una malattia infiammatoria intestinale.
Faccia la colonscopia è ci aggiorni se le fa piacere.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 476XXX

La ringrazio tanto Dr. Bacosi per la risposta. Quindi con un valore così alto è praticamente impossibile che si tratti di colon irritabile? Un altro elemento è che ho fatto anche una settimana di cura con Normix da 200 prendendo 4 pastiglie al giorno durante la quale le feci erano tornate normali e formate per ritornare tutto come prima alla fine della cura.
Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Con i limiti della significatività della calprotectina, il Colon Irritabile lo escluderei....
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 476XXX

Buonasera, ho effettutato oggi la colonscopia con referto: ndr all'ispezione della regione perianale e alla esplorazione digitale del retto. Agevole introduzione dello strumento e progressione sino al fondo ciecale con tecnica water exchange. Buona la preparazione intestinale. Si oltrepassa la valvola ileociecale e si esplorano circa 10 cm di ileo terminale che appare nella norma. Assenza di lesioni a carico della mucosa di tutto il colon esplorato.
Cosa ne pensa? Allora come spiegare quel valore della calprotectina fecale maggiore di 1800? Che altri esami mi suggerisce per capire di cosa si tratta?
Distinti saluti

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
La calprotectina, come già detto, è un indice aspecifico e può essere influenzato anche da farmaci.
Se l'istologia è negativa........
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia