Utente
Buongiorno, spiego la mia situazione. Sono una ragazza di 24 anni e nell' ottobre del 2015 all'improvviso sono iniziati dolori intestinali con coliche e diarrea con muco e sangue. Mi rivolgo ad un gastroenterologo che mi fa fare subito le analisi per la celiachia che risultano negativi. Successivamente a gennaio 2016 eseguo una colonscopia con diagnosi di colite infiammatoria aspecifica e il medico di prescrive una cura di mesalazina ed antibiotici Ma non ho avuto nessun risultato anzi tutto il contrario. Premetto che in tutto questo tempo ho perso 7 kg. A marzo vengo ricoverata in ospedale per 20 giorni dove mi eseguono gastroscopia che risulta negativa, anzi risulta che se le analisi del sangue fossero stati positivi quella era una conferma. In ospedale mi introducano la dieta deglutina che mi porta subito miglioramenti e vengo dimessa continuando a mangiare sempre in tale modo. Eseguo controlli specifici al centro celiachia dove la dottoressa mi fa ripetere le analisi al sangue, introducendo per 3 settimana il glutine e sono stata malissimo, i risultati sono sempre negativi e mi liquida dicendo che non sono celiaca ma ipersesibile al glutine. Io continuo a mangiare senza glutine perché introducendo il glutine sto malissimo. In tutto ciò i miei fastidi sono continuati a persistere, cioè sempre diarrea almeno 4 volte al giorno e dolori al lato sinistro in corrispondenza dell' ombelico. Torno dal gastroenterolo che a questo punto pensa sia morbo di chron e mi prescrive una tac all' addome risultata negativa e successivamente una risonanza magnetica con contrasto all'interno anch'essa risultata negativa.
In questo frangente continuo sempre con la terapia con mesalazina da 800 4 compresse al giorno.
Cambio gastroenterologo perché quello non capisce cosa io abbia e quest'ultimo mi richiede di fare la colonscopia con risultato colite aspecifica. Faccio una cura di due mesi con 2 cpr di intesticort a colazione ,6 cpr di pentacol da 800 divise 2 mattina, 2 pranzo e due cena e spasmodil 1 cpr prima dei pasti x 3 volte al giorno.
Neanche questa cura mi porta miglioramenti e proprio stamattina quest'altro gastroenterologo mi ha liquidata dicendo di cercare un altro gastroenterologo perché secondo lui questa cura avrebbe dovuto funzionare. Mi ha detto di sospendere tutto e vedere come va e nel frattempo sono alla ricerca di un altro dottore. Qualcuno saprebbe aiutarmi?? Sono disperata

[#1]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
cara utente, ci potrebbe riportare la risposta della colonscopia con l'esame istologico?
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno, la colonscopia dice:
Esplorazione edoscopica condotta sino al cieco compresa l'ultima ansa ileale che, esporata per alcuni cm appare indenne. Compatibile con la mediocre toilette intestinale non si osservano altre alterazioni a carico di tutte le sezioni coliche esplorate. Si eseguono biopsie random di ileo, colon dx/traverso, sinistro e retto. Diagnosi: Assenza di lesioni endoscopiche in acc. istol.

Diagnosi biopsie:
A- (Biopsia Ileo) Frammenti di mucosa del tipo del piccolo intestino con minima flogosi linfomonocitaria della lamina propria.
B- ( Biopsia colon destro/traverso, sinistro e retto) Frammenti di mucosa del grosso intestino con flogosi linfomonocitaria ed edema della lamina propria.

[#3]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
buongiorno, in effetti dalla risposta sia della colonscopia che istologica una malattia infiammatoria intestinale cronica sembra da escludersi.
sospenda tutta la terapia per qualche settimana e vediamo come va.
probabilmente ha un brutto colon irritabile
saluti
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica

[#4] dopo  
Utente
Grazie per la sua risposta.L'ultimo gastoentrologo mi parlava di colite aspecifica.
Io al momento sto continuando a mangiare anche senza glutine. Sospendo tutta la cura e magari introduco il glutine?

[#5]  
Dr. Mauro Di Camillo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
direi di si
Dott M. Di Camillo
Specialista in Gastroenterologia ed endoscopia digestiva
dottorato di ricerca in fisiopatologia chirurgica e gastroenterologica

[#6] dopo  
Utente
allora inizierò ad introdurlo poco alla volta, sperando di non stare male. Nel caso in cui dovessi sentirmi male cosa mi consiglia di fare? Ma secondo lei allora le mie scariche giornaliere da cosa sono dipese?
La ringrazio
Saluti