Utente 509XXX
Salve, vi descrivo in breve la mia situazione: circa un mese fa mi viene la febbre a 39 e fin qui nulla di strano, durante la notte inizio ad avere dei fortissimi dolori all'addome, per me è una cosa del tutto nuova in quanto mai fino ad ora ho sofferto di dolori allo stomaco per questo ho deciso di andare pronto soccorso dove mi è stato somministrato il Malox e la situazione è tornata sotto controllo. Dopo questa spiacevole nottata ho iniziato ad avere una tosse secca che si accentua durante le ore notturne, in più ho come la sensazione di avere un corpo estraneo in gola che né sale né scende, il medico di base mi ha detto che probabilmente si tratta di reflusso gastroesofageo, mi ha assegnato inizialmente un pasticca di Pantoprazolo la mattina appena sveglio, una pasticca di Peridon mezz'ora prima di pranzo e cena tutto questo per 15 giorni. La situazione dopo questa cura è migliorata, almeno ora la notte riesco a dormire, ma il problema è che la tosse non è passata del tutto, e il corpo estraneo in gola ancora me lo sento, il medico mi ha prolungato la cura per un altro mese questa volta senza prendere il Peridon prima di pranzo, mi ha anche raccomandato di mangiare alle 19:00 circa ma per me questo non è proprio possibile per via del lavoro.
Quello che mi chiedo è, per prima cosa come dovrei agire in caso le cose non migliorassero e quali sarebbero gli step successivi?
Seconda cosa è proprio indispensabile mangiare così presto o basta non stare sdraiati per le due/tre ore dopo la cena?
Mi è stato inoltre consigliato da un amico che ha avuto questo problema, il Gaviscon come medicinale da farmi assegnare da assumere dopo cena, potrebbe essere efficace?
Vorrei sentire più "campane" perché questa cosa non mi sta piacendo insomma avere la tosse per più di un mese mi sta veramente stancando.
Grazie in anticipo per le risposte.

[#1] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
1) eventualmente visita gastroenterologica per confermare la diagnosi
2) corretto: basta non caricarsi mai subito dopo un pasto
3) potrebbe aiutare ma non dopo cena, andrebbe assunto subito prima di caricarsi

Può essere utile seguire una dieta antireflusso (il suo medico può consigliargliela).
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia