Utente 437XXX
Soffro di colon irritabile (alvo prevalentemente diarroico) da 15 anni.

A seguito di una spermiocoltura, che ha evidenziato un'infezione all'interno dello scroto (Citrobacter Koseri e Proteus Mirabilis), probabilmente post operazione di idrocele bilaterale, ho assunto due antibiotici (una settimana di amoxicillina/clauvanico -sospeso per leggera reazione allergica- e successivamente norfloxacina - 2 cicli da 14 giorni-).

Finito di assumere gli antibiotici ho avuto un peggioramento dei miei problemi intestinali. Da un mese e mezzo circa, ho frequenti episodi di diarrea accompagnati da dolori molto forti, intervallati da giorni in cui anche se evacuo quasi regolarmente ho sempre dolore addominale in concomitanza.

Vista la conseguenza temporale (antibiotici/dolore e diarrea) ho pensato ad un rapporto causa ed effetto ed ho quindi preso Yovis ( durante la terapia antibiotica), VSL#3 quando sono cominciati i sintomi (ma ho sospeso, perchè sembrava peggiorasse la situazione) e Kijimea le ultime 2 settimane (ma senza alcun beneficio).

Non sò più cosa fare.
Se la sintomatologia è conseguente ad un'alterazione della flora batterica causa antibiotico non dovrei stare meglio assumendo fermenti lattici?
Devo cambiare tipo di fermenti lattici?
Oppure è possibile che l'infezione dall'interno dello scroto si sia diffusa all'intestino ?

Un consiglio?


Grazie
Cordiali Saluti

[#1] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Inizierei con delle coprocolture.
Ci aggiorni appena avrà il referto.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 437XXX

Grazie della risposta.
Ho bisogno di un chiarimento.

Le coprocolture le dovrei fare specificamente per le due tipologie di germi che ho trovato nel liquido seminale?

Ho sentito il laboratorio analisi dove avrei effettuato l'esame e mi hanno detto che loro fanno ricerca solo per salmonella, shigella e campylobacter spp. mentre i germi che causano la mia infezione sono presenti sicuramente nel feci e non sono patogeni, quindi non ha senso cercarli. Quindi non lo fanno.

Mi devo rivolgere ad un'altra struttura?

[#3] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
salmonella
shigella
yersinia
campylobacter
protozoi
miceti

ricerca tossina A e B del Clostridium Difficilis
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 437XXX

Buongiorno,
dagli esami che ho fatto risulta:
Ricerca lieviti : Candida glabrata (T. glabrata).
Le altre ricerche sono negative.

Può risultare compatibile con i miei sintomi post antibiotico?
Che devo fare?

Tra l'altro gli ultimi 2/3 giorni ho evacuazioni quasi solo di acqua almeno una decina di volte al giorno. Senza dolore.
Pensavo fosse legato a qualcosa che ho mangiato (pesce e affettati) magari non freschissimo. Anche se non sono l'unico che ne ha mangiato, ma nessun altro ha avuto alcunché.
Ho tamponato con imodium e ricominciato VSL3, pare vada meglio oggi.

Grazie

[#5] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non c'è il numero delle colonie di Candida ma potrebbe essere la causa della sua diarrea.
Le consiglierei di recarsi da un infettivologo.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente 437XXX

Lo ritiene più indicato di un gastroenterologo? (ero seguito da un suo collega fino a qualche tempo fa).

[#7] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Se è da candida, si
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente 437XXX

Ho effettuato una visita da un'infettivologo. La sua diagnosi è : Dismicromibismo intestinale secondario a prolungata terapia con chinolonico non assorbibile in paziente con colon irritabile. Il riscontro di crescita da candida da coprocoltura non costituisce dato di interesse patologico.

Terapia: VSL#3

Io ho già preso VSL3, Yovis e Kijimea Synpro 20 con benefici parziali.
Secondo il medico una candida da sintomatologia con diarrea solo in pazienti con ben più gravi quadri clinici.
Non nel mio caso.

Mi ha parlato dello stress come causa dei miei problemi ("forse non dell'idrocele"... ci mancava anche quello...) e sinceramente non ho avuto una positiva impressione dalla visita.
Conosco il colon irritabile da 15 anni, so quando viene esacerbato da situazioni emotive particolari, so che nel mio caso contano molto ma so anche che, nel 2018, è appurato che non ne è la causa.

Ad ogni modo la valutazione sulla "candida di non interesse patologico" è condivisibile secondo Voi?

Grazie