Utente
Buonasera, mi chiamo Alessio ho 39 anni e da fine settembre ho dei sintomi che al momento nn hanno ancora una diagnosi. Come scritto, 3 mesi fa (metà settembre) dal nulla ho cominciato ad avere un dolore in zona lombare a sinistra, subito sotto le costole che compariva nel tardo pomeriggio. Contemporaneamente sono insorti Seri problemi intestinali con variazione della consistenza (diarrea, feci carine, feci nn formate gialle o con macchie bianche di 1 cm di grandezza c.ca) e della frequenza (3-4 volte al giorno). C'é stato un calo ponderale in c.ca 15 giorni di 10 kg, affaticamento e debolezza. Nel corso dei mesi il dolore é aumentato di intensità ed é presente tutti i giorni comparendo già verso le 11 del mattino e durando fino a sera, spesso costringendomi all'assunzione di un antidolorifico (tachipirina o buscopan). Il dolore si attenua da sdraiato.
Con il medico di famiglia e il gastroenterologo interpellato, ho eseguito gastroscopia, emocromo, esame chimico fisico su urine e feci, parassitologico, VES, pcr, alt, ecografia addome completo, calprotectina (valore 1820)e sangue occulto feci (valore 519). Tutti gli altri risultati sono nella norma. Ho effettuato una tac addome con contrasto che nn ha rilevato nulla di grossolano. Ho assunto due antibiotici, normix e flagil con lieve miglioramento temporaneo di un paio di giorni e poi tutto da capo. Solo la frequenza dell'evaquazione si é ridotta con episodi di stitichezza. Preciso che a giugno, quindi 4 mesi prima della comparsa dei sintomi, la calprotectina era 64 e l'ecografia addome completo nn rilevava nulla come l'ultima fatta. Nessuna presenza di calcoli o dimensioni organi irregolari (fegato, pancreas, ureteri, cistifellea ecc. È stato escluso anche un problema di schiena. I medici ora mi sembrano un po' indecisi sul da farsi e il dolore nn accenna a smettere. L'alimentazione continua ad essere leggera e in bianco senza grandi risultati. Sono alla ricerca di indicazioni per una soluzione o una diagnosi. Grazie per l'attenzione e per qualunque suggerimento.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Con una calprotectina così alta penserei ad una colonscopia.
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Buonasera, La ringrazio per la risposta così celere. Oggi infatti me l'hanno prescritta urgente e la farò la prossima settimana.
Non so cosa aspettarmi ma Condividerò il risultato nn appena in mio possesso.
Grazie.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
In genere la calprotectina è legata ad eventi infiammatori.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente
Eventi infiammatori come colite o diverticoli, o cose più serie come morbo di chron o polipi o altro?

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Maggiormente IBD.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente
Bene.... La ringrazio molto.
Saluti

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Mi aggiorni se le fa piacere.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente
Lo farò sicuramente. Davvero grazie per ora.