Utente 468XXX
Gentili medici, sono una ragazza di 35 anni normopeso, astemia e non fumatrice. Circa un anno e mezzo fa ho iniziato a notare una certa secchezza in gola che mi portava a schiarirmi spesso la voce e corrispondentemente notavo anche un leggero abbassamento del tono di voce. Poiché non avevo altri sintomi, ho pensato che la causa del tutto fosse legata alle lunghe ore trascorse in ufficio con l'aria condizionata accesa ed ad eventuali sbalzi di temperatura. Con il passare del tempo ho notato che questi disturbi si accentuavano dopo colazione. Al mattino sono solita bere a stomaco vuoto un the verde caldo senza zucchero, aromatizzato all'arancia e allo zenzero (quelli in filtro già pronti). Dopo il the mangio qualche biscotto oppure un croissant. Dopo un periodo di osservazione ho iniziato a pensare che i miei sintomi fossero riconducibili ad un possibile reflusso, sebbene non avvertissi alcun rigurgito di acidi in gola. Ho spiegato la situazione al mio medico di famiglia che però non ha dato grande importanza alla cosa e si è limitato a consigliarmi di assumere Gaviscon Advance al bisogno dopo i pasti. Un bel po' di anni fa durante una visita otorinolaringoiatrica il medico mi prescrisse Pariet 20 per 4 settimane perché all'epoca lamentavo dolore retrosternale. Presi il farmaco per il tempo suggerito e il disturbo sparì progressivamente, ma credo che il mio disturbo dell'epoca fosse più legato all'ansia che al reflusso perché in quel periodo avevo iniziato a soffrire di vertigini pozionali legate allo spostamento degli otoliti e la cosa non mi faceva vivere serena e a tutto ciò si era aggiunto pure il colon irritabile. Il medico di famiglia mi ha distolto dall'idea di riprendere ad usare il Pariet, perché lui ritiene che questi farmaci siano pieni di controindicazioni che è bene evitare. Da allora il mio reflusso va e viene. Al momento sono in piena crisi con sensazione di gola ostruita, come se ci fosse qualcosa fermo/incastrato dietro le tonsille, necessità di schiarire spesso la voce con qualche colpo di tosse e qualche occasionale risalita di acidi. Il medico mi dice che il the verde non dovrebbe essere la causa di questa mia condizione, ma io non vedo altre possibili cause perché al di là della vita stressante la mia alimentazione è abbastanza sana e priva di eccessi. Su mia insistenza mi ha prescritto il Pariet 20 da assumere al mattino ma mi ha detto anche che secondo lui è preferibile prestare attenzione alla dieta e limitarmi all'uso del Gaviscon. Al momento io però non so che pesci prendere. Sono spaventata dai possibili effetti a lungo e breve termine del Pariet, ma temo anche che il reflusso non curato adeguatamente da quasi 2 anni finisca per degenerare. Il mio medico mi dice che se i miei sintomi sono quelli che vi ho elencato il mio reflusso si può tranquillamente gestire senza fare ricorso ai farmaci. Voi cosa mi consigliate di fare? Vi ringrazio anticipatamente

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Faccia un mese di rabeprazolo tranquillamente.
In un periodo cosi breve nessun problema.
Limiti:
Te
Caffe
Cioccolato
Agrumi
Ananas
Pomodori
Alcol
Bevande gassate acqua compresa
Cibi molto speziati
(Te + agrumi + zenzero!!!!!)
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 468XXX

Gentile Dott. Bacosi, La ringrazio per l'interessamento e per i vari suggerimenti di cui farò memoria. A questo punto non mi resta che iniziare la terapia con il Pariet nella speranza di risolvere questo fastidioso problema. Grazie ancora.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Mi aggiorni se le fa piacere!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia