comprensione risultati esame esofagogastroduedenoscopia con biopsie

Buongiorno, ho bisogno del vostro aiuto per comprendere i dati delle mie analisi perchè avrò la visita con il gastroenterologo solo tra un anno circa... Ho fatto questo esame perchè da tempo ho problemi intestinali, cominciati circa cinque anni fa che regrediscono in periodi alterni ma erano presenti in modo sostanzioso fino a tre mesi fa con frequenti diarree anche dolorose e addome gonfio sebbene io faccia attenzione da sempre all'alimentazione.
Ho tolto i latticini ma la situazione anche se sembrava migliorare, non si è risolta.
Tre anni fa ho avuto dei parassiti intestinali che sono stati curati e l'escherichiacoli dopo la quale ho preso degli antibiotici.
Dagli esami generici delle feci non sembrano attualmente presenti parassiti.
Ho quindi fatto l'esofagogastroduedenoscopia con biopsie sospettando una celiachia ed ecco i risultati:
Esofago normolocalizzato, peristalsi presente.
Mucosa normotrofica esente da lesioni.
Cardias apparentemente incontinente a circa 40 cm dall'ads; linea Z irregolare in sede- Stomaco: normoconformato, peristalsi presente.
Mucosa normotrofica esente da lesioni a livello di fondo e antro (biopsie).
Duodeno: bulbo e seconda porzione duodenale normali per lume e mucosa (biopsie).
Risultati biopsie: mucosa duodenale caratterizzata da architettura dei villi complessivamente conservata (lieve focale riduzione di lunghezza dei villi), flogosi cronica in corrispondenza della lamina propria, linfociti intraepiteliali in numero di 19-20/100 enterociti.
Biopsia in sede antrale gastrica caratterizzate da: gastrite cronica superficiale, infiltrato linfo-monocitario lieve.
Assenza di flogosi in atto, assenza di atrofia, assenza di metoplasia, assenza di Helicobacter Pylori (colorazione Giemsa).


Richiedo il vostro aiuto perchè al momento a parte aver capito che ho una gastrite non riesco a comprendere gli altri elementi...ultimamente sono stata male, si sospetta polmonite da covid avendo avuto tutti i sintomi (forti e protratti problemi respiratori, difficoltà a parlare e mancanza di ossigeno, mancanza di olfatto, febbre iniziale, raffreddore mal di gola).
Sono stata curata con antibiotici corticosteroidi e sono in isolamento da un un mese...mi hanno visitata e il tampone rapido dava negativo al covid ma il medico disse potesse essere un falso negativo e polmonite da covid...ora sto bene resta solo la sensazione come di un groppo in gola che a volte è maggiormente accentuata e il gonfiore dell'addome.
Vorrei sapere anche se i risultati della gastro centrano qualcosa con quello che ho appena passato.
Segnalo che sono in terapia per tiroidite di Hascimoto.
Vi sarei grata se poteste spiegarmi questi risultati, se secondo voi vi è un collegamento con i gravi problemi respiratori che ho avuto e con l'attuale fastidio alla gola e all'addome...aspetto dei vostri preziosi consigli in merito.
Grazie.
[#1]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4,8k 223
No, non vi è correlazione. La gastroscopia è risultata, praticamente, nella norma . L' esame istologico - anche se parla di gastrite - non è così patologico come può sembrare. D' altra parte, lei non descrive disturbi particolari a carico dello stomaco, ma piuttosto dell ' intestino. Ma ne potremo riparlarne, ora è necessario che lei guarisca bene dall ' attuale influenza.

Prof. alberto tittobello

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio Dottore per la risposta. Non mi sono chiare alcune cose. Non dovrei approfondire questa incontinenza del Cardias? Non può portare a problemi gravi anche polmonari?
Ritiene quindi che il disturbo attuale alla gola che si protrae da quando mi sono finiti i problemi respiratori (quindi circa 5 giorni) sia dovuto a un'influenza?
Grazie mille per i chiarimenti
[#3]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 4,8k 223
Il cardias è stato descritto come " apparentemente " incontinente, quindi l ' eventuale incontinenza non è certa e se c' è, è minima. Inoltre, non vi è infiammazione dell ' esofago, dovuta a reflusso. Il disturbo alla gola è un altro discorso, attualmente non importante. Pensi a guarire.

Prof. alberto tittobello

Il Covid-19 è la malattia infettiva respiratoria che deriva dal SARS-CoV-2, un nuovo coronavirus scoperto nel 2019: sintomi, cura, prevenzione e complicanze.

Leggi tutto

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio