Utente
Buonasera.

Ho già espresso un consulto e fatto una chiacchierata con un cardiologo su questo sito, credo che il consulto già fatto sia visibila.

Ad ogni modo faccio un riassunto del mio caso clinico.

Sin da piccolo soffro di reflusso dovuto ad una lieve ernia jatale (fino ai 3-4 anni non dormivo disteso e tutt'oggi dormo con doppio cuscino.

) tuttavia è c'è da dire che il reflusso forte è veramente molto raro, manifesto delle sere o dopo pranzo solo lievi bruciori che passano mangiando una cosa asciutta (pane duro, fette biscottate etc.

).
Ho sofferto di "anoressia", cioè sfogavo i problemi legati ad un brutto periodo non mangiando (non volevo intenzionalemente dimagrire).

Successivamente ho sofferto di attacchi di panico, angoscia, depressione, scatti d'ira, cristi tachicardiche e eruttazioni cutanee.

Oggi sto molto meglio, anzi, sto riprendendo una vita normale...inutile dire che questi 2 anni passati in quello stato hanno contribuito anche al reflusso e mal di stomaco.

Volevo chiedere: è da un anno e mezzo che la mattina non assumo più latte, inziai a riprendere a mangiare con degli yogurt e da lì quasi tutte le mattine mangio quelli.

Assumo però 3-4 volte a settimana latticini (mozzarella, provola, galbanino e emmental).

Volevo chiedere se potessi totnrare ad assumere latte senza problemi.

Grazie dell'ascolto.

Salve.

[#1]  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Sì. Iniziando l'assunzione con modica quantità (una tazzina) e aumentando gradualmente.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.