Gastroenterologia

Salve, ho 27 anni, nell iscrizione ho sbagliato l anno ed è la prima volta che scrivo qui e vorrei un consulto nel frattempo aspetto la visita gastroenterologica.
Premetto che sono un ragazzo molto ansioso (ipocondriaco) che ad ogni cosa sono su internet a cercare e questo non vabene e comunque sto facendo un percorso per migliorare con la mia psicoterapeuta.
Comunque vi espongo il mio problema che mi sta creando tanta ansia e peggioro solo la situazione.
Soffro di gastrite da tanti anni, ma normalmente e mai forte che recupero subito in qualche giorno, con gli inibitori di pompa.
Ho ansia forte da 4/5 mesi che adesso sta andando scemare.
Da qualche settimana avverto un senso di caldo alla gola d improvviso, come uno sfogo, ho eruttazioni spesso e tanta aria allo stomaco.
Manifesto un dolore intermittente, più che altro da sdraiato a livello della bocca dello stomaco ma più a sinistra.
Ed ho avvertito in qualche posizione più extrasistole rispetto al normale.
Non ho dolore al petto e non mi sento lo stomaco infiammato con bruciori e anche quando rutto non mi sento acidità salire per questo non capisco questo calore improvviso al naso e alla gola.
Ho solamente questa sensazione alla gola di caldo e bruciore e questo dolore che ho descritto.
Mangio regolarmente e anche tanto.
A volte quando bevo sento l acqua scendere fino allo stomaco.
Ora su internet ho letto tante cose come tumore all esofago, esofago di barret ecc e sto solo peggiorando la mia situazione.
Ho a volte tosse ma anche per fumo (iqos) assai.
Vi ringrazio davvero di cuore a chi risponderà e a chi mi sarà d aiuto.

Comunque dimenticavo.
ho fatto analisi un mese fa, trigliceridi 55, colest tot.
143, glicemia 88, ast 17, alt 20.
4 anni fa ho fatto ecoaddome ed era tutto normale.
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 23,5k 918 12
Al massimo potrebbe trattarsi di un modesto reflusso.
Ne parli al curante per la terapia.
Cordiali saluti.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille per la sua risposta. Il problema è internet e infatti sto riuscendo a non cercare più nulla, perché peggioro solo la situazione in quanto anche la gastrite ha l 80% dei sintomi uguali a patologie peggiori. Ma assale il dubbio, sale l ansia, i sintomi peggiorano e li pensiamo che allora ciò che pensiamo sia vero.
Infatti voglio dire a tutti quelli che leggeranno, non leggete le cose su internet e non fate autodiagnosi. Andate dal vostro dottore(che io in questo momento non ho) per qualsiasi dubbio che sarà darvi risposte più appropriate di internet, perché li è tutto generalizzato. E sopratutto intraprendete, una consulenza con uno specialista in psicoterapia, che il problema(paura) sta nella mente.
Ancora grazie dottore.
Saluti
[#3]
dopo
Utente
Utente
Dottore salve, ho fatto la visita dal gastroenterologo alla quale mi ha detto che non gli sembra il caso di fare altri esami strumentali come la Gastroscopia. mi ha prescritto delle analisi del sangue per vedere il pancreas e la ricerca del sangue occulto nelle feci. Terapia a base di pantoprazolo e reflux a stick. Ho risolto già gran parte dell ansia però ho dimenticato a fargli una domanda che sicuramente me la toglieva tutta e che porgo a lei. Con la palpitazione all addome(nel mio caso, un leggero dolore quando ha premuto al centro in alto) si riesce a capire se si è affetti da qualche ulcera e cose così, o Bisogna andare a fare la gastroscopia per questo?! Comunque sono molto più tranquillo rispetto a prima e a sua volta sono sicuro che si abbasseranno i sintomi del reflusso.
Grazie in anticipo, saluti.
[#4]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 23,5k 918 12
Si, si può capire.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#5]
dopo
Utente
Utente
Ok perfetto. Grazie mille e buonaserata! Adesso sono apposto
[#6]
dopo
Utente
Utente
Dottore salve, scusi dinuovo il disturbo, però vorrei un consulto veloce. Intanto sono ancora in cura da un mese e passa con pantorc 40 mg, refluxsen e gerd compresse sempre per il reflusso e il dolore localizzato nella parte alta a sinistra del addome.
Comunque quest ultimo, mentre ieri parlavo con mio padre mi disse dove mi facesse male, e io ho iniziato a pressare in varie parti alte lo stomaco per vedere la sede del dolore(cosa che non farò mai più). Arrivato nella parte centrale alta, proprio sotto l osso, ho premuto più forte e in fondo e ad un certo punto, mi sono sentito una scarica d ansia e paura e subito gonfiore allo stomaco che dopo 10 min è passato. Ora è da stamattina che il dolore che avevo sembra sparito, però ho questo dolore in base a come mi muovo nella fascia orizzontale proprio dell osso, sopratutto quando mi abbasso, mi alzo e mi fa male tipo ammaccato. Ora non vorrei andare dal gastroenterologo, perché c’è solo a giorni alterni, ma ho un po’ d ansia che ho toccato qualcosa che non dovevo oppure è stata la pressione che ho fatto che ha indolenzito qualcosa?
Grazie per la risposta.
Saluti
[#7]
dopo
Utente
Utente
Salve dottori, vorrei avere un consiglio per stare un po’ tranquillo. Sabato avrò la gastroscopia perché nonostante i 2 mesi e mezzo di terapia ancora non sto benissimo. Il reflusso da qualche giorno è passato e lo avverto raramente ma mi rimane sempre questo fastidio, come me se lo stomaco tirasse, nella parte alta a sinistra. Ormai non so più cosa pensare dato che da 2 mesi faccio sta cura. Non ho altri sintomi. Mangio regolarmente e anche tanto, non ho nausea, ne acidità, ne bruciore. Quindi non riesco a capire sto fastidio perché ancora permane. Non mi sento più in ansia come prima, però sto fastidio che avverto mi tiene abbastanza in tensione. Ah e la mattina quando mi sveglio, mi sento come se il giorno precedente avessi fatto 100 addominali. Non so più cosa pensare. Datemi qualche vostro parere a riguardo.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio