Dolore al basso ventre dopo aver defecato

Buongiorno, vorrei esporre il mio problema che sto' riscontrando ormai da un mese, dopo aver defecato (feci normali) inizia un dolore tipo spasmi al basso ventre che si riflette anche all'asta del pene come un prurito, il dolore continua per circaa 30/40 minuti poi si attenua piano piano ma resta indolenzita tutta la parte, ovviamente sono stato prima dal medico di base che mi ha prescritto le analisi e ecografia intero addome, dalle analisi risulta alterata la VES e la PROTEINA C REATTIVA, mentre urinocultura, emocromo, psa e calprotectina sono nella norma i valori, per quanto riguarda l'ecografia (saltando le parti dove tutto risulta nella norma riporto quanto scritto dal medico sul referto ) " IN ADIACENZA DEL SIGMA INTERMEDIO SI VISUALIZZA UN PICCOLO SEGMENTO INTESTINALE CON PARTI IPEOGENE E MODERATAMENTE ISPESSITE CONTENENTE UNA PICCOLA IMMAGINE IPERECOGENA ALL'INTERNO SUGGESTIVA PER COPROLITA (DIVERTICOLO DI MECKEL?
?
?
) SU INDICAZIONE CLINICA UTILE TC.

Ecco quanto scritto, ora io vorrei sapere un vostro parere in merito ai dolori che ho da circa un mese, quello che mi risulta strano e' che questi dolori iniziano immediatamente dopo la defecazione, ossia io durante la giornata sento indolenzimento su tutta la parte del basso ventre fino all'altezza dell'ombelico (diciamo nella parte centrale dell'addome) pero' non ho i dolori che ho al mattino dopo aver defecato.

Ringrazio anticipatamente
Cordiali saluti
[#1]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 5,2k 232
E' probabile - come viene detto dall ' ecografista - che sua un diverticolo infiammato nel tratto chiamato sigma. Come, consigliato, sarebbe utile eseguire una TAC per una diagnosi più precisa. Però, alla sua età, avrebbe già dovuto eseguire quella colonscopia che consigliamo a tutti , a scopo di prevenzione.

Prof. alberto tittobello

[#2]
dopo
Utente
Utente
Mi scusi dottore avevo dimenticato di scrivere che la colonscopia l'avevo fatta lo scorso mese di Agosto riporto quanto scritto sul referto: Esame condotto fino all'ultima ansa ileale esplorata per circa 10 cm. del tutto normale . Non evidenza di lesioni in tutto il tratto colico esaminato. Colon sinistro pluriangolato. Modesta congestione emoroidaria . Non lesioni dell'ampolla alla retrovisione. Tempo di retrazione 8 minuti . Avevano escluso i diverticoli di ad Agosto . Da quello che ho capito parlando con il medico che mi ha fatto l'ecografia il diverticolo di Meckel con la colonscopia non e' visibile ( mi perdoni se ho capito male ) .
Sta di fatto che i dolori ci sono e sicuramente qualcosa che non funziona come dovrebbe c'e' , la mia attenzione e' sul fatto che i dolori iniziano dopo la defecazione , di solito in modo normale quando una persona defeca si sente meglio , nel mio caso e' il perfetto contrario . Grazie
Cordiali Saluti
[#3]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 5,2k 232
C' è discordanza tra colonscopia ed ecografia : l ' ecografista sospetta la presenza di un diverticolo nel sigma, che però non sarebbe stato visto da chi ha eseguito la colonscopia. Strano. Il diverticolo di Meckel non è nel colon : è nell' intestino tenue e il metodo migliore per vederlo è la scintigrafia.

Prof. alberto tittobello

[#4]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno Professore , praticamente se ci fosse stato il diverticolo di Meckel chi ha fatto la colonscopia non lo ha visto ?? Come potrebbe essere accaduto?? La cosa mi sembra alquanto strana anche a me . Io le ho riportato i referti che hanno scitto i medici ( ecografia / colonoscopia ) . Con una colonoscopia nel caso ci fosse stato il diverticolo di Meckel il dottore che l'ha eseguita sarebbe stato in grado di vederla?? Oppure lui si e' fermato al colon , mi scusi ma sono totalmente dirottato sia dai dolori che persistono che dai referti che ho ricevuto . Comunque lei cosa ne pensa dei miei dolori ??
Mi scusi immensamente per il disturbo
[#5]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 5,2k 232
Il problema non è diverticolo di Meckel sì o no : come ho detto, il metodo migliore per vederlo è la scintigrafia. In realtà lei ha dei dolori spastici, quindi la terapia si deve basare sull uso di prodotti antispastici, eventualmente provandone diversi.

Prof. alberto tittobello

[#6]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno per i dolori mi hanno dato il duspatal che pero' sembra non abbia effetto , poi prendo Asacol 800 due volte al giorno e mi e' stato prescritto anche un'antibiotico il Ciproxin due volte al giorno ( il Ciproxin lo ha prescitto il mio medico di base dopo che nel referto delle analisi ha visto che ho la Ves a 29 e la Proteina C reattiva 1,272 , mentre Emocromo , Formula Leucocitaria , Psa Reflex e Calprotectina erano nei valori standard , Urinocultura Negativa e l'esame delle Urine chimico e fisico rientrava nei parametri normali).
Andro' a fare questa scintigrafia per vedere cosa ci sia che non va.
Mi scusi l'ulteriore domanda forse priva di senso : visto che i dolori vengono dopo che ho defecato e che non ho problemi di defecazione potrebbe trattarsi di dolori muscolari o provenienti dallo sfintere , la sede dei dolori appena dopo che ho defecato sono nella zona pelvica all'attaccatura del pene per interderci non conosco bene il termine anatomico mi scusi . Sembra che come vuoto il retto qualcosa inizi a far male , e i dolori sono abbastanza forti per circa 1 ora .
Grazie mille molto gentile
[#7]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 5,2k 232
Sì, possono essere dolori spastici residui della muscolatura del colon

Prof. alberto tittobello

[#8]
dopo
Utente
Utente
Grazie Prof. la aggiornero' dopo che avro fatto la Entero Tac , ho parlato con un gastroenterologo e mi ha detto che avrebbe programmato la Entero Tac poiche' lui ha detto che e' sufficiente ( spero di non aver capito male io ) cmq gli avevo accennato della scintigrafia ma lui ha detto quello che le ho riportato sopra . Praticamente il Diverticolo di Meckel ha infiammato anche la muscolatura del colon e sarebbe quest'ultima che mi da noie dopo che ho defecato se ho ben capito . Cmq la terapia che mi e' stata data secondo lei e' consona alla situazione ( ovviamente abbiamo solo un'ecografia che dica di un probabile diverticolo di Meckel ) per il resto come si evice dalle analisi cmq l'infezione in atto c'e' .
Cordiali Saluti
[#9]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 5,2k 232
O.K. Vedremo l' enteroTAC. Nell 'elenco dei farmaci che prende, non mi sembra di vedere antispastici.

Prof. alberto tittobello

[#10]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno professore , il Duspatal non e' un'antispastico?? Grazie
[#11]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 5,2k 232
Sì, va bene.

Prof. alberto tittobello

[#12]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno, referto tac ( senza e c/contrasto) : Quale reperto di maggior rilievo , in paziente con isolate estroflessioni diverticolari del sigma prossimale , si segnala presenza distrettualmente di focale ispessimento della parete anteriore da cui origina sottile tramite fistoloso, che decorre mediamente per cm.1,2 ca. , e termina nel tessuto adiposo in sede ipogastriga al disotto della parete addominale , dove si evidenzia focale irregolare ispessimento del grasso addominale ( diametro massimo cm. 4 ca.) , con microbolle aeree e scarsa componente liquida nel contesto , come per raccolta organizzata, in quadro di diverticolite complicata . Concomita ispessimento ed iperemia del tessuto adiposo distrettuale , caudalmente in continuita' con la parete vescicale a livello della cupola , localmente is[essita ed iperdensa dopo mdc , come per segni di flogosi , in assenza di discontinuita' della parete e/o di bolle aeree in sede endoluminale . Non evidenti segni di aria libera ne' versamento endoaddominale. Marcata epatomegalia steatosica , indenne da alterazioni densiometriche focali di significato patologico . Litiasi multiple e radiopaca della colecisti, normodistesa ed a pareti lievemente e diffusamente ispessite; non dilatata la via biliare principale . Aspetto globoso del surrene di sinistra. Non lesioni focali di rilievo a carico del pancreaqs , milza , surrene destro e reni . Regolare secro-escrezione dell'urina iodata bilateralmente con buona opacizzazione di entrambi gli ureteri lungo il decorso. Vescica distesa a contenuto omogeneo. Regolare calibro dell'aorta addominale . Non significative lesioni focali ossee . Gradire gentilmente un suo parere egregio professore . In attesa la ringrazio
[#13]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 5,2k 232
Aveva visto bene l' ecografista. Evidentemente c' è stato un diverticolo che si è perforato. Credo che sia utile il parere di un chirurgo.

Prof. alberto tittobello

[#14]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno Professore
praticamente se ho compreso bene cio' che ha detto il Radiologo avrei una fistola a livello della vescica e sarebbe questa fistola che mi provoca dolore dopo che al mattino defeco .
in attesa
Grazie
[#15]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 5,2k 232
Sì, credo che sia così.

Prof. alberto tittobello

[#16]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno Professore
gradirei se possibile avere da lei che e' un luminare in materia avere un parere sulla situazione ( le ho mostrato sia il referto dell'ecografia e poi della tac ) lo scorso anno avevo fatto una colonoscopia ( siccome avevo avuto dei dolori alla parte sinistra dell'addome e febbre alta a 39 il mio medico di base diagnostico' una diverticolite acuta , voleva farmi ricoverare , ma io rifiutai causa Covid e fui trattato a casa con Normix , Ciproxin e Flagyl ). Dopo circa due mesi feci una colonoscopia che invece non evidenzio la presenza dei diverticoli . Ora la mia domanda e' questa: possibile che non siano stati visti i diverticoli durante la colonscopia?? La fistola si e' creata a causa di quella diverticolite acuta ?? E un'ultima domanda l'unica soluzione da quello che ha letto considera sia solo quella dell'intervento chirurgico ?? Grazie anticipatamente , e mi scuso per il disturbo ma mi creda sono davvero sia impaurito che confuso

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test