Piccola formazione ipoecogena fegato

Buonasera dottori
Chiedo un vostro consulto riguardo l'ecografia addominale fatta a mia moglie di 30 anni.
Preciso che abbiamo fatto questa ecografia perché lamenta da circa 2 mesi difficoltà digestive, in quanto vomita quasi sempre dopo aver mangiato e, a volte, anche dopo aver bevuto della semplice acqua; sensazione di pienezza anche dopo pasti piccolissimi e spesso scariche di diarrea (prima di questi disturbi mia moglie è sempre stata molto stitica).
Vi allego il referto dell'ecografia:

Esame ostacolato dal marcato meteorismo colico.


Fegato lievemente aumentato di volume, ad ecostruttura parenchimale diffusamente steatosica (grado moderato) e disomogenea con evidenza di piccola formazione ipoecogena di circa 10 mm, (cisti inveterata?
altro?) , utile confronto con esami precedenti o eventuale conferma con esami di 2 livello.
Vie biliari intra ed extra epatiche non dilatate.


Colecisti in sede, alitiasica con pareti regolari.
Tronco portale pervio di calibro conservato.


Vene sovraepatiche nei limiti.


Milza nei limiti volumetrici ad ecostruttura omogenea.
Pancreas parzialmente valutato a causa del meteorismo apparentemente

senza apprezzabili formazioni occupanti spazio.
Wirsung non dilatato.
Aorta non ectasica.


Reni in sede, entrambi regolari per forma e volume con buona differenziazione cortico-midollare.


Assenza di stasi urinaria e di calcoli calico-pielici bilateralmente.
Vescica distesa, con pareti regolari a contenuto omogeneo.


Utero retroverso, normale per morfologia e volume (D.
L. 60 mm D.
A.P.
45 mm), ad ecostruttura miometriale finemente omogenea.


Cavità endometriale in fase secretiva.


Ovale in sede nei limiti volumetrici ad ecostruttura omogenea.


Douglas libero.


Vorrei un parere perché il nostro medico, dopo aver letto il referto, ha prescritto una visita epatologica che farà tra 3 settimane e nel frattempo, leggendo in rete, ho letto della possibilità che questa formazione ipoecogena possa essere anche una formazione tumorale.
Essendo io molto ansioso e dovendo attendere 3 settimane vorrei un vostro parere: è davvero probabile che si tratti di un tumore?
Oppure è più probabile si tratti di una cisti o comunque di una formazione benigna?
In attesa del vostro riscontro vi auguro nuovamente una buona serata
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 24k 938 12
Molto verosimilmente cisti semplice (innocua).
Farei, per i sintomi, una gastroscopia.
Cordiali saluti.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la sua risposta, Dottor Bacosi
Volevo informarla che ieri mia moglie si è recata dall'epatologo, il quale, senza ulteriori esami (ha visionato solo l'ecografia fatta) ha detto che il suo pensiero è che si tratti effettivamente di cisti, ma che vuole approfondire con ulteriori esami (TAC con annessi RX torace e ECG, e analisi del sangue mirate), e che dovremo tornare a visita il 27 luglio. Mia moglie ha già effettuato gli esami del sangue, e prenotato la TAC per martedì 20. vorrei chiederle, se non è di troppo disturbo, se fosse possibile aggiornarla con i risultati delle analisi e della TAC, che avrò a disposizione prima della data di ritorno a visita, in modo tale da avere il vostro parere prima di quello dall'epatologo.
In attesa di una vostra risposta, le auguro una buona serata
[#3]
dopo
Utente
Utente
Buongi Dottore

Qui di seguito le riporto il referto della TAC che ho appena ritirato:

Tecnica: acquisizioni spirali volumetriche prima, durate e dopo infusione di mdc

iodato.

Mdc somministrato per via parenterale: lopamidolo (lopamiro 370) Quesito: ad integrazione esame ecografico per caratterizzazione nodulazione epatica.

Assenza di versamento peritoneale. Fegato di volume aumentato, a densità parenchimale disomogenea per la presenza al VIs, a sede subglissoniana, di una sfumata area pseudonodulare costantemente ipodensa di 16x11 mm. Il reperto di natura benigna necessita di integrazione diagnostica con esame RM con mdc e.v. e/o monitoraggio ecografico (3 mesi). Tronco spleno-portale pervio. Colecisti distesa, a pareti non ispessite. Vie biliari intra ed extraepatiche non

dilatate.

Milza, pancreas e surreni nei limiti morfo-volumetrici a densitometria omogenea. Reni in sede, nella norma per morfovolumetria, conservata la differenziazione cortico-midollare. Vie escretrici non dilatate. Vescica distesa, a pareti regolari a contenuto omogeneo. Corpo luteo a destra di 18x18 mm. Assenza di significativi espansi in sede utero-annessiale sinistra. Piccola emnia ombelicale a contenuto omentale; porta erniaria di circa 8 mm di

DTmax. Non evidenza di significative linfoadenopatie in ambito addomino-pelvico. Regolare calibro, decorso ed opacizzazione dei vasi in esame.

Inoltre le riporto anche gli asterischi nelle analisi del sangue:

Bilirubina totale 2.39
Bilirubina indiretta 2.18

Alfa2 7.1 - 0.53
Beta1 5.8

Le transaminasi sono nei valori normali.
Dal referto della TAC posso stare tranquillo riguardo la benignità oppure è possibile che si tratti di qualcosa di maligno? In attesa di un vostro riscontro vi porgo cordiali saluti
[#4]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 24k 938 12
Direi lesione benigna come già detto.
Per la bilirubina, è una innocua sindrome di Gilbert.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio