Utente
Salve. I primi di aprile, dopo vari bruciori intimi, sono andata dal medico, il quale dopo avermi visitata mi ha prospettato una situazione un po' disastrosa: mi ha detto che ho la cervicite, addirittura un'ulcera sul collo dell'utero e un'infezione (da accertare prossimamente con tampone vaginale e pap test), tutto insieme, e sostenendo per giunta che fossero problemi già presenti da un po' sebbene non li avessi mai notati. Mi ha prescritto lavande vaginali edenil e ovuli meclon da assumere per 5 giorni. Dato che aspettavo il ciclo, ho preferito aspettare che arrivasse in modo da fare la cura in maniera continuativa e più efficace. Durante il tempo trascorso ad aspettare che giungessero le mestruazioni e durante il periodo stesso del ciclo, mi sono astenuta da ogni tipo di rapporto sessuale, e i dolori e i bruciori sono scomparsi, così anche le piccole perdite bianche che avevo. Ieri ho iniziato la cura, ma da quando ho cominciato la lavanda vaginale ho di nuovo un leggero dolore che si accentua quando faccio determinati movimenti... Com'è possibile che la cura peggiori la situazione? Mi conviene continuare in questi 3 giorni di cura che rimangono (magari è normale avere dei dolori visto che l'erogatore della lavanda non è esattamente piccolo...) oppure dovrei smettere? Sono davvero preoccupata, vorrei ricominciare ad avere rapporti...

[#1]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
E' opportuno eseguire la cura prescritta fino alla fine facendo attenzione a non provocare lesioni con l'applicatore della lavanda
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#2] dopo  
Utente
Torno a scrivere qui perché non so più cosa fare.
Dopo aver fatto il tampone, l'esito ha rivelato la presenza di candida, curata con una settimana di crema meclon e 4 giorni di sciroppo mycostatin a base di nistatina.
Però, una volta ripreso ad avere i rapporti sessuali, non è cambiato nulla: meno di 24 ore dopo l'ultimo rapporto mi si sono ripresentati gli stessi sintomi che hanno fatto iniziare tutto quanto, ovvero stimolo ad urinare la mattina e conseguente bruciore.
Ma come devo fare? Che può essere, perché improvvisamente mi è impossibile avere dei rapporti sessuali?

[#3]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Sembrerebbe normale se non è stato trattato anche il partner. Su questo sito e sul mio personale troverà numerosi articoli sull'argomento
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#4] dopo  
Utente
Il partner è stato trattato, e nella nostra relazione è sempre stato usato il preservativo!

[#5] dopo  
Utente
Chiedo scusa per l'insistenza, ma sono molto preoccupata
oggi sono andata dal medico che senza neanche visitarmi ha ipotizzato una recidiva e mi ha dato delle lavande e degli ovuli, e mi ha detto di fare l'esame delle urine, anche se, a suo dire, esclude ogni patologia alla vescica, cistite inclusa
premetto che in questi giorni aspettavo il ciclo mestruale. Qualche ora dopo essere andata dal medico, improvvisamente, ho notato del sangue (poco) alla minzione (che mi ha causato parecchio bruciore), e l'urina ha tra l'altro un odore particolarmente forte e sgradevole.Ho messo un assorbente, e alla seconda minzione - dolorosa anche in questo caso - dopo qualche ora, il sangue si presenta notevolmente abbondante, liquido, non "denso" come quello mestruale, rosso vivo. Ho controllato l'assorbente che avevo messo, e non c'era che una macchiolina color rosso scuro. Ho un forte bruciore alla minzione, ma non riesco a capire se si tratta di sangue proveniente dalle urine o sangue mestruale...visto che in quanto a abbondanza è pari al primo giorno di ciclo mestruale, anche se sembra uscire solo alla minzione...ed oltre al bruciore ho gli stessi dolori tipici del ciclo.
Attendo un parere...

[#6]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Ritengo si tratti di una cistite emorragica che necessita di trattamento antibiotico, previo parere e prescrizione del medico curante
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#7] dopo  
Utente
Probabilmente il sanguinamento era dovuto al ciclo, infatti oggi è arrivato, e i fastidi si sono attenuati anche se permane una sensazione di "restringimento" (non saprei come meglio descriverla) al basso ventre nel momento in cui svuoto la vescica... aspetterò che finisca per cominciare la cura

dato il parere del mio medico che sostiene che questi fastidi siano tutti caratteristici di una candida recidiva che è tornata alla prima volta che ho ricominciato ad avere rapporti... mi chiedo se devo rassegnarmi a non avere più rapporti senza veder tornare questo problema. ci sono degli accorgimenti che posso prendere per evitare che ritorni nuovamente quando, una volta finita la cura di 5 giorni con ovuli e lavande, riprenderò a fare sesso? mi avevano consigliato di bollire la biancheria e di eliminare carboidrati, latticini, formaggi, zuccheri e praticamente tre quarti della mia alimentazione usuale.
la ginecologa mi ha suggerito di inserire un ovulo dopo ogni rapporto sessuale, ma non posso ridurmi per tutta la vita a usare ovuli tutti i giorni! (tra l'altro non ha neppure specificato quali ovuli, perché la prima volta mi ha dato meclon e la seconda, cioè adesso, ecorex; vorrei vederci chiaro anche su questo, capire la differenza tra i due medicinali)

[#8]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Il problema Candida è molto complicato e sicuramente non è possibile risolverlo on-line.
Posso consigliarle di fare una dieta attenta, fare terapie mirate cicliche, eseguire un tampone con antimicogramma, eventualmente una vulvoscopia e colposcopia (tutte cose che trova scritte nei miei articoli sull'argomento). Il resto deve essere valutato con visita diretta.
Entrambe gli ovuli sono antimicotici, ma per debellare la candida occorre terapia in compresse
Saluti
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"

[#9] dopo  
Utente
Il tampone è già stato fatto, e secondo l'antimicogramma l'unico principio attivo che avrebbe dovuto essere efficace sembrava la nistatina, per questo mi è stata data una cura con nistatina sottoforma di sciroppo (mycostatin). Eppure non si è rivelata efficace... ma allora data la recidiva, perché il mio medico ha ritenuto sufficiente prescrivermi gli ovuli?

Ed è vero che si devono totalmente eliminare carboidrati, latticini e una lunga lista di altri alimenti?

[#10]  
Dr. Marcello Sergio

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Perchè siano stati prescritti solo gli ovuli non posso saperlo, deve chiederlo al suo medico.
L'eliminazione degli alimenti suddetti è consigliabile fino a miglioramento dei sintomi e scomparsa delle recidive, quindi si potrà lentamente e progressivamente reintrodurli
Dr. Marcello SERGIO
Specialista in Ginecologia ed Ostetricia
www.marcellosergio.it
"La ginecologia a portata di donna"