Utente 287XXX
Salve,
ho 22 anni e desidererei un consulto medico poichè sono molto preoccupata. Ho preso la pillola Yasminelle per circa tre anni, poi l'ho interrotta. Da allora ho sempre avuto un ciclo piuttosto irregolare, con ritardi fino a 15 giorni, anche se le mestruazioni non sono mai saltate del tutto. Ora mi trovo in questa situazione: il ciclo precedente risale al 4 Novembre e mi è durato ben 12 giorni (cosa mai accaduta prima) con scarse perdite iniziali e molto abbondanti nell'ultima settimana. Dal 2 al 5 Dicembre ho avuto rapporti con coito interrotto, avvenuti tutti senza un'eiaculazione precedente nè successiva alla penetrazione. Aspettavo il ciclo per il 4 Dicembre ma ora ho quasi 20 giorni di ritardo! Ho effettuato un test dopo 12 giorni di ritardo (a 14 giorni dal rapporto) con la prima urina del mattino ed è risultato negativo. Sono certa di non avere avuto muco da ovulazione "a chiara d'uovo" dal 2 Dicembre ad oggi. Non ho inoltre nessun tipo di sintomo premestruale, anche se di fatto non li ho mai nemmeno quando le mestruazioni si presentano effettivamente.
Ora la mia preoccupazione è: potrei essere incinta o posso fare affidamento sul test effettuato e sulla mancanza di qualsiasi tipo di sintomo?
Se non sono incinta, potrei non avere affatto ovulato? E, se non ho ovulato, quando dovrebbe presentarsi il ciclo?
Premetto che sono stati mesi stressanti, durante i quali ho viaggiato tanto (ho preso l'aereo 4 volte). Non so se possa influire, ma ho l'utero retroverso ed una piaga sul collo dell'utero molto grande.

Vi ringrazio anticipatamente in attesa della vostra risposta.
Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sul coito interrotto non bisogna fare nessun affidamento
https://www.medicitalia.it/blasinicola/news/1143/Coito-interrotto-coitus-interruptus
E' difficile affermare con sicurezza la mancata ovulazione,
Potrebbe esserci una cisti funzionale dell'ovaio,una alterazione della funzionalità tiroidea, una anemia da privazione di ferro (sideropenica).
Bisogna studiare queste cause.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 287XXX

Salve,
Intanto la ringrazio per la velocità nella risposta.
Non ritengo affatto il coito interrotto un metodo affidabile, infatti non l'ho mai utilizzato se non in quell'occasione, poichè purtroppo i preservativi non erano adeguati e ci siamo lasciati prendere dall' emozione. Ho già acquistato la pillola anticoncezionale che assumerò non appena tornerà il ciclo.
Ho trovato recentemente alcune informazioni riguardo al coito, puo gentilmente darmi la sua opinione al riguardo?Queste riportano che recenti studi hanno dimostrato che nel liquido pre-seminale non sono presenti spermatozoi in grado di fecondare, a meno che non vi sia stata una eiaculazione nelle 12 ore precedenti. In questo caso, tale liquido potrebbe "trasportare" i residui dell'orgasmo precedente e, di conseguenza, fecondare.
È vero tutto ciò?
In ogni caso, non ho capito se posso escludere una gravidanza visto il tipo di rapporto, il test negativo e l'assenza di sintomi.
La ringrazio.

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
certo quello che ha letto è vero , ma è difficile accertarlo con sicurezza, ecco perchè inaffidabile.
Il test negativo, significa no gravidanza .
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 287XXX

La ringrazio davvero per l'utilità e la rapidità delle sue risposte.
Saluti.

[#5] dopo  
Utente 287XXX

Salve,
oggi, a più di due mesi dall'ultimo ciclo, le mestruazioni non si sono ancora presentate. Ho prenotato una visita ginecologica il 19 Febbraio, ma prima di allora avrei bisogno di aiuto. Avverto da circa tre giorni forti dolori all'ovaio sx. Il senso di gonfiore e "pancia dura" è costante, a volte ho delle vere e proprie fitte, e al tatto sento un rigonfiamento in quel punto, come se l'ovaio fosse ingrossato. Vista l'estrema irregolarità del ciclo potrebbe trattarsi di una ciste ovarica? Sono molto preoccupata. Ho avuto altri rapporti non protetti dopo il test negativo del 15 gennaio...ma escluderei una gravidanza poichè siamo stati molto attenti: mai rapporti consecutivi e non ne abbiamo avuti durante i giorni in cui il muco faceva intendere una possibile ovulazione. Inoltre non ho nè seno duro, nè dolori al seno nè nausea. Sarebbe meglio comunque ripetere il test? O è più plausibile che si tratti di una ciste?

Vi ringrazio

[#6] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Le possibilità diagnostiche sono entrambe valide, è importante la visita con ecografia annessa.
Un dosaggio delle betaHCG è importante perchè eliminerebbe il dubbio della gravidanza.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI