Utente
Spett.li Medici,
utilizzo da tempo l'anello anticoncezionale nuvaring, e faccio sempre molta attenzione a non danneggiarlo. Pochi giorni fa, prima di inserirne uno nuovo, come raccomandato ho controllato che fosse privo di difetti. Nel farlo, essendo sera, l'ho posto sotto la luce di una normale lampadina, avvicinandolo alla stessa per qualche minuto. Solo successivamente ho pensato al fatto che il foglietto illustrativo dice espressamente di "conservarlo nella sua confezione originale per proteggerlo dall'umidità e dalla luce". Mi sono quindi chiesta se si fa riferimento alla esposizione alla luce solare diretta, o se anche la luce della lampadina alla quale io l'ho esposto potrebbe averlo danneggiato, e quindi se potrei aver compromesso l'efficacia contraccettiva.
Ringrazio chi mi risponderà.

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il NUVARING viene danneggiato dalle alte temperature , viene infatti conservato tra 2°C e 8°C (prima della vendita) .
Successivamente si deve conservare ad una temperatura non superiore a 30°C .Quindi l'esposizione alla luce non danneggia l'effetto contraccettivo.
Salutoni
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio Dottore, e ne approfitto per porle un ulteriore quesito. Ho sempre inserito l'anello il lunedì mattina,per poi toglierlo dopo tre settimane,in genere il lunedì sera al mio rientro a casa, prolungando quindi la sua permanenza in vagina di circa una decina d'ore rispetto al dovuto. Ho sempre pensato che questo comportamento non fosse scorretto, visto che non ho mai tenuto l'anello per un periodo di tempo inferiore a quanto prescritto, ma semmai per un tempo maggiore. Mi conferma che questo è corretto? Inoltre, cosa ancora più importante, vorrei avere da lei una conferma riguardo la possibilità di spostare il giorno di comparsa del ciclo. In genere questo compare di giovedì. Vorrei spostarlo a lunedì. Quindi, a questo punto, dovrei togliere l'attuale anello come sempre dopo tre settimane esatte, quindi di lunedì, ma inserirne uno nuovo di venerdì, mentre ancora ho il flusso, accorciando così la pausa da sette a quattro giorni. A quel punto il nuovo anello dovrei tenerlo per tre settimane ed estrarlo nel nuovo giorno stabilito, ovvero il terzo venerdì,e non più di lunedì? E così facendo la copertura contraccettiva non sarebbe compromessa? La ringrazi e le auguro una buona giornata

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'anello vaginale deve permanere in vagina tre settimane (21 giorni) , quindi un calcolo in questo senso è facile eseguirlo.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Su questo concordo, infatti i miei dubbi riguardavano il permanere della copertura contraccettiva pur avendo alterato il normale schema di assunzione. Saluti.

[#5] dopo  
Utente
Buonasera Dottore,
avrei un altro piccolo dubbio da chiarire. Ieri, nel togliere l'anello per pochi minuti, ho notato che nella parte "interna" del cerchio, e in una piccolissima porzione, esso presentava delle piccole "pieghette", potrei definirle come delle "rughette", dovute sicuramente alla forma che l'anello assume nel momento in cui viene piegato per essere inserito, o nel momento in cui si posiziona in vagina o ancora, nel momento in cui viene spinto in alto subendo una leggerissima pressione. Preciso che non l'ho mai sottoposto ad alcuna pressione particolare, mai tolto, e sempre maneggiato con la massima delicatezza. Inoltre se non lo avessi tolto per lavarlo sotto acqua fredda non mi sarei mai accorta della cosa, che non escludo possa essersi verificata anche nei mesi precedenti (se non ricordo male). Secondo il suo parere le "pieghette" di cui le ho parlato potrebbero implicare dei problemi per quanto riguarda il corretto funzionamento dell'anello, magari compromettendo il corretto rilascio del farmaco, e quindi la sicurezza contraccettiva? La ringrazio anticipatamente

[#6]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
I problemi insorgono solo in casi di rottura completa, per il resto nessun problema
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#7] dopo  
Utente
Buonasera Dottore,
avrei bisogno di sapere se in caso di infezioni che colpiscono la mucosa vaginale come in particole la candida, con eruzioni,forte arrossamento e secrezioni biancastre che vanno a ricoprire le pareti della vagina e a depositarsi sull'anello vaginale, può essere compromesso il corretto e completo assorbimento delle sostanze rilasciate da nuvaring, e di conseguenza l'efficacia contraccettiva.
La ringrazio infinitamente per la sua disponibilità.

[#8]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
L'azione contraccettiva dell'anello vaginale rimane immutata sia in corso di infezioni , che in corso di terapie endovaginali.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#9] dopo  
Utente
Grazie Dottore,mi ha tranquillizzata. Mi chiedevo come potesse la mucosa vaginale assorbire i principi attivi essendo completamente escoriata e ricoperta da una patina bianca simile alla "muffa". Pertanto, essendo alla terza settimana di inserimento dell'anello, tra qualche giorno potrò tranquillamente toglierlo per la pausa,senza bisogno di saltarla, confidando pienamente nella sua azione. È corretto?

[#10]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Corretto
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#11] dopo  
Utente
Mi scusi ancora Dottore, lei ritiene che una cura per uso locale (antinicotici) possa essere sufficiente a risolvere un problema di candida in maniera adeguata? E nel caso in cui il medico dovesse prescrivere il diflucan o altri farmaci per bocca contenenti fluconazolo, con uso concomitante di nuvaring, per quanto tempo sarebbe necessario adottare precauzioni aggiuntive in merito alla contraccezione? Grazie infinite.

[#12]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Almeno una settimana
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#13] dopo  
Utente
Grazie Dottore, perdoni l'ignoranza ma nono sono sicura di aver capito bene come procedere per quanto riguarda invece l'uso della sola crema: posso applicare gynocanesten all'interno della vagina, con l'apposito applicatore, avendo l'anello inserito? Questo, pur essendo completamente avvolto dalla crema, continua a funzionare e gli ormoni vengono assorbiti normalmente dall'organismo? E c'è bisogno di adottare ulteriori precauzioni? Grazie infinite

[#14]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Con l'anello vaginale è possibile eseguire qualsiasi tipo di terapia endovaginale.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#15] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore, sono al settimo e ultimo giorno di terapia con la crema Gynocanesten, utilizzata in concomitanza con l'anello vaginale. Due giorni fa ho notato, tra dei residui di crema fuoriusciti dalla vagina, una piccolissima perdita di sangue. È stato un unico episodio, poi più nulla. La cosa mi ha un po' allarmata. A suo parere potrebbe essere un effetto legato alla terapia, o un segno che per qualche motivo la contraccezione non sta funzionando? Preciso che questo mese non ho osservato alcuna pausa da sospensione, quindi ho utilizzato due anelli consecutivi. Vorrei inoltre sapere se, per motivi personali, mi è possibile in via eccezionale non osservare la pausa neanche questo mese, e quindi utilizzare tre anelli consecutivi. La ringrazio infinitamente.

[#16] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore, la mia potrà sembrarle una domanda un po’ banale ma sono davvero molto preoccupata. Utilizzo nuvaring, e recentemente ho letto che alcuni estratti vegetali (fitoterapici) possono interferire con l’efficacia contraccettiva in quanto potrebbero contenere sostanze in grado di indurre gli enzimi epatici responsabili dello smaltimento degli estrogeni e del progestinico. Tra questi,gli estratti di salvia miltiorrhiza, originaria della Cina. Proprio oggi mi sono accorta che il mio nuovo detergente intimo, recentemente acquistato in erboristeria, contiene tra gli altri ingredienti la Salvia Officinalis (quindi non quella “incriminata”, ma una tipologia diversa), oltre ad olio essenziale di rosmarino, di eucaliptus, tea tree oil e soprattutto aloe, che a quanto pare sembrerebbe interferire anch’essa con i contraccettivi. Non avendo molta dimestichezza con l’argomento, chiedo a Lei se effettivamente l’uso di questo detergente (che credo sospenderó), e quindi il contatto con queste sostanze, potrebbe aver compromesso o compromettere in futuro l’efficacia dell’anello. La ringrazio per la sua disponibilità.

[#17]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
NESSUN PROBLEMA perchè non le sostanze non vengono assorbite durante la detersione
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#18] dopo  
Utente
Buonasera Dottore,
avrei ancora un piccolo dubbio,per me importante, sull'utilizzo di nuvaring. Può accadere che, quando la donna urina, una o più gocce vadano a finire accidentalmente all'ingresso della vagina, senza che peraltro ci sia possibilità di accorgersi della cosa. Nel caso in cui dei residui di urina dovessero in qualche modo raggiungere e venire a contatto con una parte dell'anello questo potrebbe essere compromesso, danneggiato, o in sostanza non funzionare più correttamente ai fini della contraccezione? La ringrazio e spero che potrà chiarire le mie perplessità.

[#19]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Questo problema non esiste si può tranquillizzare
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#20] dopo  
Utente
Buonasera Dottore, potrebbe gentilmente chiarire una questione per me importante che non mi è chiara? Vorrei sapere se il fatto di saltare frequentemente il ciclo da sospensione inserendo due anelli consecutivi (ad esempio, utilizzare due anelli consecutivi,poi eseguire la normale pausa,e poi al ciclo successivo utilizzare nuovamente due anelli consecutivi,questo più volte nel corso di pochi mesi) può comportare dei problemi per quanto riguarda la contraccezione, oltre che la salute. Premetto che non intendo abusare di questa pratica, ma ho avuto più volte tale necessità a causa di importanti impegni sportivi, oltre che per un'espulsione accidentale durante la terza settimana di utilizzo,e mi chiedevo se così facendo non stessi compromettendo l'efficacia contraccettiva. Grazie infinite.

[#21] dopo  
Utente
Aggiungo una piccola precisazione riguardo il mio caso specifico: ho inserito tre anelli consecutivi,saltando così due cicli, e poi eseguito la normale pausa di 7 giorni. Dopodiché ho inserito un nuovo anello, e al 21 giorno anziché osservare la pausa ne ho inserito uno nuovo. Quindi, 3 anelli consecutivi, poi pausa,poi 2 anelli consecutivi e nuovamente pausa di 7 giorni, per poi riprende lo schema regolare, senza più saltare il ciclo. Lei ritiene che la copertura contraccettiva sia mantenuta,oppure ho combinato dei pasticci? Grazie infinite!

[#22] dopo  
Utente
Dottore sono molto preoccupata, corro dei rischi?

[#23]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Si può ritardare la mestruazione (ad esempio durante le vacanze o per una gara sportiva) utilizzando due (o più ) anelli vaginali consecutivamente, senza rispettare la settimana di intervallo libero da Nuvaring. E' bene sottolineare che, in questo caso, potrebbero comparire sanguinamenti irregolari (spotting).
Quindi niente di grave l'effetto contraccettivo è mantenuto , ma non deve allarmarsi per la comparsa di spotting.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#24] dopo  
Utente
Buonasera Dottore, le sarei grata se potesse chiarire un altro mio piccolo dubbio. Sono consapevole del fatto che il nuvaring vada inserito ed estratto, dopo ventuno giorni, più o meno alla stessa ora. Tuttavia mi capita spesso che, essendo fuori casa per motivi di lavoro, al ventunesimo giorno non riesca ad estrarlo all'orario stabilito ma un po' più tardi,circa quattro o cinque ore dopo. Questa circostanza è molto frequente al punto che ormai, per paura di interrompere una abitudine consolidata per il mio organismo, il fatto di tenere l'anello per qualche ora in più rispetto al dovuto è diventato il mio schema fisso. Mi rivolgo a lei per sapere se sbaglio a prolungare di qualche ora l assunzione dei principi attivi, e se in questo modo rischio di creare dei problemi e di compromettere la contraccezione. La ringrazio infinitamente.

[#25]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non si preoccupi non accade nulla , per qualche ora in più.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#26] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore, avrei nuovamente bisogno di un suo parere per risolvere un grosso dubbio. Utilizzo l'anello nuvaring, e al nono giorno di inserimento è accaduto che lo stesso è abbondantemente entrato in contatto con dell'urina per cui, presa dal panico e temendo di averlo danneggiato, l'ho subito sostituito con uno nuovo,forse per un eccesso di scrupolo. A questo punto vorrei sapere se, essendo in teoria gli anelli tutti uguali, questo nuovo anello (il sostituto) posso tenerlo per dodici giorni, che sommati ai nove di quello precedente mi consentono di arrivare ai 21 giorni stabiliti, comportandomi come se nulla fosse successo. Oppure in questo modo rischio di compromettere la contraccezione, per cui dovrò necessariamente tenerlo per tre settimane, e magari adottare nel frattempo ulteriori precauzioni? La ringrazio infinitamente.

[#27]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Creerebbe soltanto una irregolaritâ del ritmo mestruale. Mi è sembrato eccessivo cambiare l'anello per il contatto con le urine..
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#28] dopo  
Utente
La ringrazio Dottore, d'ora in poi seguirò il suo consiglio e se la cosa si dovesse ripetere non sostituirò più l'anello. Ma non ho ben capito cosa significa che tenendolo per dodici giorni come dicevo, creerei una irregolarità del ritmo mestruale. Non c'è quindi continuità tra i due anelli? E soprattutto ora dovrò adottare ulteriori precauzioni per la contraccezione?

[#29] dopo  
Utente
Gentile Dottore, mi potrebbe dare un suo parere riguardo al momento in cui dovrò togliere questo anello con il quale ho effettuato, inutilmente come lei mi ha spiegato, la sostituzione? Posso tenerlo soltanto per i dodici giorni che, sommati ai precedenti, mi occorrono per arrivare a 21, contando sulla continuità tra i due anelli? Questo è corretto al fine di non compromettere la contraccezione?

[#30] dopo  
Utente
Buonasera Dottore, le scrivo nuovamente in quanto avrei un piccolo dubbio da chiarire. Dopo mesi di utilizzo di nuvaring senza particolari problemi, nell'ultimo mese (nonostante il corretto inserimento) l'anello tende a scendere parecchio, e sebbene io lo spinga in alto al punto da non riuscire quasi ad afferrarlo, ormai a giorni alterni mi capita di ritrovare la sua estremità proprio sull'introito vaginale o addirittura con una piccola puntina di fuori. Non sempre ho la possibilità di stabilire da quanto tempo sia così, ma non passano mai più di tre ore senza che lo controlli, e inoltre non devo neppure riposizionarlo in quanto senza che io lo spinga tende a risalire da solo. A prescindere dalle cause (forse un intestino irritabile) devo dire che quando questo accade non avverto particolare fastidio o disagio, ma ho soltanto un'unica grandissima preoccupazione:
il bugiardino spiega che la posizione dell'anello non è importante,ma quando esso tende ad "affacciarsi" in questo modo, appoggiandosi sull'introito vaginale e magari sporgendo di pochi millimetri,è possibile che parte delle sostanze rilasciate vadano perse? E in caso affermativo, questo può avere conseguenze sulla contraccezione oppure si tratta di quantità trascurabili? La ringrazio anticipatamente.