Utente 289XXX
Buonasera gentili dottori.
Ho 33 anni e chiedo un consulto perchè sono un pó preoccupata.
Ad inizio mese mi sono sottoposta ad una visita ginecologica (l'ultima visita risaliva a due anni fa, mentre il pap test al 2013, con tutto nella norma e, su consiglio del precedente ginecologo, da ripetere, appunto, dopo 3 anni).
Dalla visita con eco transvaginale non è emerso nulla, mentre dal pap test, una L- SIL, con effetti citopatici da virus (HPV), sul fondo discreto numero di neutrofili polimorfonucleati, discreto numero di emazie e flora batterica di tipo misto.
Il consiglio è eseguire HPV DNA test.

Prima di ritirare tale responso, sono stata contattata telefonicamente dalla ginecologa che mi aveva visitata e che mi avvertiva del fatto che avrebbe allegato all'esito una terapia, che avrei dovuto eseguire per tre mesi (ELLEEFFE 100 plus + COLPOFIX spray vaginale da applicare per 20 sere al mese dopo il mestruo, 5 spruzzi).
Inoltre mi prescriveva Colposcopia e esame HPV dna test.

Quest'ultimo lo faró lunedi prossimo mentre per la colposcopia dovró aspettare il 5 dicembre.
La cura la inizieró tra qualche giorno alla fine del ciclo e, a tal proposito volevo un'informazione, in quanto non ho un recapito della ginecologa dell'ospedale.
Quanto allo spray, per entrambe le visite, posso applicarlo comunque o è indicato sospendere la cura per non compromettere i risultati?
Inoltre approfitto per chiedere anche se, questa lesione, potrebbe rivelarsi qualcosa di molto serio ed esteso....dovró aspettare ancora un mese e l'attesa mi mette molto in ansia.
Ho un ciclo mediamente regolare a 26 giorni; niente perdite infraciclo ma soffro sporadicamente di doloretti durante i rapporti e al basso ventre, zona vescica e verso destra (attribuibili dal mio curante a colite nervosa). Ho fatto analisi prima dell'estate ed era tutto nei valori.
Io chiedo scusa ma mi porto dietro il trauma di mia madre con carcinoma alla laringe e nonna con tumore all' utero e sono terrorizzata.
Se fosse qualcosa di grave all'utero, vescica, ovaie e quant'altro, si sarebbe visto dalla visita ginecologica?
Inoltre sono sposata da qualche anno e l'intenzione era allargare la famiglia e non so se tali condizioni mi possano provocare problemi.

Grazie a chi risponderà

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Chiariamo un aspetto importante : la prevenzione della patologia del collo uterino (infezione da HPV , displasie, neoplasie ) si pratica soltanto eseguendo un PAPtest, con eventuale COLPOSCOPIA, HPV test.
La visita e l'ecografia non evidenziano queste patologie.
L'esito di L- SIL (lesione intraepiteliale di BASSO grado ) , richiede una ripetizione del PAP test a 6 mesi , trattandosi di una infezione da HPV (human papilloma virus) .
Per eccesso di zelo si potrebbe effettuare una COLPOSCOPIA.
Soltanto la H- SIL (lesione intraepiteliale di ALTO grado ) richiede una diagnosi più celere.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 289XXX

Gentile dott. Blasi... La ginecologa mi ha anche prescritto di ripetere il pap test tra 6 mesi ma, come le accennavo, nel frattempo, ha ritenuto opportuno sottopormi a quella terapia e agli altri approfondimenti.
Io non la conosco ancora bene ma mi è sembrata una persona molto pignola quindi, anche in base a quanto da lei scritto sopra, credo che la colposcopia me l'abbia prescritta per eccesso di zelo. Cosa che a me va più che bene perchè mi sento più sicura.
Mi scusi se le porgo nuovamente la domanda riguardo il Colpofix spray, crede che sia meglio sospendere le applicazioni un paio di giorni prima del test hpv e della colposcopia?
La ringrazio nuovamente.
Un saluto

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sì conviene sospendere l'applicazione di COLPOFIX
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 289XXX

Gentile dottore...
Vorrei aggiornarla sull'evolversi della mia situazione e porle qualche domanda.
Mi hanno contattata telefonicamente per dirmi che l'esito dell'Hpv test è un genotipo ad alto rischio e che devo fare una colposcopia (a cui mi sottoporró lunedì prossimo).
Potrebbe gentilmente spiegarmi, cosa devo aspettarmi da questa visita nella peggiore delle ipotesi? Sono parecchio in ansia.
Inoltre volevo sapere come devo comportarmi con mio marito, se far sottoporre anche lui a qualche accertamento. Noi per ora stiamo evitando rapporti.
Grazie

[#5] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La colposcopia accerterà la eventuale presenza di una "lesione" di vario grado (G1 /G2) ed eventuale conseguente BIOPSIA mirata.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#6] dopo  
Utente 289XXX

Buongiorno Dottore.
Scrivo per un chiarimento vista la sua cordialità e l'essere sempre esaustivo.
Volevo aggiornarla del fatto che ho ritirato gli esiti del test HPV e ho fatto la colposcopia (per una L-SIL).
Il genotipo è il 67 ad alto rischio, mentre con la colposcopia si è visto che la lesione non è al collo dell'utero ma nella vagina.
Consideri che il dottore ha anche fatto la biopsia e dovró aspettare l'esito.
La risposta della colposcopia è la seguente:
" Commento:
Placche milariformi fornice laterale sn
NTZ Incompleta
GSC Indenne
Buona captazione dello iodio
Si esegue biopsia fornice laterale sn"

Potrebbe spiegarmi cosa sono tali placche e cosa significa il resto?
Grazie

[#7] dopo  
Utente 289XXX

Buongiorno dottori.
Scrivo per un chiarimento riguardo la mia situazione che non mi è molto chiara e per lo più mi spaventa.
A seguito di una colposcopia (per pap test anomalo con l-sil e positività ad hpv genotipo 67 alto rischio), si evidenziava l'esito riportato su, al commento precedente, con queste placche miliariformi, che non so cosa siano esattamente, e per le quali il dottore esegue biopsia.
L'esito di quest'ultima, in realtà, dopo un mese e mezzo e varie sollecitazioni, non ce l'ho ancora.
La mia ginecologa ha attribuito tale ritardo a una questione di "festività natalizie di mezzo", ma sotto mia pressione, in quanto non riesco a stare tranquilla, ieri mi ha chiamata dicendomi che aveva spulciato tra i referti in sospeso di essere visionati dal medico "esperto", che peró, avró nella mie mani solo tra qualche settimana, quando lui ritornerà!
Mi ha accennato ad una VAIN, o almeno ho afferato al volo questo, dicendomi che è una condizione rara e che vuole aspettare di confrontarsi col colposcopista per decidere sul da farsi. Le ho chiesto qualche dettaglio in piu e mi ha detto che c'è la conferma di quello che è uscito nel pap test, e che è collegato al papilloma virus.
Io, che sono una grande ignorante in materia, ho cercato on line ma su questa Vain, c'è davvero poco, e quel poco riconduce sempre alle parole "neoplasia", "cancro" e così via ,ed anche se non faccio affidamento a ció che si trova su internet, sono profondamente e visibilmente agitata, non riesco a concentrarmi su nulla, e aspettare altre settimane per avere chiarimenti specifici su tutto mi risulta un'attesa insostenibile.
Se qualcuno puó rispondere e darmi qualche informazione in più, ve ne sarei molto grata.

[#8] dopo  
Utente 289XXX

Salve Dottori.
Chiedo per cortesia una risposta da qualcuno di buon cuore.
Ho ritirato il referto della biopsia che dice quanto segue:
Frammento (5 mm) di mucosa vaginale rivestito da epitelio squamoso sede di alterazioni cito-architetturali compatibili con VAIN2 e focalmente VAIN3 con associate modificazioni di tipo coilocitico HPV correlate.
Ho contattato la ginecologa tramite messaggio( in quanto riuscire a parlarle al telefono è paragonabile ad un miracolo!!) che si è limitata a dirmi che mi consiglia di proseguire terapia con colpofix spray vaginale e 2LPapi e ha aggiunto che mi consiglia di prenotare una colposcopia di controllo al Gemelli di Roma.
Io mi sento praticamente "abbandonata"; la risposta di una biopsia dopo piu di due mesi; nessun consiglio su referto sul da farsi; nessuna spiegazione della situazione.
Vorrei un consiglio su come comportarmi.
La colposcopia l'ho fatta il 5 dicembre; il pap test a ottobre e dava una l-sil .....
La Vain2 e 3, sono di alto grado invece, vero!? È possibile che in soli due mesi (comunque in terapia con colpofix), la situazione sia peggiorata? O il pap test non era esatto?
Io prenoteró questa ulteriore colposcopia che chissa tra quanti mesi sarà disponibile, ma ho una paura terribile che si tratti di qualcosa di piu serio e aspettare porterà al peggio.
Datemi un consiglio per favore.
Grazie