Utente 374XXX
Buongiorno volevo spiegarvi il mio problema, anche se non è molto semplice.
Giorno 4 Febbraio ho iniziato ad avvertire un fastidio nella zona genitale. Toccando, per capirne l’entità e quanto altro mi sono accorta che mi facesse male. A me che non era mai capitato qualcosa del genere mi ha recato non poca preoccupazione. Allora davanti ad uno specchio ho deciso di guardare bene cosa accadesse. Mi sono accorta che all interno delle piccole labbra, proprio attaccati all apertura vaginale c’erano quelli che mi sembravano (3 puntini bianchi). L’indomani ho notato che la pelle circostante l’apertura vaginale era diventata biancastra e che proprio accanto a questa c’erano delle cosine bianche. Intanto il prurito misto a bruciore proseguivano. In farmacia spiegando il problema mi hanno detto di usare la Gyno canesten per 3 giorni. (Oggi è l’ultimo giorno. Ho l’ultima applicazione stasera. Perché ne ho fatte 2 per giorno). Adesso mi sento “pulita” internamente perché la zona dell apertura vaginale, quella subito accanto, e quella che la ricopre mi sembra esser tornata “pulita”. Il problema però è un altro. Quando faccio il bidet per esempio, o quando mi asciugo, avverto un senso di bruciore/dolore/pizzichio (ques ultimo solo quando mi asciugo) e di tanto in tanto un po’ di prurito (ma molto meno di prima). È come se, per capirci, avessi la pelle delle piccole labbra irritata, che di conseguenza mi fa male quando la tocco per asciugarmi o lavarmi. Mentre per L ennesimo bidet, ho voluto guardare per notare se ci fossero miglioramenti o meno, ho attenzionato proprio la pelle delle piccole labbra (una volta che internamente mi sentivo pulita) che all apparenza sembrava un po’ squamata/screpolata. Toccandola delicatamente è come se ci fossero delle piccole pretuberanze e non capisco dunque se ci sono sempre state, se sono queste a farmi male. Se potrebbe essere una conseguenza di questa infezione. Vorrei capire meglio.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Primo evento importante è quello di una autodiagnosi e di una diagnosi presunta del farmacista senza una visita, un esame batteriologico a fresco , con terapia per presunta candidosi .
Non condivido perchè da quello che riferisce potrebbe trattarsi di una VULVITE irritativa da contatto o una vulvite micotica.
In questi casi prima di prescrivere qualsiasi terapia è importante confermare la diagnosi
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 374XXX

Dr. Blasi la ringrazio per aver attenzionato la mia richiesta. Comunque volevo farle delle domande. Spero mi possa rispondere!

Innanzitutto mi sono accorta che la pelle delle piccole labbra, come avevo già detto in precedenza è come se fosse “tagliata”. Non so se il termine più adeguato a rappresentare il problema che ho è quello di “escoriazione”. Ma in tale caso, può una vulvite portare ad avere delle escoriazioni alle piccole labbra? Esiste una pomata generica da poter usare, in attesa di una visita, per poter fare tornare la pelle “normale”? Poiché credo sia questo a portarmi bruciore e prurito. O sbaglio?

Non a caso proprio adesso anche il mio ragazzo ha delle macchioline rosse pruriginose alla base del pene e sul pube. Potrebbe essere per questo mio problema?

In ogni caso sembra davvero migliorata la situazione rispetto all inizio. Mi spaventa solo questa escoriazione delle piccole labbra! Ho provato a cercare se c’è qualche crema generica che possa utilizzare senza problemi, ma non ho letto ancora nulla.

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non è possibile consigliarle farmaci senza una diagnosi
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 374XXX

Ha ragione. Chiedevo se esistesse una crema non a uso terapeutico! Per le escoriazioni. Sa, una di quelle pomate che male non possono fare. Ma forse, no?
E per il fatto del mio ragazzo ha qualcosa da poter dire in merito? Nel caso si trattasse di vulvite, si può trasmettere sessualmente? Poiché non credo sia una coincidenza che gli siano spuntate queste macchie pruriginose rosse.

[#5] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Un collega dermatologo potrebbe aiutare il partner
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#6] dopo  
Utente 374XXX

Buona sera, ritorno spiegando cosa nel frattempo è accaduto. Ho fatto una visita ginecologica. La dott.sa mi ha detto che non avevo nulla di strano, ha solo detto di assumere una crema per la vaginite. Mi ha fatto il pap-test e adesso attendo l’esito.
Il problema sembrava essere passato. Bruciore, dolore, prurito. Ma da un paio di giorni è tornato il dolore. Quello che mi impedisce di asciugarmi dopo aver urinato, seguire l’igiene intima. Quando urino sembra come se “pungessero” le piccole labbra. Andando in bagno ho notato, tra l’altro, del sangue rosso sulla carta igienica e mi sono spaventata. Ma di cosa potrebbe trattarsi?

[#7] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Mi dispiace ma senza un esame obiettivo è impossibile fare diagnosi
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#8] dopo  
Utente 374XXX

Si, lo so. Infatti qualsiasi cosa lei mi avrebbe detto o mi dica non la interpreto come una diagnosi certa. Semplicemente come quello che sono, ovvero delle “presupposizioni”. A me questa cosa mi sta un po’ preoccupando. Sto usando una crema, il cui nome è Meclon. Dato che la ginecologa mi ha detto che ha riscontrato una vaginite. La vaginite può provocare “dolore”, giù? Al tatto ad esempio? Ma questo sangue non me lo spiego. L’anno scorso ho fatto un’altra visita per delle grosse perdite ematiche marroni. La ginecologa mi disse che era l utero che si svuotava lentamente. Per il resto non mi disse nulla di preoccupante. Credo che mi avrebbe detto se avessi avuto qualche problema internamente dato che mi fece un eco interna. Questa visita invece è stata diversa! Senza ecografia. Ma guardandomi non mi ha detto altro. Infatti ero serena. Ma oggi a vedere questo sangue quando mi asciugo... mi preoccupa

[#9] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Purtroppo questo colloquio WEB non sostituisce la visita
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#10] dopo  
Utente 374XXX

Ma ci mancherebbe dottore. Io chiedevo per vedere cosa ne pensavate. Sto già aspettando un esito della visita e successivamente andrò comunque dalla ginecologa. Non avevo pensato di sostituire un colloquio online con una visita fisica. Speravo in qualche chiarimento. Grazie comunque della sua attenzione