Utente
Buongiorno,

ho 29 anni, operata con LEEP a inizio luglio 2018 per un CIN3.
Premetto che ho scoperto HPV a inizio 2010, e in questi 9 anni è progredito fino a un CIN2, poi regredito a CIN1, e nell'ultimo anno diventato CIN3.
Gli esiti della LEEP:
Biopsia conoide dimensioni mm 15x15, lunghezza OUE-margine resezione apicale di mm 5.
- Lesione intraepiteliale squamosa alto grado (Displasia grave, CIN3 con alterazioni da HPV) all'epitelio pavimentoso metaplastico.
- Sede lesione: ESOENDOCERVICALE, con estensione di mm 6.
- Interessamento sfondati ghiandolari: ASSENTE
- Flogosi stromale.
- Margine resezione esocervicale: SULLA LESIONE. Margine resezione endocervicale: INDENNE a mm 3. Margine resezione profondo: INDENNE.
Controllo colposcopico a 3 mesi (settembre) negativo per lesioni. Avrò controllo a 6 mesi a gennaio 2019 con Pap test e colposcopia.
La mia domanda: se il controllo di gennaio non dovesse evidenziare ulteriori lesioni, potrò iniziare la ricerca di una gravidanza?
Sento pareri molto contrastanti tra i diversi medici. Chi mi dice di aspettare almeno 2 anni di controlli a esito negativo, chi 1 anno e chi mi dice che con queste premesse dopo 6 mesi potrei iniziare senza avere troppi rischi dovuti alla conizzazione (proponendo eventualmente un cerchiaggio se la cervice risultasse troppo corta, considerando il cono di 15x15).
Un'ultima domanda: non hanno mai ritenuto utile fare la tipizzazione del virus, considerando che era già progredito a CIN3. Non sarebbe meglio farla secondo voi?

Vi ringrazio molto per la disponibilità
Buona giornata

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Tutto dipende dalla ripresa della organizzazione anatomica del collo uterino , dalla negatività del PAP test e del reperto COLPOSCOPICO .
Solitamente si consiglia un paptest ogni 6 mesi , con risultati negativi.
La genotipizzazione dell' HPV (HPV test) è utile per la gestione del follow-up , che comunque continuerà dopo la eventuale gravidanza.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno Dott. Blasi,

grazie mille per la risposta.
Non mi è chiaro però se, come indicato da lei, il pap test sarà negativo e il reperto COLPOSCOPICO non dovesse evidenziare lesioni, potrò procedere serenamente alla ricerca della gravidanza, ovviamente continuando il follow up suggerito dai miei medici curanti.
A settembre, durante colposcopia e successivo controllo dal mio ginecologo, mi è stato detto che la cicatrizzazione era a buon punto e il collo uterino si stava riprendendo molto bene.

Grazie ancora

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Sì ho scritto negatività del PAP test e della Colposcopia.
In bocca al lupo !
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno, 
torno da voi dopo un anno dall'operazione. 

Conizzazione luglio '18
1 controllo a 6 mesi, gennaio '19:
- la colposcopia non ha evidenziato lesioni, e ha rilevato un buon esito di conizzazione
- pap test negativo
- hpv ricerca positiva per ceppi ad alto rischio. Per un errore nell'impegnativa, non hanno eseguito tipizzazione. I medici che mi seguono non ritenevano comunque necessaria la tipizzazione: "con un CIN3 lei ha sicuramente uno o più ceppi ad alto rischio, è inutile capire quali". 

2 controllo a 1 anno, luglio '19 
Pap test positivo per  L-SIL

Considerato che in 6 mesi è di nuovo comparsa una lesione, immagino che il/i ceppi del virus che ho io siano abbastanza aggressivi.

Sarà necessaria una nuova conizzazione? O dovrò aspettare il prossimo controllo per sapere se la lesione è peggiorata/regredita?
Vorrei cercare una gravidanza, e a luglio sembrava non ci fossero ostacoli in tal senso.

Grazie infinite