Coltura endometriale

Salve, a gennaio sono rimasta incinta senza difficoltà, per la prima volta. Ho perso il bambino a marzo ed i medici mi hanno consigliato di trattare con cytotec l'aborto. Ad Aprile, dopo somministrazione di 4 compresse per via vaginale, è avvenuto l'aborto. Durante la prima visita di controllo, avvenuto mentre avevo il "capoparto", il ginecologo ha ritenuto opportuno eseguire l'esame in oggetto nel suo studio. Ho sofferto molto, l'esame è risultato negativo a tutte le infezioni ricercate e premetto che non avevo eseguito alcun tampone prima di fare l'esame dell'endometrio. Il dubbio che mi assale è questo: se avessi qualche infezione, con quell'esame è possibile che sia stata portata in utero? Ho spesso fastidio dove ho sentito quel dolore e molto prurito da quel giorno. Inoltre, non siamo più riusciti a concepire da allora, dovrei andare a fondo con dei tamponi o altri esami per capire se ho infezioni in utero? Grazie in anticipo per la pazienza
[#1]
Dr. Giampietro Gubbini Ginecologo 1,5k 44 9
Gentilissima
la infezione dell'utero si manifesta normalmente con sintomi importanti quali:perdite di sangue ,dolori nei rapporti,febbre.....
Nel suo caso i sintomi possono essere riferiti a..vaginite ma non a infezione dell'endometrio.
Se la preoccupa non essere riuscita a avere un nuovo concepimento ( è trascorso così poco tempo!!!) può con tranquillità fare una isteroscopia diagnostica che risponderà ai tanti suoi dubbi.
Un cordiale saluto

Dr. Giampietro Gubbini

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie dottore, ma la coltura endometriale può aver causato danni all'utero ? Mi riferisco al fastidio latente che sento esattamente dove è stato prelevato il campione di endometrio (riconosco il punto dove ho provato dolore durante l'esame). Grazie in anticipo

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test