Utente
Salve, il 15 di ottobre mi sono recata in ASL in quanto dovevo effettuare il vaccino antidifterico in quanto la scadenza era appunto ad agosto 2020.
Avendo avuto Però a giugno un incidente in cui mi era stato somministrato il vaccino anti tetano, il medico da dell'ASL mi fa presente che non può somministrarmi il vaccino antidifterico in quanto a giugno mi era stata somministrata la dose antitetanica, e quindi non potevo ripetere il vaccino perché anche quello conteneva la dose antitetanica, cosa che in realtà non ero a conoscenza. Detto questo il medico dell'ASL mi dice siccome avevo fatto la strada fino lì se volevo essere vaccinata contro qualcos'altro e mi salta all'occhio subito il vaccino anti HPV in quanto quest'anno a gennaio avevo effettuato il primo test HPV e sono risultata positiva.
A marzo poi mi viene effettuata anche una colposcopia in cui Però il ginecologo mi dice che la lesione probabilmente essendo di basso grado non era visibile al colposcopio dunque non mi effettua la biopsia e mi rimanda all'anno prossimo con il nuovo controllo HPV più colposcopia, mi tranquillizza dicendomi che nell'arco di un anno in soggetti giovani è molto probabile che l'infezione regredisca da sé e così anche la lesione, In caso di progressione della lesione avrebbero proceduto con l'intervento laser.
In ogni caso quindi qualche giorno fa ho deciso di vaccinarmi contro il papilloma virus, precisamente con il vaccino trivalente.
La mia domanda è nel caso in questi mesi l'infezione da HPV si fosse risolta, con il vaccino che ho fatto e i due prossimi richiami che dovrò fare potrò di nuovo essere infettata dal ceppo che mi ha provocato la lesione?
Oppure se ancora in corso ho questa infezione, il vaccino é d'aiuto o non serve (ovviamente si intende per il ceppo che mi ha provocato la lesione, 16 o 18 che sia)?

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il vaccino tetravalente o il nona valente sicuramente aiuta l'eliminazione del virus HPV , essendoci una immunità crociata tra i vari ceppi di HPV ad alto rischio.
Quindi nessuna preoccupazione
PS. non è presente in commercio un vaccino trivalente contro l' HPV
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Si scusi mi sono confusa con il trivalente tetano-difterite-pertosse, per l'HPV mi è stato iniettato il nona valente.
Comunque grazie per la risposta, sono contenta di sentire che il vaccino abbia efficacia anche con infezione in atto.
Saluti a Lei.