Utente
Buonasera
Sono risultata positiva ad HPV test con ceppo 51 e Pap test lsil.

Ho anche effettuato la colposcopia...la dottoressa mi ha consigliato di fare il vaccino nonavalente del papilloma...ho 32 anni... è utile ora??

Che effetti indesiderati ha?

Spero in una vostra risposta
Saluti

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
I vaccini contro l' HPV sono costituiti da "involucri" vuoti che quindi non contengono nè il DNA (materiale genetico) nè altre proteine del virus ; sono quindi NON infettanti e NON oncogeni .
anche se il vaccino serve a prevenire le infezioni , il nonavalente ha dimostrato proprietà curative in caso di L- SIL recidivante.
Il vaccino 9-valente si è dimostrato molto efficace nelle donne non ancora infettate (quasi il 100%) nel prevenire le lesioni provocate da HPV 31,33,45,52, e 58 oltre a quelle provocate dai tipi 16,18,6 e 11 . Il vaccino 9- valente , attraverso l'inclusione di altri 5 tipi di HPV ad alto rischio , dovrebbe proteggere da circa il 90% dei tumori
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Ha effetti indesiderati??
Può dare problemi con il tempo?? Anche a livello di una possibile gravidanza?
Grazie mille

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il vaccino provoca spesso alcuni sintomi come febbre , dolore , gonfiore e arrossamento nella zona dove è stata fatta l'iniezione , oppure mal di testa o dolori muscolari .questi sintomi vanno via da soli in pochi giorni.
Gli studi condotti prima dell'autorizzazione in commercio dei vaccini hanno evidenziato un ottimo profilo di sicurezza dei vaccini , Dal 2006 i vaccini contro l'HPV sono stati autorizzati in più di 110 nazioni e sono state distribuite più di 270 milioni di dosi .Gli studi condotti dopo l'introduzione del vaccino , ovvero è stato dimostrato che gli eventi gravi raramente osservati non si verificano con una frequenza maggiore tra i vaccinati rispetto ai non vaccinati.
saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI