Utente 467XXX
Gentili Dottori,
vorrei sottoporre alla vostra attenzione il mio caso. Da circa 5 mesi sul lato sinistro del viso soffro di questi sintomi:
senso ovattamento orecchio sx; rimbombo della voce vicino orecchio sx; percezione orecchio sx come corpo estraneo, vibrazioni (acufeni?) orecchio sx; sensazione di qualcosa di rigido nel cue sx che fa rimbombare voce (otorini escludono patologie auricolari); guancia sx indolenzita e a volte dolorante; sensazione di muscolatura superficiale guancia sx "strana" (dalla tempia alla mandibola inferiore); sensazione di tumefazione alla guancia e zigomo sx;sensazione che la zona vicina all’orecchio sia infiammata; sensazione di rigidità muscolatura guancia sx.
mi rivolgo a più otorini per risolvere il problema: inizialmente sembrava una banale otite per cui assumo antibiotici, cortisone, antifungini e pulizie auricolari varie senza però avere riscontri positivi; audiometrico, timpanometria, rino-laringofibroscopia potenziali evocati sono nella norma; gli otorini quindi escludono patologie a carico dell'orecchio e ipotizzano problemi alla mandibola;

allego breve anamnesi degli ultimi tre anni:

* causa precaria situazione dentaria ho sofferto per molto tempo algie guancia DX, senso di torpore, clic mandibola DX, dolore sotto gli occhi, dolori alle tempie lato DX, rigidità muscolare
*sono bruxista notturno sin da piccolo: scopro che portando un semplice paradenti per sportivi riesco a limitare l'entità di questi sintomi;
*decisione di riabilitare cavo orale: estrazione denti arcata superiore e inserimento 5 impianti + corone; alcune estrazioni arcata inferiore + inserimento alcuni impianti + corone
* durante il periodo di osteointegrazione porto una protesi mobile in resina molle (dentiera) per arcata superiore ( che tolgo la notte): spariscono tutti i sintomi dolorosi che avevo nella guancia DX e il viso torna ad essere neutro: guancia DX = guancia SX (stavo cosi bene da non poterci credere!)
* un mese dopo l'applicazione delle corone definive i sintomi che avvertivo sulla guancia DX si trasferiscono sulla guancia SX coinvolgendo però anche l'orecchio (leggera algia) e sensazione di orecchio “strano”
*per un po' di tempo i sintomi sono sopportabili, poi peggiorano sempre più;
*mi rivolgo ad un altro dentista per provare a risolvere la situazione; mi viene confezionato un bite di riposizionamento (attraverso Arcus Digma) che però sembra accentuare la sensazione che il condilo comprima "qualcosa di molle" e che “stiri” la muscolatura superficiale che va dalla tempia alla mandibola inferiore; ho come la percezione che il rimbombo della voce sia stato innescato dal bite poiché la comparsa di questo disturbo risale al periodo in cui ho iniziato a portarlo anche se non riesco a stabilire il fatto con certezza; in ogni caso decido di non portarlo più……
Questa situazione mi condiziona pesantemente, anche dal punto di vista psicologico……. Grazie in anticipo per le risposte che vorrete accordarmi, saluti

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, sembrerebbe proprio che i problemi a Dx avessero la stessa causa di quelli insorti a sn, cioè una laterodeviazione mandibolare: a dx per motivoi naturali, a sn a seguito della protesizzazione.
Se si infilano i mignoli nei Condotto Uditivo Esterno (CUE) , con i polpastrelli verso l’avanti e si battono i denti, è possibile sentire come il condilo mandibolare “picchia” contro il CUE. Può picchiare così forte che in letteratura ci sono alcuni articoli che descrivono addirittura lo “sfondamento” della parete posteriore della Cavità articolare Glenoide e l’invasione del CUE da parte del condilo. .In realtà il condilo può entrare in conflitti anche più leggeri con l’orecchio: se interessa la tuba ne soffre quello medio, se interessa il CUE PREDISPONE ( non causa) la patologia del CUE, che va da una ipersecrezione di cerume fino all’Otite Esterna.
La prescrizione di un bite, in un caso come il suo è corretta, ma rappresenta la configurazione tecnica e artigianale di un ragionamento diagnostico e di una ipotesi terapeutica formulata dal dentista-gnatologo che lo prescrive e fa realizzare: è quest’ultima, cioè la prestazione culturale che il paziente acquista, non l''oggetto artigianale che qualunque tecnico realizza in un''ora di lavoro, e che è di infimo valore venale se disgiunto dalla prima.
Se però dopo alcuni mesi di bite, portato 24 ore al giorno pasti esclusi, non si arriva ad un risultato, delle due l''una: o i suoi problemi non dipendono dall''occlusione e dall''ATM (ma ne dubito), oppure il bite potrebbe essere inadeguato, o, infine, non è stato prescritto con le caratteristiche adeguate al suo caso, forse perché i suoi problemi non rientravano negli obiettivi.
Sul problema dei rapporti fra Orecchio e ATM può avere qualche ulteriore informazione aprendo questi link:

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/961-otite-ricorrente-colpa-denti.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1348-acufeni-disfunzioni-articolazione-temporo-mandibolare-atm.html

Le suggerirei di sentire una seconda opinione, consultando un dentista –gnatologo esperto in problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare, e soprattutto nei rapporti fra ATM e Orecchio: non tutti i dentisti amano coltivare questa sottospecialità.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 467XXX

Grazie dottore! Aggiungo qualche info; ho effettuato quindi una RM ATM che evidenzia leggera anteriorizzazione dei dischi e la non completa ricattura del disco a DX; (ciò spiegherebbe i clic che sento a volte a dx) anche se ora i problemi sono nella guancia SX ; faccio notare che in passato (da precedente RM) il disco non ricatturato era quello a SX (con conseguenti clic a sx) e i problemi erano nella guancia DX;
effettuo una visita da un chirurgo maxillo facciale con la RM: vedendo le immagini esso inizialmente dissente dal referto nel senso che i dischi gli sembrano più anteriorizzati e rileva una sorta di infiammazione a sx; tuttavia alla palpazione rileva che i miei muscoli sono piuttosto rilassati e non son presenti algie (tre giorni prima avevo preso un antiinfiammatorio per cervicalgia e uso tuttora il paradenti per la notte); secondo lui quindi l’ATM è ok e mi consiglia una TAC dei seni paranasali; il mio medico di base non me la prescrive poiché secondo lui inopportuna (anche l’otorino è dello stesso avviso); io vorrei eseguirla per sgombrare il campo da ogni dubbio ma l’ingente quantità di raggi x che mi verrebbe somministrata mi fa desistere………

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
La chiriurgia Maxillo Facciale non +è la specialità adatta a trattare i problemi dell'Articolazione Temporo Mandibolare, prescindendo, ovviamente, da qualità personali.
Le confermo l'opportunità di sentire una seconda opinione, consultando un dentista –gnatologo esperto in problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare, e soprattutto nei rapporti fra ATM e Orecchio.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
Utente 467XXX

ok, molte grazie dottore!