Utente 975XXX
Salve a voi,
all'incirca un mese fa, facendo dello sport ("capoeira"-arte marziale brasiliana acrobatica, 3 volte alla settimana/1:30-2:00) ho riscontrato un dolore al ginocchio destro, ho tenuto l'arto a riposo per 5 giorni, e passato il dolore ho continuato con tale sport, subito dopo "a freddo" ho sentito un forte dolore seguito da un consistente rigonfiamento del ginocchio stesso. Il giorno seguente sono andato al pronto soccorso e mi hanno detto di mettere solo ghiaccio e di tenerlo a riposo e fare una RMN.
dopo 3 settimane, ho fatto la RMN, ecco il responso: "Mal valutabile nella gronda femorale il crociato anteriore per verosimile lesione subtotale; nei limiti il posteriore. Ispessimento irregolare del collaterale mediale, del laterale e dei legamenti alari in esiti traumatici. Marcata qtà di versamento articolare distende lo sfondato sotto quadricipitale. mei limiti il menisco laterale. Alterazioni degenarative- involutive si apprezzano nel menisco mediale con lesione complessa in corrispondenza del corno posteriore. Non evidenti alterazioni segnale delle strutture scheletriche e cartilaginee in esame in particolare il significato metatraumatico."
Ho fatto subito la visita con l'ortopedico, e ha mi ha riferito la necessità di un'artroscopia per il menisco mediale (è proprio necessario?), per togliere la parte danneggiata. Questo per permettermi di fare sport di nuovo. In seguito ha analizzato la stabilità del ginocchio e sembrerebbe che non ci sia necessità di operare il legamento,ma la conferma si avrà solo durante l'artroscopia.
Adesso, dopo una settimana da tale visita, riesco a camminare quasi normalmente, anche se faccio fatica dopo essere stato per un po' seduto, infatti sento il ginocchio come addormentato, non riesco a piegare il ginocchio del tutto e nel raddrizare la gamba completamente sento verso la fine dolore ai lati, soprattutto all'interno.
è da sottolineare che in questo periodo non ho portato le stampelle (perche non consigliate)ho limitato i movimenti e quando mi muovevo zoppicavo, e non ho mai avuto cedimenti di alcun tipo.
Visto lo sport che faccio sarà proprio necessaria l'operazione al LCA, e se si, è conveniente farla in contemporanea al menisco?
Nel frattempo mi è stato consigliato di fare un po' di cyclette leggera e nuoto, per evitare la perdita muscolare. C'è la possibilita di danneggiare ulteriormente il ginocchio sforzandolo?
Vi ringranzio in anticipo.
Francisco

[#1]  
Dr. Alberto Nicodemo

24% attività
8% attualità
12% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Nelle persone giovani e sportive come lei è consigliabile ricostruire il LCA rotto.
In attesa dell'intervento è utile recuperare il più possibile l'articolarità del ginocchio ed evitare l'ipotrofia muscolare.
L'intervento per il LCA è eseguibile nella stessa seduta operatoria della regolarizzazione meniscale, ma di questo le consiglio di parlare con il suo ortopedico di fiducia.
Dr. A.Nicodemo
www.ancaebacino.it

[#2] dopo  
Utente 975XXX

Grazie mille per la sua celere risposta dottor Nicodemo,
La mia speranza restava in quel "mal valutabile" e che quindi la lesione non fosse cosi grave da aver bisogno di un'operazione. 6 mesi senza fare capoeira mi risultano difficili da digerire, pero se e' necessario per riavere un'attivita' normale, dovro' farla.
Un ultima curiosita' per fare un'attivita' diciamo quasi agonistica come quella che faccio io, in che percentuale deve essere funzionante il menisco? questo perche' avevo sentito che con l'intervento al LCA non si ha mai un recupero della funzionalita' pari al 100% ma di solito al 60-70%, e ' vero?

grazie di nuovo

[#3]  
Dr. Alberto Nicodemo

24% attività
8% attualità
12% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
dopo la ricostruzione del LCA e dopo una meniscectomia selettiva si torna nella maggior parte dei casi a fare attività sportiva anche agonistica (ad es. pensi ai calciatori professionisti).
Per quanto riguarda la percentuale di recupero della funzionalità del ginocchio è difficile fare delle previsioni precise, ma sarei più ottimista di quel 60-70% di cui parlava.
Dr. A.Nicodemo
www.ancaebacino.it