Utente
Sono una donna di 44 anni, 7 mesi fa mi è capitato di sentirmi mancare e tachicardia forte. Ho fatto i dosaggi tiroidei, la visita cardiologica e l'ecocardiografia ed è risultato tutto nella norma. Il mese scorso si è ripresentato il problema : ero appena tornata da scuola e stavo per pranzare. Di nuovo un senso di malessere in tutto il corpo, mancanza di stabilità e tachicardia. Ultimamente mi è capitato di notte: mi sveglio, mi gira un pò la testa ed ho tachicardia e qualche volta il braccio sx " addormentato .Ho fatto l'ecografia alla tiroide, il doppler alla carotide ,la radiografia alla cervicale. Da quest'ultima risulta: rettificata la fisiologica lordosi. segni di spondilosi nel tratto medio a cui si associa una riduzione dello spazio discale a livello di C4-C5 eC5-C6.Qual è la vera causa dei miei disturbi? Cosa mi consigliate di fare?

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,

a livello cervicale dovrebbe approfondire le indagini con una RM del tratto cervicale perchè la riduzione degli spazi non ci dice la causa. Inoltre faccia anche una visita neurologica per avere una valutazione diretta del Suo problema.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente
Egregio dottore ho seguito il suo consiglio e ho fatto la visita neurologica e sono rimasta delusa. La dottoressa ha posto la sua attenzione sulla tachicardia e si è indirizzata verso gli attacchi di panico e l'ansia, trascurando i disturbi che accuso a livello cervicale :rigidità,testa vuota, indolenzimento del collo quando a letto cambio posizione,formicolio in un determinato punto della testa,a volte quando mi abbasso per prendere qualcosa mi stringe dietro la nuca. E poi mi ha detto che non ci sono i sintomi per richiedere la risonanza magnetica.A mio avviso riconosco di essere stata sempre apprensiva ma penso che ci sia qualche altro problema.Le chiedo se può guidarmi Lei alla soluzione,posso fare fisioterapia? Ma quale in particolare.Desidererei avere il suo giudizio su tutto ciò.Grazie

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,

Le è stata prescritta una terapia per gli attacchi di panico e l'ansia?
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente
sereupin mezza compressa per sette giorni poi una compressa per due mesi;alprezolam 5 gocce la mattina e10 la sera perdue mesi;levopraid 7 gocce tre volte al giorno per 10 giorni.Io ho avuto a scuola una collega con attacchi di panico e non ho nulla di tutto quello che aveva lei.Io ho voglia di andare a scuola , mi diverto con i miei alunni ,sono gioiosa a casa con la mia famiglia, amo uscire con i miei figli e mio marito, non soffro d'insonnia, mi sveglio al mattino e mi alzo con tanta voglia di fare.Non ho comprato nessuno di questi farmaci perchè se è solo un pò di ansia ,questa la devo vincere io, perchè non ho motivi validi per farmi prendere dall'ansia.Quindi a cosa devo i miei disturbi?

[#5]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

non conoscendoLa ovviamente non posso giudicare il Suo presunto stato ansioso e darLe un parere sulla diagnosi e la terapia che Le è stata prescritta ma non è da escludere, dalla descrizione dei Suoi sintomi, una condizione probabile di cefalea tensiva da tensione muscolare del collo.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#6] dopo  
Utente
Come posso risolvere questo problema, con la fisioterapia o altro?Devo fare altri esami che ci potrebbero aiutare a capire a cosa sono dovuti questi sintomi?

[#7]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La visita neurologica è fondamentale ma, come Lei dice, la neurologa ha sottovalutato questi sintomi. Non esistono esami per diagnosticare una cefalea tensiva, la diagnosi è clinica.
Rileggendo il Suo primo post mi rendo conto che ciò che Le ha detto la neurologa ha un suo fondamento.
La terapia prescritta, almeno quella con alprazolam e sereupin, potrebbe risultare efficace anche su gli altri sintomi.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro