Disturbi vista e mal di testa in seguito a sforzo.

Salve, sono un ragazzo di 20 anni, sono alto 180 cm e peso 85 kg. Premetto che non pratico attività fisica regolare e che soffro leggermente d'ansia. Il mio problema, da circa 3 anni, è il seguente: saltuariamente mi capita di giocare a calcetto con gli amici e di avere un disturbo visivo (mosche bianche davanti agli occhi) a distanza di qualche ora dallo sforzo, seguito da un forte mal di testa (preciso che fino a 17 anni giocavo a calcio a livello agonistico e non ho mai sofferto di questi disturbi!). Non mi capita sempre, ma più della metà delle volte che gioco. Una volta il disturbo è comparso addirittura il giorno dopo! Spaventato da questo fenomeno, una sera, dopo una partita di calcetto, sempre in balia del forte dolore, mi recai in pronto soccorso dove i medici mi eseguirono una tac, che parlava di valori normali ma della presenza di un'ampia cisti del setto pellucido. Mi consigliarono, per un completamento diagnostico, un esame RM dell'encefalo, il cui responso confermò la presenza di una cisti del setto pellucido, in seguito smentita da altre due RM che affermavano una semplice persistenza del cavo del setto pellucido e di Verga. A questo punto mi consigliarono di eseguire una visita neurologica e in seguito un doppler transcranico e un elettroencefalogramma. I risultati di questi esami furono tutti nella norma. Per un'ulteriore sicurezza mi recai, per un consulto, presso un neurochirurgo, che mi disse di tranquillizzarmi perché non avevo assolutamente nulla! Da qui inziai a soffrire di lievemente di ansia, in quanto amo il calcio, ma con questi problemi iniziai ad evitare di giocare. Quest'ansia mi portò ad effettuare anche controlli sul cuore, in seguito a frequenti dolori al petto ed episodi di extrasistole. Eseguii elettrocardiogramma ed ecocardiogramma, più visita cardiologica, ma tutto risultò nella norma. Poco tempo fa il mio medico mi prescrisse (per stare più tranquillo) una prova da sforzo con ciclo ergometro, che ho eseguito proprio ieri, ma anche lì tutto normale; solo un tempo di recupero abbastanza lungo, ma probabilmente dovuto al fatto di essere fuori allenamento. All'inizio della prova il medico mi ha trovato la pressione un po' alta, ma poi durante l'allenamento e dopo è scesa a valori normali. Pensava potesse essere un po' di tensione pre-prova oppure una cattiva lettura da parte loro (l'hanno misurata manualmente). Lui mi ha detto che i problemi alla vista e il mal di testa dopo uno sforzo possono essere imputati alla pressione alta, ma data la giovane età è poco probabile. E' più plausibile il fatto di essere poco allenato. Preciso che fino a giugno dell'anno scorso ho frequentato per qualche mese una palestra e di mal di testa non me ne sono venuti (a differenza di quando gioco a calcetto), ma solo una leggera presenza di disturbi visivi quando esageravo con gli allenamenti aerobici. A cosa può essere dovuto questo problema? Solo all'allenamento? Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione.
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67k 2k 23
Gentile Utente,

il neurologo quale diagnosi ha fatto?

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Ferraloro,

la visita neurologica che feci circa un anno fa non evidenziò niente di particolare, ma non fu particolarmente approfondita. Tuttavia il neurologo mi diagnosticò una probabile cefalea da sforzo. In ogni caso ho prenotato un'ulteriore visita neurologica per febbraio. Come dicevo in precedenza però, fino a 3 anni fa non soffrivo di questi disturbi e quindi mi chiedo se può essere possibile che compaiano all'improvviso. Se non ricordo male i primi episodi li ebbi a seguito delle ore scolastiche di educazione fisica, quando ancora frequentavo la scuola superiore (nelle quali praticavamo spesso calcio a 5). E' da sottolineare che da quando i disturbi d'ansia sono leggermente aumentati, soffro di affaticamenti visivi leggeri i quali, forse, sono solo soggettivi e quindi imputabili ad uno stato ansioso.

Cordiali saluti.
[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67k 2k 23
Gentile Utente,

è probabile una cefalea da sforzo ma c'è la possibilità che non sia la sola forma di cefalea di cui Lei soffre.
Infatti una cefalea per essere definita da sforzo si deve manifestare sono durante o in stretto rapporto di tempo con l'esercizio fisico.
Pertanto la cefalea che si manifesta il giorno dopo non è da definire "da sforzo".

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Ferraloro,

durante le attività quotidiane non mi capita quasi mai di avere mal di testa. Nelle pochissime volte in cui questo accade, il dolore è leggerissimo e, nella maggior parte dei casi, si manifesta solo dopo molte ore davanti al pc. Quindi a cosa può essere dovuto questo mio disturbo? Si può trattare di allenamento? Preciso che quando raramente mi capita di fare una breve corsetta (max 20-25 min), essa spesso è seguita da un lieve affaticamente visivo che dura una mezz'ora circa, ma mai da mal di testa. Cosa potrei fare?

Cordiali saluti.
[#5]
dopo
Utente
Utente
Dimenticavo di dirle che riguardo a quell'episodio in cui il dolore mi si presentò il giorno dopo, i fatti andarono così: dopo aver giocato tornai a casa intorno alle 23.30 e non ebbi particolari disturbi alla vista, quindi mi addormentai tranquillamente con la consapevolezza che non avrei avuto mal di testa, in quanto esso è sempre preceduto da quei forti disturbi visivi e, non avendoli avuti, pensavo che il mal di testa non si sarebbe presentato; la mattina successiva mi alzai, uscii per compiere delle commissioni e al rientro, proprio durante il pranzo, iniziarono queste mosche bianche davanti agli occhi, passate le quali mi iniziò un forte mal di testa, tantoché mi addormentai.
[#6]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67k 2k 23
Gentile Utente,

sull'ultimo episodio che ha descritto è probabile ipotizzare un'emicrania con aura. Veda cosa Le dirà il neurologo alla prossima visita.

Cordialità
[#7]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Ferraloro,

oggi mi sono iscritto in palestra per iniziare a recuperare un po' di condizione atletica, sperando che potrà anche essermi d'aiuto per preparare il mio fisico a delle future partite di calcetto (di cui non posso fare a meno!) e ridurre questi attacchi di cefalea da sforzo, laddove il problema dovesse essere quello.
Le comunicherò l'esito della visita neurologica, non appena l'avrò eseguita.
Nel frattempo, la ringrazio dell'attenzione.

Cordiali saluti.
[#8]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67k 2k 23
Gentile Utente,

ottima scelta, infatti si è visto che prepararsi con allenamento preliminare può alleviare e a volte non fare scatenare la cefalea.
Ok, aspetto Sue notizie sulla visita neurologica.

Cordialmente
[#9]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Ferraloro,

scusi il disturbo, ma volevo chiederle una cosa. In questi giorni, come le ho già detto, sto andando in palestra. Tuttavia noto che spesso, verso la fine della seduta di allenamento, arrivano quegli immancabili leggeri disturbi visivi, che poi passano nel giro di una mezz'ora, senza essere seguiti da mal di testa. Nonostante questo il problema è un altro. Ieri sera ho avvertito uno strano senso di intorpidimento alle ultime due dita della mano destra e un po' a tutto il braccio, allorché mi sono un po' allarmato e, anche se non avrei dovuto (essendo un tipo ansioso), sono andato alla ricerca di diagnosi su internet e questo "problema" è stato annoverato tra i sintomi della SM, insieme ai disturbi visivi di cui spesso soffro. Mi chiedevo se posso stare tranquillo sapendo che l'esito dell'ultima RM che ho fatto (l'anno scorso) è stato negativo. Le chiedo questo perché la visita neurologica da me prenotata è addirittura fra un mese!

La ringrazio dell'attenzione.

Cordiali saluti.
[#10]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67k 2k 23
Gentile Utente,

la RM encefalica dell'anno scorso La dovrebbe tranquillizzare un pò. Per quale motivo è stata fatta?
Il disturbo alle dita della mano ed al braccio quanto è durato? Subito dopo ha avuto mal di testa, anche leggero?

[#11]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Ferraloro,

feci la RM in seguito al problema che le evidenziai nei post precedenti, ovvero disturbi vista e mal di testa in seguito a sforzo fisico. Tra il 2009 e il 2010 ho eseguito tre RM, di cui la prima con MDC, in quanto mi avevano consigliato controlli periodici a seguito della risposta della prima RM che parlava di "persistenza del cavo del setto pellucido e di Verga del diametro di 2,5 mm".
Il disturbo alle dita e al braccio è durato 20-30 min più o meno. C'è da dire però che sono stato molto tempo con il braccio poggiato sul tavolo per lavorare al pc. Per quanto riguarda il mal di testa, da qualche giorno mi sembra di averlo persistente in forma leggerissima; sarà che passo molto tempo al pc! Può essere tutto dovuto all'ansia, dottore?

Cordiali saluti.
[#12]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67k 2k 23
Gentile Utente,

il disturbo di ieri potrebbe essere dovuto alla compressione del nervo ulnare al gomito, come potrebbe essere stata un'aura sensitiva che in alcuni soggetti può sostituire o associarsi a quella visiva.

Cordialità
[#13]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Ferraloro,

dimenticavo di dirle che da molti mesi soffro di contrazioni involontarie in tutto il corpo! Si chiamano fascicolazioni? Non parlo di muscoli interi, ma solo di alcuni punti di essi. E' come se ci fosse qualcosa sotto che si muove! Una sensazione strana, anche se non mi capita spesso.

Cordiali saluti.
[#14]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67k 2k 23
Gentile Utente,

potrebbero essere fascicolazioni ma si faccia controllare dal neurologo.
Stia comunque sereno.

Cordiali saluti
[#15]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dott. Ferraloro,

ho effettuato la visita neurologica, e il neurologo mi ha detto che non ho nulla di preoccupante, se non un lieve stato ansioso. In ogni caso, per quanto riguarda il mal di testa dopo lo sforzo, mi ha prescritto un'ANGIO RMN con MDC per precauzione oltre all'assunzione di TOPAMAX 25mg in capsule come cura al mio mal di testa. Mi ha detto di iniziare con questa cura e, magari, dopo un po', di riprovare a giocare a calcetto per vedere se ho avuto benefici oppure meno.
La mia domanda è la seguente: è meglio aspettare l'ANGIO RMN oppure posso iniziare da ora a prendere questa medicina?

Cordiali saluti.
[#16]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67k 2k 23
Gentile Utente,

mi pare di capire che il neurologo abbia prescritto il topamax per assumerlo subito. La sua assunzione non altera il risultato dell'Angio-RM, pertanto ritengo che possa già iniziare la terapia. Come precauzione, quando inizierà a giocare a calcetto, legga il mio post #8.

Cordialmente

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio