Memoria del dolore

buongiorno,
ho subito 5 anni una manipolazione chiropratica al collo che mi ha causato fortissimi dolori nella zona cervicale e che mi si estendevano alla spalla/schiena/trapezio/braccio.
all'inizio pensavano mi fosse uscita un'ernia, mi misero al letto per 15 giorni, collare, ma la risonanza non evidenziò ernie, poi si parlò di qualche danno a strutture nervose, ma sempre ipotesi su ipotesi mai confermate, e tutt'ora non ho ancora certezza di cosa sia potuto accadere di preciso.
sinceramente a distanza di 5 anni potrebbe anche non interessarmi più sapere cosa è successo, se non fosse che la sintomatologia dolorosa perdura ancora in assenza di un apparente danno fisiologico, nè neurologico nè ortopedico, come mi hanno confermato 2 dottori che mi hanno visitato recentemente.
un neurologo mi ha parlato allora di questa memoria del dolore, che si instaura anche a danno guarito, cioè il cervello rimane come "inceppato" (mi passi il termine) e continua a sentire il dolore anche quando la causa del dolore stesso viene a mancare.
è possibile un'ipotesi del genere?
io sono disperata, non riesco più a vivere con questi dolori. ho girato un sacco di dottori e mi rimbalsano l'un l'altro.
il reumatologo mi dice fibromialgia, ma non ho dolori diffusi caratteristici della fibromialgia, ma sono tutti concentrati nella zona originariamente sede del danno.
il neurologo mi parla di memoria del dolore e poi però mi dice di andare dal reumatologo senza darmi cure. esiste una cura per questa "patologia" se cosi si può chiamare? non è forse competenza neurologica? e se no a chi spetta curarla?

attualmente sono in cura con topamax perchè soffro anche di fortissimi mal di testa (forse correlati a questi forti dolori/rigidità al collo) e a giorni alterni mi sembra un po' mi dia sollievo anche ai fortissimi dolori che ho (ho letto che gli antiepilettici vengono usati anche per bloccare la trasmissione del dolore, soprattutto per il dolore neuropatico), ma non sempre fa effetto.
a volte sono costretta, come ieri pomeriggio, a prendere voltaren 100, ma se i dolori sono veramente forti non basta neppure quello. cioè 100 mg di voltaren + 100 mg di topamax non bastano per togliermi i dolori!!!!! a cosa devo arrivare, alla morfina? sono ancora giovane e non vorrei arrivarci, ma sto seriamente valutando l'idea di rivolgermi ad un centro per la gestione del dolore cronico perchè da sola non sono più in grado di gestirlo.


la ringrazio anticipatamente



[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,1k 2k 23
Gentile Utente,

la tesi della memoria del dolore è teoricamente affascinante ma non è provata da un numero adeguato di studi. Personalmente sarei un pò scettico ma questa è soltanto una mia opinione che può essere tranquillamente smentita.
Nel corso di un consulto precedente, in Neurologia, ha parlato di esami diagnostici che il neurologo Le aveva prescritto (RM encefalica, Potenziali Evocati), sono stati effettuati? Con quale esito?

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
i test sono tutti negativi.
potenziali evocati tutti nella norma.
rm nella norma, ciste aracnoidea nel lobo temporale rimasta immutata rispetto ad esami fatti negli anni precedenti.
rm cervicali perdita della fisiologica lordosi, e lievi discopatie, megapofisi trasverse su c7 ma l'ortopedico (anzi gli ortopedici, tutti quelli che ho sentito) sono concordi che non spiegano i dolori cosi forti, mi hanno detto, testuali parole che "se fermo 10 persone per strada, 7 hanno il collo messo peggio di te e non hanno i tuoi dolori"
non so più dove sbattere la testa.
ho chiesto se poteva essere un herpes zoster senza sfogo mi hanno detto di no. un infiammazione di qualche nervo mi hanno detto di no. hanno escluso tutto. fibromialgia forse si forse no. l'utlimo reumatologo mi ha detto che è strano che si concentri tutta lì, perche di solito i dolori sono diffusi in tutto il corpo, non solo in quell'area. e comunque non risponde alle cure classiche, non risponde agli antiepilettici, ai miorilassinti, agli antidepressivi.
io sono convinta che tutto sia iniziato dopo la manipolazione perchè prima avevo sì qualche doloretto al collo, ma non così atroci.
adesso prendo una ventata e mi blocco. prendo l'aria condizionata e mi blocco. a volta basta anche non fare nulla e ho dolori lo stesso, anche senza uscire di casa, anche stando riguardata!
il più delle volte non riesco neppure a capire da dove origina il dolore perchè quando è così forte prende tutto il quadrante superiore destro e mi fa male ogni cosa, braccio, spalla, schiena, collo, ascella, si irradia ovunque, mi fa male a respirare, e stare in piedi, seduta, sdraiata!!! non trovo giovamento in nessuna posizione, nè facendo stretching.
a volte il dolore è tagliente, a volte è bruciante, a volte mi sembra che mi abbiano spezzato le ossa, a volte è come il dolore dell'influenza quando si sentono i muscoli tutti indolensiti, a volte è una cosa a livello della pelle, altre volte è una cosa più interna, cosi interna che non riesco a toccare l'origine del dolore (non è un muscolo superficiale che riesco a rintracciare con la mano, come invece altre volte accade, riesco a dire esattamente dove ho dolore, magari trovo pure una contrattura muscolare).

riesce a farsi qualche idea?
grazie!



[#3]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,1k 2k 23
Gentile Utente,

le ipotesi diagnostiche sono quelle che Le hanno prospettato i medici che l'hanno visitata. On line non è possibile stabilire l'origine dei Suoi disturbi, probabilmente potrebbero essere associate più patologie (dalla fibromialgia alla cefalea di tipo tensivo (considerata la perdita della fisiologica lordosi cervicale), alla megaipofisi trasversa di C7, alle discopatie.
Teoricamente ciascuna di esse potrebbe influire nel determinare poi la sintomatologia finale che mi pare pure variabile.
Quali antidepressivi ha assunto e per quanto tempo?

Cordialmente
[#4]
dopo
Utente
Utente
ho preso laroxyl per più di un anno 15 gocce al giorno.
all'inizio (il primo mese) stavo un po' meglio, ma poi come tirar giu acqua. l'unico effetto che aveva era farmi aumentare di peso, ho preso 10 kg in un anno, infatti alla fine ho smesso perchè avevo solo effetti collaterali (stanchezza, peso) e nessun effetto benefico.
poi ho preso flexiban, anche quello per un anno, che è nella categoria dei miorilassanti, ma in realtà so che proprio un miorilassante non è, è molto affine agli antidepressivi.
sempre tra i miorilassanti ho provato sirdalud anche quello senza effetti. questi farmaci mi danno molta stanchezza, mi fanno ingrassare, e i pochi effetti benefici li vedo nei primi giorni di cura, 15/20 giorni, poi il corpo di abitua e è come non assumerli più.
le megapofisi mi hanno detto che assolutamente sono asintomatiche!!!!! infatti io insistevo perchè avevo letto di questa patologia dello stretto toracico che può essere causata dalla presenza di aposisi trasverse (spesso il braccio quando mi fa male mi diventa violaceo, vuoi forse perche lo tengo piu immobile per il dolore, o perchè proprio ci sono dei fenomeni di compressione vascolare, non so)
[#5]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,1k 2k 23
Gentile Utente,

il reumatologo che Le ha diagnosticato la fibromialgia non Le ha prescritto nessuna terapia? Comunque tra gli antidepressivi non ha mai assunto quelli di ultima generazione che, almeno nella sindrome fibromialgica, potrebbero avere una buona effiacia. In ogni caso on line non è possibile stabilire terapie e formulare diagnosi, queste sono soltanto alcune informazioni in generale. Esistono poi delle molecole antidepressive efficaci anche sul dolore di origine neuropatico, così come indicati potrebbero essere anche altri farmaci che in origine sono nati come antiepilettici.

Buon Ferragosto
[#6]
dopo
Utente
Utente
per la fibromialgia mi sono stati dati i suddetti farmaci proprio dal reumatologo.
di quali molecole parla? mi puo fare qualche nome così da poterne parlare con il reumatologo?
io so che come antiepilettico il lyrica è impiegato per la fibromialgia (ma immagino sia simile al topamax no? perchè all'ultima visita il reum mi ha detto di continua con il topamax se mi faceva un po' di effetto sui dolori), e di antidepressivi di ultimi generazione a quali si riferisce in particolare?

grazie di nuovo e buon ferragosto.
[#7]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,1k 2k 23
Gentile Utente,

il mio discorso era in generale e non riferito al Suo caso particolare.
Tra gli antidepressivi mi riferisco alla paroxetina ed altri e alla duloxetina che viene utilizzata anche per il dolore neuropatico.

Cordialità

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio