Effetti di sospensione benzodiazepine

Buongiorno dottori, volevo esporvi il mio caso per cercare di capirci qualcosa. Premetto che ho effettuato varie visite neurologiche che non hanno evidenziato alcuna alterazione,e anche vari esami(rm encefalo senza mdc, tac encefalo, potenziali evocati somatosensoriali). A 16 anni ho cominciato ad avere un senso di corpo estraneo in gola e annessa difficoltà a deglutire(visite orl tutto ok)poi dopo quasi due anni ho scoperto che era avevo il reflusso gastroesofageo, ma mi era stato detto che tali sintomi non erano dati dal reflusso(invece adesso so che è così). Questa situazione è stata quindi affrontata a 18 anni con l'inizio di una cura farmacologica con antidepressivi e ansiolitici. A 20 anni smetto da un giorno all'altro, per ignoranza, alprazolam che prendevo da 2 anni e depakin che prendevo da 2 mesi. Dopo una settimana comincio a non avere fame, ad avere difficoltà ad inghiottire anche la saliva, attacchi di panico, non volevo stare da sola. non prendo nulla e la situazione si normalizza da sola. poi dopo tre mesi circa comincia una sensazione di qualcosa che gira attorno alla lingua(parestesia) sensazioni di scosse elettriche,e dopo qualche mese ancora formicolii sensazione di eccessiva sensibilità allo sfioramento, fastidio al contatto con i vestiti, mioclonie in tutto il corpo, parestesie varie, sensazione di avere la lingua ricoperta da qualcosa che la stringe. questi sintomi persistono dopo più di due anni,anche se sono un pò attenuati, è stato ipotizzato che la sospensione di tali farmaci possa aver creato una iperecittabilità del sistema nervoso, è possibile? in tal caso, i sintomi continueranno a migliorare da soli? sono andata anche da due psichiatri, i quali non hanno ritenuto opportuno ricominciare alcuna cura con psicofarmaci, dato che l'ansia non è eccessiva,anzi spesso assente. Adesso mi sto curando per il reflusso che mi i soliti problemi e fastidi alla gola, ma per tutti questi altri sintomi cosa devo fare?posso essere de sintomi da sospensione persistenti? normalmente quanto durano?sono influenzati dal mio stato emotivo? è prevedibile che passeranno?ho solo 23 anni e non vorrei pensare di continuare ad avere questi disturbi!
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,9k 2,1k 23
Gentile Utente,

non è facile stabilire se l'origine della Sua sintomatologia sia attribuibile alla sospensione brusca dei farmaci o se in seguito alla loro sospensione c'è stato un aggravamento della situazione preesistente l'inizio della terapia. Spesso i fenomeni possono essere sovrapposti. Capisco che due psichiatri, in assenza di ansia, Le hanno sconsigliato una terapia farmacologica ma se i distubi persistessero e interferissero con la Sua vita di relazione, sarebbe opportuno pensare ad iniziare un'eventuale cura.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie, ma davvero non c'è un modo per capirne l'origine? Io non avevo nessuno di questi sintomi prima di cominciare la cura! Ovviamente dopo due anni e mezzo, non devo pensare a nessuna patologia importante e posso fidarmi dei neurologi che non hanno riscontrato nulla?potrebbe essere spasmofilia? cercando su internet ho visto che ho esattamente gli stessi sintomi di questa sindrome...
[#3]
dopo
Utente
Utente
Devo indagare su altri fronti e continuare ad effettuare periodicamente visite neurologiche o posso stare perfettamente tranquilla...in particolare da 8 giorni ho una sensazione di intorpidimento a gamba e ginocchio destri, come se ci fosse una fascia attorno,ma è una sensazione abbastanza leggera e non fastidiosa, é preoccupante? ho già informato il mio neurologo e non gli ha dato importanza...potrei essere predisposta a qualche malattia neurologica con tutti questi sintomi?
[#4]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,9k 2,1k 23
Gentile Utente,

come Lei ben capisce on line è impossibile cercare di arrivare ad una diagnosi, senza una visita diretta non è possibile.
[#5]
dopo
Utente
Utente
Ma considerando i sintomi, ed essendo già andata da neurologi e psichiatri, devo fare ulteriori visite, oppure orientarmi verso un'altra area specialistica?
[#6]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,9k 2,1k 23
Gentile Utente,

per il Suo problema gli specialisti consultati sono quelli di riferimento. Se la sintomatologia dovesse persistere o accentuarsi, sentirei il parere di un altro psichiatra.

Cordialmente
[#7]
dopo
Utente
Utente
Ok, perfetto, grazie. Penso di aver capito che può benissimo trattarsi di disturbi benigni e transitori anche se tra alti e bassi persistono da due anni e mezzo, é corretto? Nel frattempo io sto facendo un corso di training autogeno perché mi é stato detto che puo' aiutare
...visto che non ho alcuna cura per ora ma vorrei fare qualcosa per migliorare un pò, volevo sapere se c'e' qualcosa che mi consiglia per stare un pò meglio, oltre il fatto di andare da uno psichiatra se il problema peggiora.grazie per qualsiasi consiglio vorra' o potrà darmi


[#8]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,9k 2,1k 23
Gentile Utente,

on line non si possono consigliare farmaci, per questo ne parli, in attesa di un'eventuale visita psichiatrica, col Suo medico curante. Oltre al training autogeno svolga pure qualche attività sportiva in maniera costante.

Cordialità
[#9]
dopo
Utente
Utente
grazie, seguirò il suo consiglio, ma quindi ci tenevo a sapere se a questo punto è verosimile che si tratti di disturbi benigni che potranno passare..
[#10]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 67,9k 2,1k 23
Gentile Utente,

con tutti i limiti del consulto on line sembrerebbe che possa trattarsi di disturbi benigni.

Buonanotte

Il reflusso gastroesofageo è la risalita di materiale acido dallo stomaco all'esofago: sintomi, cause, terapie, complicanze e quando bisogna operare.

Leggi tutto

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test