Attivo dal 2010 al 2012
Buongiorno a tutti i dottori della sezione Neurologia (in particolare al Dottor Ferraloro che reputo uno dei migliori del sito medicitalia e non solo). Volevo raccontare un episodio verificatosi ieri. Premesso che soffro di emicrania con aura quasi esclusivamente nei periodi caldi (da Maggio/Giugno in poi, anzi da maggio fino a ieri ho avuto in tutto 3 attacchi ) e che attualmente non sto seguendo cure specifiche per questo tipo di emicrania (feci una visita circa due anni fa e il neurologo mi consigliò Relpax, mentre il medico di base Rizaliv) e quindi capita di prendere solo qualche antidolorifico durante il mal di testa.
Insomma ieri dopo 15 minuti di corsa (moderata) ho cominciato a vedere un flash a forma di cerchio ( forma di goniometro) al centro del campo visivo. Avevo capito subito che si trattava dell'aura visiva in quanto non vedevo bene le cose.e sentivo le gambe un pò pesanti... insomma alla fine volevo capire se è normale che questi attacchi possono venire anche durante l'attività fisica?

Grazie per le risposte
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

La ringrazio per le parole di stima nei miei confronti che ritengo essere immeritate.
Parlando del Suo problema Le rispondo che è possibile che un'aura possa essere provocata, a volte, da attività fisica. Dopo l'aura è subentrata l'emicrania?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Attivo dal 2010 al 2012
Salve Dottore :)
Si, dopo è subentrata l'emicrania (non tanto forte). Ho assunto delle compresse effervescenti (paracetamolo) e ho notato che man mano diminuiva.
Ora ancora sento qualche piccolo dolore quando sono sotto sforzo, ma credo che per domani mattina mi passerà completamente.

Le volevo domandare: ma per questo tipo di emicrania bisogna seguire qualche cura specifica? O va bene prendere normali antidolorifici? Secondo lei devo fare qualche visita neurologica?

La ringrazio, cordialmente

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la diagnosi di emicrania con aura chi l'ha fatta? E' mai stato da un neurologo per questo problema?
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Attivo dal 2010 al 2012
Si dottore, la diagnosi l'hanno fatta sia il medico di base che il neurologo.
La visita neurologica l'avevo fatta la scorsa estate e feci anche una risonanza alla testa (negativa). Il neurologo (che non lo vedo da un anno) mi prescrisse delle compresse (Relpax) da prendere appena compare l'aura... però non so se è questa una terapia da seguire sempre o se devono cambiare di volta in volta...

[#5] dopo  
Attivo dal 2010 al 2012
Un'altra cosa che volevo chiederle dottore è che praticamente ho letto (non so se ho fatto bene) che l'emicrania con aura se non curata adeguatamente può causare ischiemie ecc. ecc. ... è vero? Considerando che la risonanza (senza contrasto) un anno fa era negativa, si possono escludere anomalie e problemi circolatori a livello cerebrale? O è possibile che possano insorgere col tempo?

Grazie!!
Cordialmente

[#6]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la terapia col Relpax è indicata per gli attacchi emicranici e se ha beneficio va benissimo, lo può assumere ai primi sintomi dell'attacco, non lo deve sostituire. Se invece fosse poco efficace dovrebbe parlarne col Suo medico curante o col neurologo per un'eventuale sostituzione del farmaco. Potrebbe dirmi quanti attacchi emicranici ha al mese?
Per quanto riguarda l'aumento del rischio di fenomeni vascolari acuti, questo è soprattutto vero nelle giovani donne che fumano e utilizzano anticoncezionali orali.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#7] dopo  
Attivo dal 2010 al 2012
Allora mi sono segnato tutti gli episodi a partire dal 2011:

17 Febbraio: 10 minuti di aura senza emicrania (menomale, perchè stavo viaggiando)

19 Maggio: Aura circa 25' e mal di testa (il tutto è successo al termine dell'attività fisica)

26 Luglio: Aura circa 15-20' e mal di testa

14 Settembre: Aura circa 15' (durante attività fisica) e mal di testa


Che ne pensa? In tutto questo periodo sono stato sicuramente sotto stress in quanto sono stato quasi tutti i giorni sui libri per accedere all'università (ho superato il test di Fisioterapia)

Secondo lei con una sola risonanza magnetica normale, posso stare tranquillo? O servono altri accertamenti per escludere problemi circolatori?

[#8]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la frequenza degli attacchi è molto bassa. Le ho fatto questa domanda perchè se gli attacchi fossero stati 3 o più al mese si sarebbe potuto pensare ad una terapia di prevenzione che nel Suo caso non è indicata considerata la bassa frequenza degli attacchi.
Non serve in atto un'altra RM encefalica.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#9] dopo  
Attivo dal 2010 al 2012
Ok dottore, è stato chiarissimo, come sempre :-)

Speriamo che ora subentri il periodo di calma (riguardo l'emicrania e non solo!)


Cordiali saluti

[#10] dopo  
Attivo dal 2010 al 2012
Dr. Ferraloro buonasera...
Le torno a scrivere per dirle che venerdì sera ho avuto un altro attacco di aura e successiva emicrania, sempre durante la corsa.
Ho preso il Relpax e il mal di testa è stato non tanto forte, il giorno dopo non avevo più dolore.

La cosa un pò mi preoccupa: in questo mese ho già avuto 2 attacchi nel giro di 20 giorni, sempre durante l'attività fisica. Secondo lei è il caso di andare dal neurologo?

Inoltre volevo comunicarLe che ho effettuato anche alcuni esami del sangue per l'università e risultano le piastrine un pò basse (129mila).
Il medico di base mi ha detto di ripeterle tra un mese ma di non preoccuparmi, però mi sono dimenticato di riferire di questi attacchi, anche perchè pensavo che non mi ritornassero più (in genere in questo periodo si "fermano")...

Lei pensa che può esserci correlazione tra piastrine basse ed emicrania con aura? Può essere un problema circolatorio?

Giovedì farò anche un ecodoppler carotideo che avevo prenotato tempo fa per fischi all'orecchio... può essere utile?


Grazie, cordialmente

[#11]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

una delle peculiarità dell'emicrania con aura è l'irregolarità d'insorgenza, nel senso che a periodi di assoluta assenza di attacchi, anche per anni e decenni, possono seguire periodi in cui questi si presentano frequentemente, in alcuni soggetti anche più volte a settimane. Pertanto la presenza di due attacchi in 20 giorni non deve preoccuparla. Esluderei un nesso con le piastrine basse (piastrinopenia) di cui si dovrebbe ricercare la causa se dovessero persistere.
Come farmaci assume soltanto il Relpax al bisogno o ne assume altri anche per motivi diversi?
Ok per ecodoppler dei vasi sovraortici.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#12] dopo  
Attivo dal 2010 al 2012
Salve...

Come farmaci ho usato il Relpax solo venerdì (non lo usavo dall'anno scorso), invece quando ho avuto il penultimo attacco ho assunto il paracetamolo, che ha fatto un buon effetto... non ne assumo altri


Grazie, buonaserata

[#13]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

Le avevo fatto la domanda perchè alcuni farmaci possono causare piastrinopenia, come il paracetamolo ma ritengo che una sola assunzione non possa causare il problema.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#14] dopo  
Attivo dal 2010 al 2012
Buonasera Dr. Ferraloro.... volevo riaprire questo post in quanto un paio di giorni fa mi è capitato un episodio che mi ha messo in allarme!!

Mi trovavo a lezione all'università... durante la pausa pranzo ero andato in bagno, e qualche minuto dopo aver urinato, ho avuto un forte offuscamento visivo all'occhio sinistro, l'episodio è durato tra i 5 e i 10 secondi... ma me la sono vista davvero brutta... pensavo mi stesse per venire tipo una neurite, che so... fatto sta che dopo qualche ora e mezza invece ho avuto un attacco di aura emicranica (quando praticamente stava per finire la lezione) e, come al solito, sono tornato a casa col mal di testa!

Diciamo che la cosa che mi ha preoccupato non poco non è stata l'emicrania e il disturbo visivo che la precede... quanto quell'episodio improvviso di offuscamento.... proprio perchè è stato improvviso, mentre l'aura compare gradualmente...

Ovviamente il giorno dopo sono andato dal medico... che ha trovato la pressione un pò alta (135-90) ... e ha detto che non è tanto normale alla mia età. Siccome ero andato di pomeriggio, mi ha detto di misurarla di mattina per vedere se resta uguale. Andrò lunedì mattina, avendo il giorno libero...

in ogni caso mi ha prescritto oltre alla visita neurologica... anche quella cardiologica..


Secondo lei dottore... potrebbe essersi trattato di qualche episodio ischemico transitorio?? O di neurite?? O anche stress?? Preciso che era il mio primo giorno universitario... e in effetti ero un pò teso ed "emozionato"....


Grazie, cordialmente


ps... : per quanto riguarda le piastrine, ho ripetuto anche l'esame del sangue circa 10 giorni fa e sono tornate nella norma (152)

[#15]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

anche quell'episodio potrebbe essere inquadrato nell'aura, considerato che poi si è manifestata quella classica con emicrania. Ovviamente è solo un'ipotesi.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro

[#16] dopo  
Attivo dal 2010 al 2012
Ah.... quindi si potrebbe escludere una neurite?? Cioè la neurite può essere anche transitoria e durare pochi secondi come nel mio caso???

Grazie

Cordiali saluti

[#17]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

una neurite ottica che dura pochi secondi non esiste.

Buon fine settimana
Dr. Antonio Ferraloro

[#18] dopo  
Attivo dal 2010 al 2012
La ringrazio!!

Buon fine settimana anche a Lei!!!