Il mio medico mi ha detto che sono attacchi d'ansia

Buongiorno, sono diversi mesi che ho alcuni disturbi che mi rendono la vita difficile.
Durante il giorno mi capita ogni tanto ma i sintomi si acuiscono specialmente la sera quando mi siedo a guardare la tv o generalmente in fase di relax. Mi sento la testa pesante, come fasciata, tachicardia, seonso di pericolo imminente, sensazione di svenimento se non mi sforzo a restare presente (non sono mai svenuta), cuore che pulsa nelle orcchie dall'interno verso l'esterno, pelle del viso che tira, nodo alla gola, mani sudate, tremolii sottocutanei, senso di aver qualcosa sul viso (es capello). Questo mi genera un'ansia fortissima, poi è sufficiente che mi alzo faccio qualche lavoretto oppure parlo con qualcuno o esco a fare una passeggiata e i sintomi si attuiscono o scompaiono del tutto. Il mio medico mi ha detto che sono attacchi d'ansia e mi ha prescritto XANAX che prendo due volte al giorno 10 gocce. Sono andata dal neurologo che mi ha prescritto EEG E TAC eentrambi negativi appoggiando la diagnosi del mio medico. Nel 1994 dopo una brutta varicella fatta a 31 anni per un anno ho avuto gli stessi sitntomi. Ho assunto per un anno lexotan e poi i sintomi sono spariti e ho smesso di prendere la medicina. Adesso dopo 18 anni è ricomparso tutto probabilmente dopo che mia figlia tre anni ga ha avuto due episodi di epilessia rolandica (oggi completamente guarita) che ha fatto si che per due anni io passssi tutte le sere in ansia fino a che non si addormentava. Può essere una causa? Io sono comunque da sempre ansionsa di carattere e in più sono entrata in pre menopausa e il mio ginecologo ha detto che alcuni sintomi possono riguardare anche questa sfera. Cosa posso fare? Vi prego vorrei risolvere questa cosa perchè la qualità della mia vita è notevolmente diminutita e odio sentirmi cosi. Grazie per le risposte che mi potete dare.
[#1]
Dr. Antonio Ferraloro Neurologo 66,6k 2k 23
Gentile Signora,

ritengo che la terapia con xanax sia insufficiente per curare il Suo problema. A mio parere andrebbe associato qualche altro farmaco che agisca in profondità e per un lungo periodo di tempo.
Le consiglio pertanto di parlarne con uno psichiatra per avere una diagnosi prescisa ed una terapia adeguata.

Cordiali saluti

Dr. Antonio Ferraloro

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio