Utente 143XXX
Gentile dottore, ho 30 anni e vita sedentaria, spesso di fronte al pc. Da 6 giorni avverto un leggero fastidio in un punto preciso della testa (parte alta centro dx), indicibile con 2-3 dita. Ho preso tachicaf e Naproxene ma non mi passa. Mi sveglio al mattino e sento che è lì. I primi due giorni era associato a mal di testa un po' diffuso, ora invece avverto solo questo fastidio, a volte come piccolo bruciore, altre volte come leggera pressione, altre volte come leggera fitta. Ovviamente non mi fa male ma è spessissimo lì. A volte però me lo "dimentico" ma appena ci metto un po' d'attenzione torna. MI sento il collo un po' contratto e stamattina facendo degli esercizi sul cuscino, abbassando la testa, mi sono accoro che pressando sul cranio e allungando il collo, avvertivo il dolore che cresceva non solo in quel punto ma in tutta la parte alta della testa. Le chiedo: cosa potrebbe essere? Il doloretto in un solo punto, da una settimana, fa pensare a un possibile aneurisma o a un inizio di tumore?!? Oppure potrebbe trattarsi semplicemente di cefalea muscolo-tensiva? E se sì durerebbe tutti questi giorni questo piccolo-grande fastidio? La ringrazio sin d'ora per la risposta. Cordialità...

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

escluderei i problemi da Lei menzionati. L'aneurisma non dà sintomatologia prima della rottura.
Anche la cefalea da tumore cerebrale avrebbe caratteristiche diverse.
La vita sedentaria e la postura prolungata al pc potrebbero invece essere una possibile causa. E' chiaro che a distanza queste sono solo ipotesi. Se il problema dovesse persistere ne parli col medico curante.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 143XXX

Grazie dottore, per la celerità della risposta. E' un servizio prezioso quello che compie....Un'ultima domanda: crede opportuno dover fare una cura di analgesici di qualche giorno in maniera continuativa per verificare se quel punto "dolorante" possa attenuarsi? Oki, aulin, efferalgan, tachicaf? Quale crede sia più efficace nel mio caso? SO CHE E' UN CONSULTO ON LINE E TUTTO VA PRESO CON LE DOVUTE CAUTELE ma è giusto per non fare il "fai da te". Grazie mille dottore..... Le auguro una "solare" domenica

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

per quanto riguarda la somministrazione di farmaci, non è possibile dare indicazioni on line, Le consiglio di girare la domanda al Suo medico curante che certamente Le darà il consiglio più utile al Suo caso.

Solare domenica anche a Lei (anche se qui è nuvoloso!!!)
Dr. Antonio Ferraloro