Utente 188XXX
Salve. Ho 24 anni, peso 55 chili e fino a gennaio del 2011 sono sempre stato benissimo. Ma all'improvviso, in quel mese un bel giorno mi svegliai con palpitazioni e formicolii all'emisoma sinistro che mi durarono per 15 giorni e poi sparirono misteriosamente. Feci una tac al cervello dopo essere andato in pronto soccorso, dalla quale non è risultato nulla. Insieme a tutti questi sintomi comparve anche una febbricola (37,3) che tutt'oggi ancora è presente, ma che io cerco di ignorare, visto che l'anno scorso feci tantissimi esami per tentare di capirne il motivo, ma non è uscito fuori nulla. L'anno scorso ero molto ansioso e preoccupato, mentre poi con l'arrivo dell'estate 2011 mi sono tranquillizzato e ho iniziato a non pensarci più.
Però adesso ci sono alcuni problemi che non riesco ad ignorare. E cioè il fatto che da allora ho ogni tanto dei mal di testa, capogiri, dolori alla fronte, alla nuca e al collo, insieme a sensazioni strane come dei formicolii al braccio sinistro e alla gamba sinistra... proprio come un anno fa. E ho questi sintomi soprattutto quando sono fuori casa. In più mi da fastidio la luce, e mi sembra che contribuisca a farmi venire mal di testa. E mentre cammino a volte sento le gambe deboli e mi sembra che da un momento all'altro potrei perdere l'equilibrio e cadere. In più, quando salgo le scale mi viene dolore alla testa, che poi scompare dopo qualche minuto. E questo forse è il sintomo che più mi preoccupa. Oggi poi per esempio ho un mal di testa abbastanza fastidioso e continuo, e solitamente non li ho di questa intensità. Mi è venuto dopo essere uscito, e probabilmente ho preso un colpo di vento, che oggi era forte. Ma possibile che sia diventato cosi sensibile a soli 24 anni?
Dunque la mia domanda è questa: i disturbi circolatori cerebrali LIEVI, o qualsiasi patologia cardiaca che possa portare a problemi LIEVI di irrorazione cerebrale, si diagnosticano facilmente con questi esami che ho eseguito? Gli esami sono: tac cerebrale SENZA mezzo di contrasto, ecografia delle carotidi (presso studio ecografico e non presso un angiologo) , elettrocardiogramma ed ecocardio. Se avessi un problema circolatorio sarebbe venuto fuori sicuramente alla tac senza mdc che ho eseguito? Lo so che la quantità di sintomi che ho descritto fa subito pensare a disturbi d'ansia, ma io a livello di serenità sto molto meglio rispetto all'anno scorso, e non vado da un medico da quasi un anno, eppure questi disturbi (specie fuori casa) continuano ad esserci. Ringrazio anticipatamente qualunque medico voglia darmi un suo parere.

[#1]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

dal Suo racconto la sintomatologia sembrerebbe di tipo ansioso, considerato che i sintomi sono di breve durata e si manifestano soprattutto fuori casa. Ciò non esclude che possa essere associata, per es., una cefalea di tipo tensivo. La TC, anche senza mezzo di contrasto, evidenzia problemi circolatori cerebrali che, tuttavia, sono meglio rilevavbili alla RM encefalica. Ha effettuato l'anno scorso una visita neurologica?

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 188XXX

La ringrazio molto dottor Ferraloro per aver letto il mio lungo racconto e per avermi risposto. Si in pronto soccorso dopo la tac mi portarono nel reparto di neurologia per una visita da cui non si evidenziò nulla. Tuttavia fu una visita abbastanza veloce di 5-10 minuti. In effetti al posto della tac avrei preferito la RMN anche perchè non è dannosa, ma purtroppo quella mi fecero. Comunque sul fatto che i problemi si presentano soprattutto fuori casa, pensavo potesse essere dovuto agli sforzi maggiori che compio camminando a lungo, o anche alla luce intensa, e ho pensato che potrebbero essere fattori che intensificano dei piccoli problemi di cui magari in casa non mi accorgo. Altre volte raramente mi capita per esempio di avvertire una intensa sensazione di gambe bagnate, mentre invece sono perfettamente asciutte.
La cosa che invece mi succede quasi sempre, è il mal di testa che mi viene quando salgo le scale e che dura solo per quei minuti in cui il cuore batte più forte. A cosa può essere dovuto? E' fisiologico? La ringrazio ancora, dottore e la saluto cordialmente.

[#3]  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
BROLO (ME)
FICARRA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

la cefalea che si presenta dopo avere fatto le scale potrebbe essere una forma atipica della cosiddetta cefalea da sforzo, ma va interpretata da un neurologo per avere una diagnosi corretta in quanto questa è solo un'ipotesi a distanza.
Se i disturbi dovesssero persistere valuti l'opportunità di un controllo neurologico.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 188XXX

La ringrazio dottore. Spero solo non sia nulla di preoccupante e di pericoloso a lungo termine. Buona serata.